Ancora sulle marmellate senza zucchero

Indice delle risposte pubblicate

Ciao Andrea, ho letto l'articolo sulla marmellata dietetica e ci sono rimasta un pò male... nel senso che io, al contrrio di quanto scrivi tu, non riesco a tollerare la dolcezza delle marmellate normalmente in commercio (ad esempio, se sono in vacanza in albergo, non posso fare la mia solita colazione con fette biscottate e marmellata a meno che io non mi porti la marmellata da casa). Sono affezionata alla Hero Diet. La trovo buona e con poche calorie. Sulla confezione c'è scritto: - zuccheri totali 25 g su 100 g - frutta utilizzata 60 g su 100 g Non viene scritto da nessuna parte che è una marmellata senza zucchero, semplicemente è una marmellata ipocalorica. E la trovo migliore di quelle normali. Che ne dici? Sono troppo abituata al "non dolce" (dire amaro sarebbe una bugia)? In effetti, devo dire che il mio fidanzato non la trova molto appagante, ma sua madre per fare la marmellata mette 1 kg di zucchero per 1 kg di frutta.... bleahhhh! Ciao!

 

 

Cara Chiara,

la tua mail è un ottimo test per valutare la propria coscienza alimentare e, in generale, il proprio spirito critico.

Innanzitutto ci tengo a precisare un paio di cose molto importanti:

  1. quando dico che le marmellate con meno del 30-35% di zucchero difficilmente svolgono il loro compito di dolcificante, non escludo che ci possano essere persone che apprezzino queste marmellate e le ritengano sufficientemente dolci. A patto, però, che la marmellata venga utilizzata come dolcificante e non come alimento: anche a me piace mangiare a cucchiaiate una marmellata con il 25% di zucchero, ma non si tratta più di una marmellata, è un dolce al cucchiaio!
  2. il gusto del dolce non può essere utilizzato per valutare la % di zuccheri di una marmellata, perché la dolcezza dipende anche dall'acidità del prodotto. Una marmellata col 40% di zuccheri senza acidificante può risultare più dolce (il termine esatto è stucchevole) di una marmellata al 60% di zuccheri con l'acidificante.

 

 

Quindi, bisogna sempre partire dalle calorie (o % di zuccheri, che è la stessa cosa): se inferiori a 180-200 (45-50% di zuccheri), il prodotto è valido, se superiori la valutazione è inferiore e il prodotto, a mio parere, è da scartare.

Veniamo alla Hero Diet: è vero che ha solo il 25% di zucchero, ma la dolcezza non è corrispondente a questa % di zuccheri, perché la Hero Diet contiene anche aspartame, un dolcificante sintentico a zero calorie. L'aspartame aumenta la dolcezza della marmellata rendendola equivalente a un prodotto con una % di zucchero superiore. Quindi mai farsi ingannare dal gusto, almeno non prima di aver letto gli ingredienti e l'etichetta nutrizionale!

Le marmellate che trovi negli alberghi (piccolo consiglio: quando si va in vacanza perché non sfruttare l'occasione per mangiare i prodotti del territorio invece di ostinarsi a mangiare come a casa?) hanno in genere il 60% di zuccheri, se le trovi troppo dolci è probabile che la dolcezza sulla quale sei tarata corrisponde a una marmellata al 40% di zuccheri, guardacaso la % che io ritengo essere ottimale.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Posta dei visitatori


Perseverare è diabolico

Ho un dubbio che mi turba da molto tempo, sono un ragazzo che ha fatto parecchie volte diete drastiche con risultati ottimi in breve tempo...


Il calcolo della massa grassa

Mi chiedevo come sia possibile che una semplice bilancia misuri anche il metabolismo, la massa grassa, magra ecc...


La dieta Lemme: geniale o banale?

Dieta Lemme: la dieta del farmacista di Desio basata su spaghetti insipidi a colazione.


Eritritolo: un nuovo dolcificante

Ho trovato un prodotto che mi ha incuriosita, il Lakanto, un dolcificante usato e proveniente dal Giappone...

 


Uova a colazione

Uova a colazione: per tutta la vita ho trovato disgustosa la colazione all'italiana fatta di marmellate, cornetti, latte ecc...


Alimentazione e sport serale

Che tipo di cena potrebbe fare per poter avere una "veloce" digestione dopo lo sport serale?


Facciamo confusione...

Come se già non ce ne fosse abbastanza. E poi ci si lamenta se crescono i problemi dovuti al rapporto tra la persona e il proprio peso.


Qualità del gelato

Ultimamente faccio caso alla tabella degli ingredienti ormai presente in molte gelaterie artigianali...