Passatelli in brodo romagnoli

Guarda il video >>

I passatelli sono un tipo di pasta fresca di umili origini, composta principalmente da pane raffermo, uova e formaggio grattugiato. I passatelli vengono nominati nel ricettario di Pellegrino Artusi già nell'Ottocento come piatto simbolo della Romagna, discendente dalla stracciatella, una minestra ancora più semplice e rustica fatta solamente di brodo, uova, formaggio e pan grattato mescolati insieme. Così come i cappelletti erano il primo piatto del pranzo di Natale, i passatelli venivano preparati per il giorno di Pasqua.

 

 

I passatelli oggi sono diffusi e consumati in tutto il centro Italia, in tutta l'Emilia Romagna, nelle Marche soprattutto in provincia di Pesaro-Urbino, in Umbria e anche nel Lazio. Vengono preparati sia in brodo, così come vuole la tradizione, sia asciutti, in tante ricette moderne e creative (per esempio con le vongole, con i gamberetti e le zucchine, con un sugo di pomodoro, con funghi e tartufo ecc...).

Per fare i passatelli gli ingredienti vengono mescolati tra loro a lungo, in passato veniva aggiunto il midollo di bue che rendeva l'impasto più morbido, ma oggi si tende a sostituirlo con il burro, soprattutto dopo l'avvento del morbo della mucca pazza.

Per dare la forma tipica, a mò di vermicelli, si usa uno strumento apposito, il ferro da passatelli, ma è difficile da reperire se si vive al di fuori della Romagna, quindi si può usare un comune schiacciapatate con fori larghi.

Ci sono tante ricette per i passatelli, tutte molto simili e tutte valide, l'unico problema che potreste riscontare è il fatto che non riescano a mantenere la loro integrità in cottura, se volete evitarlo potete aggiungere un 10% di farina rispetto al pangrattato, ed eventualmente aggiungere un poco di uovo.

Se fatti con uova normali, i passatelli tenderanno a risultare un po' sbiaditi, di un colore giallo molto tenue. Se si vogliono di un colore giallo acceso, bisogna utilizzare le uova da sfoglia gialla, quelle con il tuorlo arancione.

Ricetta dei passatelli

Passatelli

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per 4 persone

  • 100 g di pangrattato
  • 100 g di Parmigiano Reggiano grattugiato
  • 2 uova
  • 20 g di burro
  • una spolverata di noce moscata
  • 1 l di brodo di carne
  • sale e pepe q.b.

Preparazione

 

 

Procedere alla preparazione del brodo come indicato in questo articolo, sconsiglio di prepararlo col dado da cucina.

Sbattere le uova con il sale, il pepe e la noce moscata, unire a poco a poco il parmigiano e il pan grattato mescolando continuamente. Aggiungere per ultimo il burro ammorbidito e continuare ad impastare fino a che il composto non diventa spumoso e compatto.

Con l'aiuto di uno schiacciapatate o di un ferro da passatelli formare degli spaghetti con l'impasto e tagliarli di circa 8 cm di lunghezza.

Quando il brodo raggiunge l'ebollizione cuocere i passatelli per un paio di minuti, o poco più, quindi servirli caldi in piatti fondi con del parmigiano e del pepe a parte.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

399 kcal - 1668 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

15 g

Proteine

17 g - 17%

Carboidrati

32 g - 32%

Grassi

22 g - 50%

di cui

 

saturi

8.5 g

monoinsaturi

3.7 g

polinsaturi

1.6 g

Fibre

3 g

Colesterolo

145 mg

Sodio

680 mg

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Yogurt fatto in casa (denso e senza yogurtiera)

Lo yogurt fatto in casa, denso, senza yogurtiera e senza starter microbici, in modo economico, semplice e veloce.


Savoiardi fatti in casa

I savoiardi, i famosi biscotti piemontesi usati come base per il tiramisù o la zuppa inglese.


Baccalà alla portoghese (ricette)

Il baccalà alla portoghese: alcune ricette tipiche tra cui quella del bacalhau a bras.


Tiramisù light con la ricotta

Tiramisù light con la ricotta: tutti i segreti per preparare un tiramisù con la metà delle calorie rispetto all'originale.

 


Sfrappole di carnevale (o frappe, chiacchiere, galani...)

Sfrappole, frappe, chiacchiere, galani, bugie, cenci, fritole: tanti nomi per uno stesso prodotto, i classici dolci fritti di carnevale.


Cotoletta alla bolognese

La cotoletta alla bolognese: un secondo tradizionale tipico del città di Bologna molto ricco di calorie.


Cucina Wellness (Evolution): tanto marketing e poco arrosto?

La cucina wellness, oggi ribattezzata cucina evolution, è un modello di cucina salutistica ideato dalla nutrizionista Chiara Manzi.


Trippa alla romana

La trippa alla romana, il piatto povero del sabato laziale.