Bostrengo

Il bostrengo è un dolce natalizio tipico delle Marche. Anticamente veniva chiamato anche "svuotacredenza" poiché per farlo si usava un po' tutto quello che c'era in casa, riso o altri cereali, pane raffermo, farina, frutta, zucchero e così via.

 

 

Le origini del bostrengo sono incerte, sia il Montefeltro che la zona dell'ascolano si contengono la paternità di questo dolce che però viene chiamato burlengo in provincia di Pesaro-Urbino fino alla Romagna e frustingo nel sud delle Marche.

Nel corso dei secoli il bostrengo si è arricchito via via di nuovi ingredienti sempre più sfiziosi, come il cacao, il miele, la frutta secca, il rum ecc, prima difficili da reperire o comunque molto costosi ed oggi quello che si trova già pronto e confezionato assomiglia molto al cugino famoso toscano, il panforte. In realtà così, volendo emulare una ricetta di maggior successo, si rischia di snaturare l'essenza stessa del bostrengo che è nato nelle case dei contadini come un dolce povero, quello delle grandi occasioni come il Natale.

Ne esiste una versione fatta anche con la farina di castagne.

 

 

Ricetta del bostrengo

Bostrengo

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti

  • 100 g di riso
  • 100 g di orzo perlato
  • 100 g di farro perlato
  • 180 g di pangrattato
  • 180 g di farina per dolci 00
  • 2 uova
  • 1 mela
  • 1 pera
  • la buccia di mezzo limone grattugiata
  • la buccia di mezza arancia grattugiata
  • 50 g di frutta secca (mandorle, noci, pinoli)
  • 50 g di uva sultanina
  • 1 l di latte
  • 2 cucchiai di miele d'acacia
  • 1 bicchierino di rum o di maraschino
  • 60 g di cacao amaro in polvere (facoltativo)
  • zucchero a velo q.b. per spolverare

Preparazione

 

 

Cuocere i cereali (riso, farro e orzo) nel latte per circa 40 minuti a fiamma bassa, devono risultare molto morbidi e devono assorbire il latte.
Mettere in ammollo l'uva sultanina in acqua tiepida per 10 minuti.
Sbattere le uova.
Lavare e sbucciare la mela e la pera e tagliarle a cubetti, tritare la frutta secca grossolanamente e mescolare tutta la frutta con il miele, le uova, il pangrattato, il rum, la farina, il cacao, la scorza grattugiata degli agrumi e, se necessario, aggiungere anche un po' di latte per rendere l'impasto più malleabile.
Unire il composto ai cereali cotti, mescolare bene e versare in una grande teglia rotonda di circa 24 cm di diametro, il bostrengo dovrebbe essere alto almeno 3 cm.

Cuocere in forno già caldo a 150° per circa un'ora.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

271 kcal - 1133 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

4 g

Proteine

9 g - 12%

Carboidrati

56 g - 79%

Grassi

3 g - 9%

di cui

 

saturi

1.7 g

monoinsaturi

0.7 g

polinsaturi

0.9 g

Fibre

1 g

Colesterolo

38 mg

Sodio

78 mg

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Frittata (omelette) di albumi e formaggio light - Cucina Sì

La omelette di albumi e formaggio è una variante leggermente più elaborata della frittata di albumi e formaggio.


Frittata di albumi e pancetta light - Cucina Sì

La frittata di albumi è un classico della cucina light, ma nessuno la propone con la pancetta.


Mezze penne con ragù e peperoni

Mezze penne con ragù e peperoni - Primi piatti Sì


Burro fatto in casa: è vero burro?

Il burro fatto in casa è facile da produrre, ma molti si illudono che sia vero burro. Scopriamo perché spesso non lo è.

 


Trasmissione del calore - Cottura degli alimenti

La trasmissione del calore nella cottura dei cibi: conduzione, convezione e irraggiamento.


Crocchè (o panzarotti) di patate con prosciutto e mozzarella

I crocchè, o panzarotti, il grande classico del meridione, in versione ripiena di prosciutto e mozzarella filante.


Sushi

Il sushi: il piatto simbolo della cucina giapponese a base di pesce crudo, alghe e riso.


Il forno a microonde: come funziona, i rischi, come sceglierlo

Il forno a microonde: consigli e ricette. Ormai la maggior parte delle famiglie possiede un forno a microonde ma solo in pochi ne sfruttano a pieno le potenzialità.