Ossobuco alla milanese

L'ossobuco alla milanese è un secondo piatto tradizionale originario della città di Milano famoso e diffuso in tutta Italia, data la sua bontà e la sua facilità di esecuzione.

 

 

La sua ricetta può subire variazioni da regione a regione, per esempio al Centro Sud è più diffusa la versione dell'ossobuco al pomodoro con i piselli, mentre quello tradizionale milanese è in bianco, infarinato e cotto nel burro e arricchito dalla presenza di varie erbe aromatiche.

In dialetto milanese viene detto oss buss o anche al plurale ossibuchi. Può essere scritto sia tutto attaccato che staccato (osso buco).

Ossobuco è il nome comune che viene dato al geretto (di manzo o di vitello), cioè alla parte inferiore dello stinco di vitello, molto muscolosa e molto tenera. Generalmente in tutta la cucina lombarda si preferisce la carne di vitello a quella di manzo (vitellone adulto), come anche nella preparazione della cotoletta alla milanese, un altro piatto simbolo della città di Milano.

 

 

L'ossobuco viene tagliato a fette di circa 3-4 cm di spessore e cotto in umido, lentamente, insieme al midollo contenuto nell'osso, che è poi il responsabile del gusto così saporito e gustoso di questo piatto, dato che durante la cottura si scioglie nell'intingolo.

A cottura quasi ultimata la ricetta milanese prevede di aggiungere un trito di prezzemolo, aglio e limone, chiamato in dialetto la "gremolada".

Viene consumato come secondo piatto, spesso accompagnato da risotto allo zafferanopatate lessate, purè o polenta.

La ricetta dell'ossobuco alla milanese ha ottenuto il riconoscimento come De.Co. (denominazione comunale) nel 2007, come segno di appartenenza al territorio e alla popolazione di Milano.

Ossobuco milanese

Ricetta dell'ossobuco alla milanese

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Al momento dell'acquisto degli ossi buchi conviene rivolgersi al proprio macellaio di fiducia e chiedergli quelli tagliati dallo stinco posteriore del vitello e nella parte bassa, poiché sono quelli più teneri e pieni di midollo. Quelli tagliati nella parte superiore della zampa, infatti, risultano più stopposi e all'interno dell'osso hanno poco midollo.

 

 

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 fette di ossobuco di vitellone adulto spesse circa 3-4 cm (circa 300 g l'una)
  • 1 cipolla
  • 50 g di burro
  • farina bianca per l'impanatura q.b.
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • 1 cucchiaio di olio extra vergine di oliva
  • sale e pepe q.b.

Per la gremolada:

  • 1 spicchio d'aglio
  • un mix di erbe aromatiche a piacere (timo, basilico, prezzemolo, salvia, alloro)
  • 1 limone (solo la buccia grattugiata)
  • 1 acciuga (facoltativo)

Procedimento:

Incidere gli ossi buchi con le forbici nella parte che sovrasta l'osso, così durante la cottura non si arricceranno. Passarli nella farina da entrambi i lati.

In una padella mettere sia il burro che l'olio e soffriggere la cipolla a fuoco basso fino a che non diventa trasparente, quindi aggiungere gli ossi buchi, farli rosolare da entrambi i lati e sfumarli con il vino bianco, fino al completo assorbimento dei liquidi.

Sistemare di sale e pepe e continuare la cottura con coperchio leggermente sollevato per circa 80-90 minuti (un'ora e mezza) aggiungendo acqua tiepida di tanto in tanto o, volendo, del brodo vegetale.

Nel frattempo preparare la gremolada tritando in un mixer il prezzemolo e le altre erbe aromatiche, lo spicchio d'aglio, l'acciuga e la buccia di limone.

Aggiungere la gremolada solo a cottura quasi ultimata, quando mancano 5 minuti.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

671 kcal - 2805 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

59 g

Proteine

62 g - 38%

Carboidrati

19 g - 12%

Grassi

37 g - 51%

di cui

 

saturi

15.4 g

monoinsaturi

13.8 g

polinsaturi

6.6 g

Fibre

1 g

Colesterolo

211 mg

Sodio

173 mg

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina

Zeppole di San Giuseppe

Zeppole di San Giuseppe: i dolci tipici campani, diffusi un po' in tutto il sud Italia, a base di pasta per bignè che però viene fritta, dopo un passaggio in forno.

Busiate trapanesi (o busiata) - Ricetta

La busiata (o busiate): un formato di pasta siciliano da abbinare al pesto trapanese fatto con pomodori freschi, mandorle e basilico.

Crema pasticcera

La ricetta della crema pasticcera: la tecnica di preparazione, la scelta degli amidi, lo zucchero, i tuorli, i valori nutrizionali e le calorie.

Frittelle di mele - Gonfie e soffici

Le frittelle di mele sono un dolce tipico della regione Trentino Alto Adige, ma diffusa in tutta Italia. Scopri come farle gonfie e soffici!

 

Crema di nocciole proteica

Crema di nocciole proteica: una Nutella più saziante, proteica, meno calorica, adatta per gli spuntini golosi di chi vuole rimanere in forma.

Ricetta Rose del deserto con uvetta

Rose del deserto con uvetta: i biscotti di morbida pasta frolla avvolti con croccanti cornflakes, ricetta veloce, con o senza burro.

Pasticciotto leccese - Storia e ricetta originale

Pasticciotto leccese: la storia e la ricetta originale del dolce tipico pugliese a base di pasta frolla fatta con lo strutto, e crema pasticcera.

Gumbo (ricetta della Louisiana)

Il gumbo: una zuppa a base di riso, crostacei, carne e tante spezie tipica della cucina creola.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.