Nervetti

"Nervetti" (gnervetti) è il termine dialettale con cui a Milano ci si riferisce ai tendini e alle cartilagini dello stinco bovino, ossia ai piedini e agli stinchi di manzo o vitello.

 

 

La parola nervetti è ormai entrata di diritto nel vocabolario italiano per indicare una parte del quinto quarto bovino, una delle frattaglie bianche che viene da secoli usata in gastronomia e non solo a Milano...

A Venezia, ad esempio, un'antica ricetta medievale chiamata "spienza e nervetti co' e segoe" (milza e nervetti con le cipolle) sta tornando di moda nelle osterie.

I nervetti sono venduti e cucinati un po' in tutta Italia e le preparazioni più comuni sono prima bolliti e poi conditi in insalata con cipolla e/o altre verdure, marinati nell'aceto, serviti nel carrello del bollito misto, stufati con pomodoro, impanati e fritti, in agrodolce con le cipolline o i sottoli, presentati in gelatina, comunque sempre dopo lunghe cotture altrimenti i nervetti risulterebbero troppo stopposi e duri da masticare.

Il problema dei conservanti nei nervetti

Negli ultimi anni i nervetti sono diventati più facili da reperire, già tagliati e puliti, pronti da cuocere. Nei supermercati si trovano confezionati sottovuoto, già precotti e pronti da condire. Il problema è che questi prodotti vengono addizionati con conservanti nocivi, i famosi nitriti (E250) di cui abbiamo più volte parlato, e che quindi sarebbero da evitare. Meglio trovare una macelleria che prepara in casa i nervetti (pulitura e precottura) e non aggiunge conservanti.

 

 

In alternativa, si possono acquistare 2 stinchi di bovino e poi pulirli a casa, facendo in modo che le carni si stacchino dall'osso dopo la bollitura, ma non è semplicissimo poi isolare i nervetti e cuocerli al punto giusto.

Sì o no?

I nervetti di per sè contengono solo proteine, sottoforma prevalentemente di tessuto connettivo: sono magrissimi, e piuttosto sazianti, dunque ideali per confezionare piatti ipocalorici, che rispettano i vincoli della cucina Sì.

Tuttavia, bisogna anche considerare che i nervetti sono praticamente insapore, e le insalate che si trovano già confezionate sono quasi sempre ricchissime di olio (quelle confezionate, di olio di semi raffinato, non certo di olio extravergine). Quindi occhio alle insalate di nervetti già confezionate! Meglio prepararsela da se.

Ricetta dei nervetti in insalata

Nervetti

Come abbiamo visto, l'ideale è procurarsi dei nervetti già puliti e precotti, in questo caso la ricetta dei nervetti in insalata diventa facilissima. La ricetta che segue prevede invece di cuocere degli stinchi di vitellone adulto e da essi ricavare i nervetti. Se avete già i nervetti pronti, considerate 100 g a testa di prodotto già pulito e cotto.

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

 

 

Tempo totale:

Ingredienti per 4 persone

  • 1,5-2 kg di stinchi e piedini di vitellone adulto
  • 1 bicchiere di aceto di vino bianco
  • 1 cipolla
  • 4 cipollotti freschi
  • 1 carota
  • 1 costa di sedano
  • 2 foglioline di alloro
  • qualche fogliolina di prezzemolo
  • 4 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • sale e pepe q.b.

Procedimento

Lavare stinchi e piedini, e immergerli in una pentola piena d'acqua fredda (circa 3 litri), aggiungere la carota pelata ma lasciata intera, la cipolla, il sedano, l'aceto e l'alloro e portare ad ebollizione. Lasciar cuocere a fuoco basso per circa 2 ore o fino a quando i nervetti non saranno morbidi e la carne si staccherà dall'osso.

A parte affettare i cipollotti e i nervetti a listarelle, condire con olio, sale e pepe e, volendo, del succo di limone. Volendo si possono aggiungere anche la carota, la cipolla e il sedano bolliti tagliati anch'essi a listarelle.

Guarnire con il prezzemolo tritato e servire in tavola.

I nervetti possono essere mangiati sia caldi che freddi.

In estate si può provare la variante con i peperoni rossi al posto dei cipollotti.

Calorie per 100 g: 100 kcal/hg (ricetta Sì).

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

172 kcal - 719 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

17 g

Proteine

17 g - 40%

Carboidrati

0 g - 0%

Grassi

11 g - 60%

di cui

 

saturi

2.0 g

monoinsaturi

7.8 g

polinsaturi

0.7 g

Fibre

0 g

Colesterolo

48 mg

Sodio

35 mg

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina

Busiate trapanesi (o busiata) - Ricetta

La busiata (o busiate): un formato di pasta siciliano da abbinare al pesto trapanese fatto con pomodori freschi, mandorle e basilico.

Crema pasticcera

La ricetta della crema pasticcera: la tecnica di preparazione, la scelta degli amidi, lo zucchero, i tuorli, i valori nutrizionali e le calorie.

Frittelle di mele - Gonfie e soffici

Le frittelle di mele sono un dolce tipico della regione Trentino Alto Adige, ma diffusa in tutta Italia. Scopri come farle gonfie e soffici!

Crema di nocciole proteica

Crema di nocciole proteica: una Nutella più saziante, proteica, meno calorica, adatta per gli spuntini golosi di chi vuole rimanere in forma.

 

Ricetta Rose del deserto con uvetta

Rose del deserto con uvetta: i biscotti di morbida pasta frolla avvolti con croccanti cornflakes, ricetta veloce, con o senza burro.

Pasticciotto leccese - Storia e ricetta originale

Pasticciotto leccese: la storia e la ricetta originale del dolce tipico pugliese a base di pasta frolla fatta con lo strutto, e crema pasticcera.

Gumbo (ricetta della Louisiana)

Il gumbo: una zuppa a base di riso, crostacei, carne e tante spezie tipica della cucina creola.

Tajine di pollo (ricetta marocchina)

Il tajine di pollo: una ricetta tipica marocchina che prende il nome dal contenitore nel quale viene cotta.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.