Intolleranza al lievito

Indice delle risposte pubblicate

Sono intollerante al lievito.
Quali sono i prodotti da forno (pane biscotti...) senza?
Silvia

 

 

Cara Silvia,
il lievito di birra è composto prevalentemente da Saccharomyces cerevisiae, un fungo la cui fermentazione provoca la produzione di alcool (viene infatti utilizzato nella produzione di vino e birra) e anidride carbonica.
Viene usato per far lievitare i prodotti da forno, poiché l'anidride carbonica in esso contenuta, intrappolata nel reticolo proteico dell'impasto, fanno gonfiare l'impasto stesso. Quindi è presente in tutti i prodotti da forno lievitati.
Il lievito madre, o pasta acida, o lievito naturale (termine improprio: cosa c'è di più naturale dei funghi!?!?) contiene invece una famiglia di microorganismi fermentativi, che casualmente vanno a depositarsi in un impasto fatto sostare a temperatura ambiente. Potrei dirti che per evitare il lievito di birra potresti acqiustare prodotti fatti con il lievito madre, ma sarebbe profondamente sbagliato: andando ad analizzare la popolazione di microorganismi di un lievito madre qualunque, troveremmo anche il Saccharomyces cerevisiae, quindi se tu sei intollerante a questo microorganismo (o a un prodotto del suo metabolismo), non dovresti assumere prodotti lievitati con lievito madre.
Quindi i prodotti che fanno al caso tuo sono quelli che non contengono nessun tipo di agente lievitante naturale, ovvero i prodotti da forno secchi come alcune gallette e alcuni grissini. Ovviamente basta leggere in etichetta per scoprirlo. Anche gli alcoolici fermentati, come birra e vino, sono ovviamente da escludere.
Se non sei allergica al lievito chimico, puoi ovviamente consumare tutti i prodotti lievitati con tale innocuo agente chimico (sugli ingredienti troverai la dicitura "agente lievitante" seguito dalla sigla o dal nome del composto chimico).

Concludo con una domanda/osservazione: chi ti ha detto che sei intollerante al lievito e quale test lo ha dimostrato?
Spesso l'intolleranza viene proposta come causa di molti mali da molti terapeuti, senza una base scientificamente accettata a supporto della diagnosi (vedi articolo sulle intolleranze alimentari).
Se sei veramente intollerante al lievito, eliminalo per due settimane dalla tua alimentazione, se i sintomi che ti hanno portato dal medico non regrediscono in modo totale, allora il lievito NON è la causa del tuo male, e la sua esclusione diventa una inutile castrazione alimentare.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Posta dei visitatori


Facciamo confusione...

Come se già non ce ne fosse abbastanza. E poi ci si lamenta se crescono i problemi dovuti al rapporto tra la persona e il proprio peso.


Qualità del gelato

Ultimamente faccio caso alla tabella degli ingredienti ormai presente in molte gelaterie artigianali...


Alimentazione per crescita muscolare

La giusta alimentazione per la crescita muscolare senza incappare in pregiudizi alimentari.


Il miele fa bene... Ma non per la tosse!

Salve ho letto il vostro articolo e sono andata anche nel sito dell'istituto nazionale apicoltura, che avevate sottolineato...

 


Polemiche sul pesto genovese

noto nella ricetta del pesto genovese due errori notevoli specie per un enogastronomo, per di più genovese...


Stanchezza e allenamento

Il fenomeno della stanchezza dopo l'allenamento: il recupero.


Muscoli dopo i 35 anni?

Dopo i 35 anni è ancora possibile aumentare la massa muscolare?


Sfiducia nella dietologia

Recentemente mi sono rivolto alle patate (80 calorie) per ingerire qualcosa al posto della pasta (370 calorie)...

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.