Mostarda mantovana di mele

La città di Mantova, così come quella di Cremona, è un capoluogo della bassa Lombardia dove la tradizione della mostarda di frutta è molto sentita.

 

 

Differenze con le altre mostarde

La mostarda mantovana, però, differisce da quella cremonese per due fattori principali: viene usato un solo tipo di frutta per volta (in genere le mele campanine, le piccole mele tipiche della zona, chiamate comunemente "antiche mele della nonna"), quindi non è una mostarda di frutta mista; inoltre ha un gusto meno piccante e meno deciso di quella cremonese, poichè la senape viene aggiunta in modiche quantità e solo alla fine.

Mostarda Mantova

Tipiche di Mantova sono la mostarda di zucca, di mele cotogne, di pere, di anguria bianca, di fichi, di mandarini, di castagne, di solito abbinate ad insaccati e formaggi più o meno stagionati.

Quella più tradizionale, la tipica mostarda di mele campanine viene, invece, usata in un piatto tipico del mantovano, come ripieno dei tortelli di zucca.

La mostarda di Mantova è inserita nell'elenco dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali Lombardi, ed è difesa e tutelata dalla Comunità della Mostarda Mantovana, un ente che fa capo a Slow Food.

 

 

Ricetta della mostarda mantovana

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti

  • 1 kg di mele campanine (o cotogne)
  • 1 limone non trattato
  • 300 g di zucchero
  • 10-15 gocce di essenza di senape

Preparazione

 

 

Sbucciare e affettare le mele a fette sottili circa 1/2 cm. Affettare il limone e unirlo alle mele in una ciotola. Versare lo zucchero sulla frutta e far macerare 24 ore.

Filtrare il sughetto che si sarà formato e farlo bollire in casseruola per 10-15 minuti, finché non si riduce a circa la metà. Versarlo ancora caldo sulle mele,mescolare bene, coprire e far riposare altre 24 ore.

Ripetere per l'ultima volta l'operazione: filtrare il sughetto, farlo addensare fino ad ottenere uno sciroppo leggermente denso, versarlo sulle mele, mescolare, far riposare coperto 24 ore.

Infine, mettere tutto in una casseruola, portare ad ebollizione, far evaporare il liquido di cottura mescolando spesso, quindi spegnere, unire la senape, invasettare.

Informazioni nutrizionali per 100 g

Energia

244 kcal - 1020 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

0 g

Proteine

0 g - 1%

Carboidrati

64 g - 99%

Grassi

0 g - 0%

di cui

 

saturi

0.0 g

monoinsaturi

0.0 g

polinsaturi

0.1 g

Fibre

3 g

Colesterolo

0 mg

Sodio

3 mg

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Busiata (o busiate)

La busiata (o busiate): un formato di pasta siciliano da abbinare al pesto trapanese.


La ricetta della busara

La busara o buzara: una ricetta di pesce che ha origini istriane molto diffusa sulla costa tra Veneto e Friuli.


Burek (torta salata)

Il burek: una torta salata diffusa in Turchia e nei Balcani, simbolo di ospitalità.


Budino Margot

Il budino Margot o torta Margot: un dolce al cucchiaio a base di amaretti.

 


Bucatini (o meglio spaghetti) all'amatriciana

I bucatini (o meglio spaghetti) all'amatriciana, la pasta con pomodoro e guanciale (e senza cipolla nella versione tradizionale) che viene da Amatrice.


Brutti ma buoni ricetta alle nocciole

I brutti ma buoni sono dolci a base di albume, zucchero e frutta secca, solitamente mandorle, ma in questo articolo trovate la versione con nocciole.


Brownies

I brownies, i tipici biscotti al cioccolato di origine americana, tanto gustosi quanto calorici. Scopriamo tutti i segreti per prepararli al meglio.


Brioche col tuppo

La brioche col tuppo: vengono dalla Sicilia queste particolari brioche che nell'impasto hanno anche il miele.