Certificazione "prodotto italiano"

Indice delle risposte pubblicate

Buongiorno, mi chiamo Angela, stavo cercando informazioni sulle farine, e mi sono imbattuta nel vostro sito: è molto bello ed interessante, ma soprattutto di facile consultazione e chiaro nelle sue spiegazioni, complimenti! Ho pensato così di scrivervi per richiedervi un informazione in particolare: girando per i banchi frigo del supermercato, ho notato che ci sono prodotti sulla cui confezione è stato inserito un marchio rotondo con i colori della bandiera italiana ed una dicitura che dice pressoché cosi: prodotto italiano o prodotto in Italia. La mia domanda è: un azienda per ottenere questo marchio deve seguire un particolare disciplinare di produzione? Esiste un ente pubblico a cui bisogna fare domanda per ottenere questo marchio? Vi ringrazio per la risposta datami e vi saluto.

 

 

Cara Angela,

la tua mail pone una questione importante sulle certificazioni di qualità. Proprio ieri ho pubblicato un articolo che fornisce una valutazione oggettiva sui salumi DOP e IGP italiani. Si può notare come queste due certificazioni, tra le più note e importanti, in realtà spesso certificano ben poco. Quindi, di fronte a una certificazione di qualità, bisogna comportarsi esattamente come hai fatto tu, ovvero chiedersi:

  1. quale caratteristica del prodotto viene certificata?
  2. è possibile risalire al disciplinare di produzione, ovvero alle regole che l'azienda deve soddisfare per ottenere la certificazione?
  3. tali regole garantiscono una qualità oggettivamente superiore a qualunque altro prodotto sul mercato?

 

 

È evidente che queste risposte devono ottenere una risposta senza impiego eccessivo di tempo e risorse.

Non possiamo di certo pensare di perdere un pomeriggio per cercare di capire quali caratteristiche possiede un prodotto. Per esempio, i formaggi DOC esistono da una vita, ma se prendiamo un italiano a caso e gli chiediamo cos'è un formaggio DOC, 10 a 1 che non sa che pesci pigliare.

Le DOP e le IGP, invece, sono molto più note al grande pubblico e in molti sanno più o meno cosa significano e cosa certificano. Internet è un ottimo strumento per capire se una certificazione è promossa nel modo giusto: se voglio sapere cos'è un prodotto DOP o IGP ci metto 3 secondi, se voglio sapere cos'è un "prodotto italiano", le cose si complicano: io in 15 minuti di ricerca ho trovato ben poco (nessuna immagine del bollino!).

 

 

Idem se la certificazione riguarda un prodotto biologico: tutti sanno più o meno cos'è l'agricoltura biologica e le informazioni si possono reperire velocemente.

Dunque se trovate una certificazione che non fornisca anche le informazioni necessarie a capire che cosa certifica (siti internet, numeri verdi, spiegazioni sull'etichetta stessa) prendetela con le molle: potrebbe essere uno specchietto per le allodole.

Nel caso specifico, magari il prodotto è trasformato in Italia ma le materie prime sono estere... E poi, francamente, io non mi sentirei più sicuro solo sapendo che un prodotto è fatto in Italia, come se questo bastasse a garantirne la maggior qualità.

Le schifezze le facciamo qui come all'estero, io desidero essere garantito sulla qualità oggettiva del prodotto (per esempio presenza o meno di additivi nocivi, ecc.) e non solo sulla sua provenienza.

Per esempio, questa estate sono andato in Francia, ho percorso in auto tutta la zona centrale dal mare alla Borgogna e per 500 km non ho visto altro che mucche al pascolo senza soluzione di continuità. Se quella è la carne francese che arriva in Italia, beh, ben venga la carne francese! In Italia le mucche al pascolo sono una cosa in via di estinzione...

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Posta dei visitatori


Perseverare è diabolico

Ho un dubbio che mi turba da molto tempo, sono un ragazzo che ha fatto parecchie volte diete drastiche con risultati ottimi in breve tempo...


Il calcolo della massa grassa

Mi chiedevo come sia possibile che una semplice bilancia misuri anche il metabolismo, la massa grassa, magra ecc...


La dieta Lemme: geniale o banale?

Dieta Lemme: la dieta del farmacista di Desio basata su spaghetti insipidi a colazione.


Eritritolo: un nuovo dolcificante

Ho trovato un prodotto che mi ha incuriosita, il Lakanto, un dolcificante usato e proveniente dal Giappone...

 


Uova a colazione

Uova a colazione: per tutta la vita ho trovato disgustosa la colazione all'italiana fatta di marmellate, cornetti, latte ecc...


Alimentazione e sport serale

Che tipo di cena potrebbe fare per poter avere una "veloce" digestione dopo lo sport serale?


Facciamo confusione...

Come se già non ce ne fosse abbastanza. E poi ci si lamenta se crescono i problemi dovuti al rapporto tra la persona e il proprio peso.


Qualità del gelato

Ultimamente faccio caso alla tabella degli ingredienti ormai presente in molte gelaterie artigianali...