Annie Feolde

Annie Feolde è l'executive chef del ristorante Enoteca Pinchiorri di Firenze, tre stelle Michelin dal 1993. Annie Feolde è probabilmente più conosciuta al grande pubblico per aver partecipato come ospite alla quarta edizione di Masterchef (2015) e per essere tra i giudici del programma Top Chef (2016) in onda su Canale 9 assieme a Moreno Cedroni, Mauro Colagreco e Giuliano Baldessari.

 

 

Ma questa donna detiene un grande primato a livello internazionale che l'ha già precedentemente resa nota e apprezzata ad un pubblico di nicchia, quello dei gastronomi e degli appassionati del settore: Annie Feolde è stata, infatti, la prima donna ad ottenere tre stelle Michelin in Italia e nel mondo, se escludiamo la Francia.

Assieme a suo marito, Giorgio Pinchiorri, ha fatto del suo ristorante Enoteca Pinchiorri una meta tra le più prestigiose e apprezzate in Italia e in Europa. Oggi ad affiancarla ci sono due altri chef giovani e talentuosi: il suo secondo, l'executive chef Riccardo Monco e il sous-chef Alessandro della Tommasina.

Ma vediamo come Annie Feolde è arrivata fino a questa meta importante.

I primi passi di Annie Feolde

Annie Feolde

Annie nasce in Francia, a Nizza, nel 1944, e la sua passione per l'Italia la porterà venticinquenne a Firenze a voler studiare l'italiano. Troverà lavoro nella cucina di un ristorante chiamato Red Bull (che oggi non esiste più ma al suo posto c'è Il Giglio Rosso). Annie è nipote di albergatori e anche i suoi genitori erano nel settore della ristorazione quindi conosce bene i sacrifici che si devono fare per questo tipo di lavori, lavorare fino a tardi tutti i giorni della settimana e dell'anno con una dedizione assoluta al lavoro, ma il destino sembra essere più forte del suo tentativo di uscire da questo schema che la fa sentire stretta, almeno agli inizi.

 

 

Un evento decisivo nella sua vita sarà quando conoscerà Giorgio Pinchiorri, suo futuro marito, nel 1972.

Pinchiorri lavorava come sommelier nell'allora Enoteca Nazionale, locale che decise di rilevare e acquistare nel 1979 per chiamarlo poi con il suo cognome, Pinchiorri, e per far entrare in cucina sua moglie, Annie. Agli inizi, Annie prepararava il buffet per accompagnare i vini proposti da Giorgio, non era ancora una vera e propria chef, ma sicuramente dimostrava già un grande intuito e un grande talento, dato che stiamo parlando di un'epoca nella quale ancora non andava di moda "fare l'aperitivo".

I due inizieranno subito a farsi conoscere e apprezzare, la Guida Michelin menzionerà il loro ristorante come uno dei migliori di Firenze già nel 1981.

Nel 1982 Annie viene premiata con la prima stella, nel 1983 con la seconda stella e nel 1993 con la terza stella, che in questi ultimi decenni ha sempre mantenuto.

Madame Feolde, come viene spesso soprannominata dai giornalisti, è una donna dall'animo sensibile e dolce, che mostra un grande rispetto per la cucina, per gli ingredienti e per i piatti che compongono il suo menù che, oltre ai grandi classici e a una carta più o meno stabile nel corso degli anni, propone stagionalmente un menù diverso con prodotti di stagione.

La sua filosofia di cucina guarda sicuramente all'innovazione ma sempre con un occhio alla tradizione locale e tradizionale.

La coppia Pinchiorri-Feolde ha anche aperto altri due ristoranti internazionali, uno a Tokyo nel 1992 e uno a Dubai nel 2016. 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina

Polpette di tonno e patate al forno

Cerchi una ricetta per far mangiare il pesce in modo divertente ai propri figli? Una soluzione potrebbe essere rappresentata dalle polpette di tonno e patate al forno.

Torta di mele light: può un cibo essere dietetico?

Spesso i dolci sono spesso banditi dalle diete, anche se in realtà è possibile preparare torte leggere e non eccessivamente caloriche.

Torta tenerina: la ricetta originale

La torta tenerina è forse uno dei dolci più diffusi e preparati in Italia: semplicissimo da preparare e adatto anche a chi è alle prime armi.

Guacamole allo zenzero con mele e gamberi

Guacamole allo zenzero con mele e gamberi: una variante sfiziosa della salsa di origine messicana, per stupire i vostri ospiti.

 

Vellutata di castagne, quenelles di zucca e gamberi rossi lardellati

La vellutata di castagne, quenelles di zucca e gamberi rossi lardellati è una ricetta un po' elaborata, ma che non richiede particolari abilità e di sicuro stupirà i vostri ospiti.

Gnocchi di spinaci con porri e fonduta di parmigiano

Gli gnocchi di spinaci sono una variante degli gnocchi tradizionali, scopriamoli in abbinamento a un letto di porri e alla fonduta di parmigiano.

Crostata meringata al limone e zenzero

La crostata meringata al limone e zenzero è una variante molto interessante del classico dolce di origine anglosassone.

Involtini di sgombro ripieni di patate e uvetta

Gli involtini di sgombro ripieni di patate e uvetta sono una ricetta sfiziosa, non troppo complicata da realizzare, economica, salutare, e dall'impatto visivo molto interessante.