Mousse al caffè

La mousse al caffè è un dolce molto diffuso e conosciuto in tutto il mondo. Il caffè, con il suo indistinguibile aroma, viene spesso utilizzato nella preparazione di mousse, gelati o sorbetti che possono essere serviti a fine pasto nei ristoranti o gustati da soli.

 

 

La mousse (detta anche schiuma o spuma) ha la particolarità di avere una consistenza soffice e vellutata, per via dell'utilizzo della panna montata o della meringa italiana che conferiscono leggerezza al dolce, incorporando aria e abbassandone il peso specifico. Ma questo non vuol dire che si abbassi anche la densità calorica, ossia il vantaggio di una mousse rispetto a una crema in termini di calorie è minimo. Cambia però il volume e questo in un dolce può essere importante, perché non deve saziarci ma toglierci solo la voglia di dolce, e in questo caso una bassa densità può essere vantaggiosa perché riduce le calorie della porzione (vedi il video "calorie dei dolci").

Volendo, si può visionare anche la ricetta della mousse al caffè light con meno calorie (circa 160 kcal a porzione contro le 360 kcal della versione classica).

Ricetta della mousse al caffè

Mousse caffe

Nella ricetta della mousse al caffè che proponiamo è previsto l'uso del caffè in moka, che viene fatto restringere della metà, semplicemente scaldandolo in un pentolino. Si potrebbe anche usare il caffè espresso, se si possiede una macchina per il caffè in casa, avendo la pazienza di farne tanti fino ad arrivare alla dose stabilita (circa 6 tazzine da 25 ml).

Meglio evitare l'impiego di caffè solubile, il cui gusto non eguaglia quello intenso e deciso del caffè in moka o espresso.

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

 

 

Tempo totale: 2

Ingredienti per 6 persone

  • 300 g di caffè in moka oppure 150 g di caffè espresso
  • 100 g di zucchero
  • 500 g di panna fresca
  • 6 g di gelatina (3 fogli) se servita in forma, 2 g (un foglio) se al bicchiere

Procedimento

Il caffè espresso va usato così com'è, invece se si usa il caffè della moka lo si deve ridurre a 150 g scaldandolo in un pentolino. Quando il caffè è ancora bollente sciogliervi lo zucchero, quindi incorporare la gelatina precedentemente ammollata in acqua fredda e strizzata.

Montare la panna a lucido, ovvero lasciandola semimontata (deve raggiungere il massimo volume, ma non la massima stabilità), trasferirla in una ciotola e aggiungere a filo, lentamente, tutto il caffè fatto raffreddare, mescolando continuamente dal basso verso l'alto con una spatola per evitare di "smontare" la panna.

A questo punto la mousse può essere raffreddata in frigorifero per almeno 2 ore, oppure congelata. Nel secondo caso, vanno considerati almeno 30 minuti necessari affinché si scongeli, prima di servirla.

Se la volete servire in forma (cioè che stia in piedi da sola) o inserire in una torta, allora usate il quantitativo massimo di gelatina (6 grammi), altrimenti se la servite al bicchiere ne bastano due. La temperatura di servizio della mousse non deve essere troppo bassa, né troppo alta, diciamo intorno ai 10-12 gradi, quindi toglietela dal frigorifero almeno 20 minuti prima del servizio, se al bicchiere, e almeno 45 minuti prima se è all'interno di una torta più grande.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

346 kcal - 1446 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

2 g

Proteine

2 g - 2%

Carboidrati

20 g - 23%

Grassi

29 g - 75%

di cui

 

saturi

16.6 g

monoinsaturi

11.6 g

polinsaturi

0.8 g

Fibre

0 g

Colesterolo

100 mg

Sodio

29 mg

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Yogurt fatto in casa (denso e senza yogurtiera)

Lo yogurt fatto in casa, denso, senza yogurtiera e senza starter microbici, in modo economico, semplice e veloce.


Savoiardi fatti in casa

I savoiardi, i famosi biscotti piemontesi usati come base per il tiramisù o la zuppa inglese.


Baccalà alla portoghese (ricette)

Il baccalà alla portoghese: alcune ricette tipiche tra cui quella del bacalhau a bras.


Tiramisù light con la ricotta

Tiramisù light con la ricotta: tutti i segreti per preparare un tiramisù con la metà delle calorie rispetto all'originale.

 


Sfrappole di carnevale (o frappe, chiacchiere, galani...)

Sfrappole, frappe, chiacchiere, galani, bugie, cenci, fritole: tanti nomi per uno stesso prodotto, i classici dolci fritti di carnevale.


Cotoletta alla bolognese

La cotoletta alla bolognese: un secondo tradizionale tipico del città di Bologna molto ricco di calorie.


Cucina Wellness (Evolution): tanto marketing e poco arrosto?

La cucina wellness, oggi ribattezzata cucina evolution, è un modello di cucina salutistica ideato dalla nutrizionista Chiara Manzi.


Trippa alla romana

La trippa alla romana, il piatto povero del sabato laziale.