Bruno Barbieri

Bruno Barbieri è uno degli chef più famosi in Italia grazie alla sua presenza come giudice nel programma Masterchef, in onda dal 2011, assieme a Carlo Cracco, Joe Bastianich e Antonino Cannavacciuolo (presente dal 2015). Barbieri è, inoltre, giudice anche del talent per ragazzi Masterchef Junior e partecipa dal 2015 come inviato a Quelli che il Calcio come tifoso del Bologna.

 

 

Il suo sito web www.brunobarbierichef.it è una raccolta delle sue ricette e dei suoi viaggi gastronomici.

Questo è il Bruno Barbieri mediatico, quello che tutti conoscono, ma forse non tutti sanno che nella sua lunga carriera Barbieri è riuscito a guadagnare ben 7 stelle Michelin, nei ristoranti da lui gestiti, ottenendo il primato come chef italiano con il maggior numero di stelle.

Vediamo nel dettaglio la sua carriera.

Le stelle di Bruno Barbieri

Barbieri nasce a Medicina, in provincia di Bologna, nel 1962, si diploma alla scuola alberghiera di Bologna nel 1979 e da lì parte la sua carriera a bordo delle navi, opportunità che gli permetterà di girare il mondo toccando le coste del Sud America, degli Stati Uniti, dei Caribi.

 

 

Tornato in Italia seguirà dei corsi di aggiornamento e di perfezionamento e aprirà la Locanda Solarola di Castelguelfo vicino Bologna dove otterrà le prime due stelle Michelin.

Successivamente gestirà Il Trigabolo ad Argenta in provincia di Ferrara dove guadagnerà altre due stelle Michelin.

Siamo negli anni Novanta e Barbieri gestisce anche un ristorante a Brisighella (RA) La grotta, premiato con una stella Michelin, poi apre un altro locale a San Pietro in Cariano (Verona), Arquade dove otterrà altre due stelle Michelin e 3 forchette del Gambero Rosso.

E altro su Bruno Barbieri...

Bruno Barbieri

Nel 2010 si trasferisce in Brasile per un anno, dopo il quale tornerà in Italia per partecipare come giudice al talent Masterchef. Nel 2012, invece, apre un ristorante a Londra, il Cotidie, del quale affiderà la gestione al suo braccio destro, Marco Tozzi.

L'ultima sua avventura lo vede tornare in terra natia, a Bologna, dove a giugno 2016 ha aperto il ristorante Fourghetti

Uno chef esplosivo e pieno di risorse, insomma, che non si è risparmiato neanche nella produzione di libri (ne ha scritti 12 in 10 anni!) dal primo Tegami (2005) all'ultimo Cerco sapori in Piazza Grande (2015), nel mezzo anche la sua autobiografia Via Emilia, via da casa (2014).

Rimane, inoltre, un grande amante della cucina internazionale e sul suo sito si possono visionare i commenti e le ricette legati ai suoi viaggi gastronomici come quello in India, in Grecia, in Croazia, alle Seychelles, in Russia e così via. Viaggi che hanno, inevitabilmente, influenzato tantissimo la sua cucina che è caratterizzata da un sapiente uso delle spezie, da cotture brevi e innovative, da una materia prima che viene manipolata il meno possibile, da una continua e irrefrenabile ricerca della perfezione.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Gli spaghetti alla carbonara

Gli spaghetti alla carbonara: tante diatribe sulla nascita di questo primo piatto eccezionale.


Spaghetti alla carrettiera

Gli spaghetti alla carrettiera: un primo piatto semplicissimo di cui in molti si contendono la paternità.


Impepata di cozze - Ricetta

L'impepata di cozze, una ricetta estremamente semplice che deve il suo successo all'elevata qualità degli ingredienti.


Panna cotta senza colla di pesce

La panna cotta: un dolce piemontese simile al budino a base di panna. Scopri la ricetta senza colla di pesce!

 


Estrattore (o masticatore) da cucina

L'estrattore o masticatore da cucina: differisce dalla centrifuga perché evita processi di ossidazione e mantiene inalterate le proprietà nutritive dai cibi.


Mousse al caffè

La mousse al caffè è un dolce dalla tipica consistenza spumosa e dal sapore caratteristico di caffè. Vediamo come prepararla.


Tacos: ingredienti e ricetta del ripieno

I tacos messicani: infinite varianti per riempire le tortillas di mais, da mangiare con le mani.


Strudel di mele con pasta matta

Lo strudel di mele: il dolce simbolo della cucina altoatesina. Scopriamo la ricetta con la pasta matta fatta in casa.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.