Il sushi per i diabetici

Indice delle risposte pubblicate

Gentili signori... sono venuto a conoscenza del vostro sito da un collega. Vorrei un consiglio: ho bisogno di preparare il riso per il sushi anche per i diabetici (mio padre lo è) e quindi vorrei capire se c'è un modo per sostituire come legante lo zucchero e cucinare il riso per togliergli l'amido. È possibile?

 

 

Il riso sushi si può preparare con una varietà di riso coltivata anche in Italia, il riso originario, senza dover spendere un patrimonio per acquistare quello specifico per sushi, ormai in vendita in tutti i supermercati.

Per preparare il riso sushi bisogna lavare accuratamente il riso sotto l'acqua corrente, finché questa non diventa quasi trasparente, cioè fino a quando tutta l'amilopectina (una delle due forme - l'altra è l'amilosio - di amido presenti nel riso) presente in superficie non viene completamente eliminata. Tale amilopectina è quella che va in soluzione nel brodo di cottura del risotto per formare la "crema", fondamentale per la riuscita di un buon risotto, ma deleteria nella preparazione del sushi dove il riso deve diventare appiccicoso.

Si potrebbe pensare che questo amido eliminato riduca significativamente quello totale presente nel riso, e quindi che il riso sushi sia meno calorico di un risotto tradizionale, in realtà facendo qualche considerazione quantitativa si scopre che la riduzione calorica (e di carboidrati) è minima.

La crema che si forma nel risotto è una salda d'amido, costituiti da amido che, a contatto con l'acqua bollente, la assorbe gonfiandosi e formando un composto denso e colloso. Provate a scaldare 100 g di acqua con 10 g di maizena (o amido di frumento, o farina di riso, o farina di frumento): otterrete un composto molto denso, molto di più di quello che ottenete in un risotto. Dunque, l'amido rimosso lavando 100 g di riso può essere stimato in qualche grammo, diciamo 3-4 g, pari al 5% del totale, una quantità trascurabile, nè è possibile ridurlo in altro modo.

 

 

Comunque il riso non è vietato ai diabetici, come la pasta e il pane, il diabetico dovrebbe sapere quanto ne può mangiare e regolarsi di conseguenza. Per esempio, se al diabetico sono consentiti 50 g di riso crudo, equivalenti a poco meno di 150 g di riso cotto, egli potrà mangiare fino a 10 nigiri che contengono 15 g di riso cotto l'uno. Sarà quindi sufficiente pesare il riso contenuto in un nigiri (o in un maki) e calcolare la quantità che il diabetico può mangiare in funzione della sua dieta "standard".

Per quanto riguarda lo zucchero, bisogna considerare che non è un legante, ma serve per dare sapore al riso, che nel sushi deve avere la caratteristica nota dolce-acida-salata. Omettendo lo zucchero, la consistenza sarà comunque perfetta, perché non corregge la consistenza, ma solo il sapore del riso.

D'altronde si può sostituire con il fruttosio, che ha un bassissimo indice glicemico ed è adatto anche per i diabetici, nella misura di un cucchiaino per 100 g di riso crudo, per un totale di 5 g su 100 g di riso che si possono tranquillamente trascurare se il diabetico assumerà, supponiamo, 50 g di riso crudo.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Posta dei visitatori


Perseverare è diabolico

Ho un dubbio che mi turba da molto tempo, sono un ragazzo che ha fatto parecchie volte diete drastiche con risultati ottimi in breve tempo...


Il calcolo della massa grassa

Mi chiedevo come sia possibile che una semplice bilancia misuri anche il metabolismo, la massa grassa, magra ecc...


La dieta Lemme: geniale o banale?

Dieta Lemme: la dieta del farmacista di Desio basata su spaghetti insipidi a colazione.


Eritritolo: un nuovo dolcificante

Ho trovato un prodotto che mi ha incuriosita, il Lakanto, un dolcificante usato e proveniente dal Giappone...

 


Uova a colazione

Uova a colazione: per tutta la vita ho trovato disgustosa la colazione all'italiana fatta di marmellate, cornetti, latte ecc...


Alimentazione e sport serale

Che tipo di cena potrebbe fare per poter avere una "veloce" digestione dopo lo sport serale?


Facciamo confusione...

Come se già non ce ne fosse abbastanza. E poi ci si lamenta se crescono i problemi dovuti al rapporto tra la persona e il proprio peso.


Qualità del gelato

Ultimamente faccio caso alla tabella degli ingredienti ormai presente in molte gelaterie artigianali...

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.