Faraona

Forse non tutti sanno che la faraona è un uccello originario dell'Africa, a Sud del deserto del Sahara, che è stato introdotto in Europa e nel resto del mondo solo in tempi recenti (dal XVIII secolo).

 

 

La faraona (Numida meleagris) appartiene alla famiglia dei Numididi ed è un uccello commestibile, anche se poco diffuso sulle tavole italiane, molto di più in quelle francesi.

La faraona viene anche chiamata gallina faraona, gallina numidica, gallina africana, gallina di Guinea, gallina del faraone

La faraona è di taglia medio-grande, di dimensioni maggiori della gallina, più simili a quelle del fagiano, di circa 1,5-2 kg di peso. 

Il piumaggio è molto scuro, grigio-nero, puntinato di bianco, il becco è corto, convesso e ricurvo verso il basso, la testa è solitamente priva di piume così come le zampe che sono lisce. La coda è molto corta e pende verso il basso.

La faraona è una specie gregaria, vive in stormi di circa 25 esemplari, inoltre è terrestre, poco adattata al volo, ma abile nella corsa (può compiere tranquillamente 10 km al giorno).

Si ciba di tutto quello che trova nel terreno: insetti, rettili, vermi, semi, frutta e verdura. 
La stagione riproduttiva è l'estate durante la quale necessita di climi caldi e secchi. 

La faraona è un uccello difficile da addomesticare e da allevare poiché soprattutto i maschi hanno un carattere molto aggressivo, per questo viene spesso ibridata con le galline per renderla più mansueta.

 

 

La faraona in cucina

Faraona carne

La faraona viene spesso considerata alla stregua di una grossa gallina, in effetti dal punto di vista nutrizionale i suoi valori sono del tutto simili a quelli del pollo. Anche i tagli della carne sono gli stessi.

Ci sono però alcune differenze: la carne della faraona è (poco) più grassa di quella di pollo (e in ogni caso molto dipende dal pollo la cui quantità di grasso può variare parecchio), la sua pelle è più spessa, e la sua carne più scura e con un aroma tipico, più forte di quello del pollo.

In cucina la faraona viene utilizzata soprattutto nelle cotture arrosto per occasioni speciali come le festività natalizie o il cenone di Capodanno, per preparare arrotolati ripieni (quando disossata) o il brodo, oppure in umido.

In Emilia una ricetta tipica è la faraona alla leccarda, mentre nelle Marche la faraona viene usata per preparare il brodo dei cappelletti e poi consumata come bollito proprio il giorno di Natale. 

Un consiglio, sempre meglio marinare la faraona per alcune ore, anche tutta la notte, prima di cuocerla.

Della faraona vengono consumate anche le uova, lievemente più grandi rispetto a quelle di gallina, un po' come quelle di anatra.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Polenta di mais

La polenta, bianca o gialla, è un tipico piatto povero del Nord Italia.


Saltare la colazione: fa male o fa dimagrire?

Saltare la prima colazione o farla non influisce sul peso corporeo nel lungo termine, ma alcuni studi a breve termine giungono a conclusioni diverse.


La buccia della frutta è ricca di vitamine?

La buccia della frutta non contiene in genere grandi quantità di vitamine, che sono per la maggior parte presenti invece nella polpa del frutto.


Castagne - Castagna e Marroni

Le castagne e i marroni, un frutto atipico molto ricco di carboidrati.

 


Panettone: artigianale o industriale?

Panettone industriale, artigianale o di pasticceria? Come scegliere il panettone ideale per le feste natalizie.


Proteine dell'uovo

Le proteine dell'uovo hanno una qualità eccezionale e andrebbero consumate più spesso.


Albume d'uovo pastorizzato: ricette equilibrate

Albume pastorizzato: un ottimo alimento proteico molto versatile che si presta alla preparazione di ricette gustose ed equilibrate.


Amaranto: superfood o alimento inutile?

Amaranto: alimento fondamentale per gli Aztechi e gli Incas, riscoperto dagli occidentali negli anni 60.