Bostrengo

Il bostrengo è un dolce natalizio tipico delle Marche. Anticamente veniva chiamato anche "svuotacredenza" poiché per farlo si usava un po' tutto quello che c'era in casa, riso o altri cereali, pane raffermo, farina, frutta, zucchero e così via.

 

 

Le origini del bostrengo sono incerte, sia il Montefeltro che la zona dell'ascolano si contengono la paternità di questo dolce che però viene chiamato burlengo in provincia di Pesaro-Urbino fino alla Romagna e frustingo nel sud delle Marche.

Nel corso dei secoli il bostrengo si è arricchito via via di nuovi ingredienti sempre più sfiziosi, come il cacao, il miele, la frutta secca, il rum ecc, prima difficili da reperire o comunque molto costosi ed oggi quello che si trova già pronto e confezionato assomiglia molto al cugino famoso toscano, il panforte. In realtà così, volendo emulare una ricetta di maggior successo, si rischia di snaturare l'essenza stessa del bostrengo che è nato nelle case dei contadini come un dolce povero, quello delle grandi occasioni come il Natale.

Ne esiste una versione fatta anche con la farina di castagne.

 

 

Ricetta del bostrengo

Bostrengo

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti

  • 100 g di riso
  • 100 g di orzo perlato
  • 100 g di farro perlato
  • 180 g di pangrattato
  • 180 g di farina per dolci 00
  • 2 uova
  • 1 mela
  • 1 pera
  • la buccia di mezzo limone grattugiata
  • la buccia di mezza arancia grattugiata
  • 50 g di frutta secca (mandorle, noci, pinoli)
  • 50 g di uva sultanina
  • 1 l di latte
  • 2 cucchiai di miele d'acacia
  • 1 bicchierino di rum o di maraschino
  • 60 g di cacao amaro in polvere (facoltativo)
  • zucchero a velo q.b. per spolverare

Preparazione

 

 

Cuocere i cereali (riso, farro e orzo) nel latte per circa 40 minuti a fiamma bassa, devono risultare molto morbidi e devono assorbire il latte.
Mettere in ammollo l'uva sultanina in acqua tiepida per 10 minuti.
Sbattere le uova.
Lavare e sbucciare la mela e la pera e tagliarle a cubetti, tritare la frutta secca grossolanamente e mescolare tutta la frutta con il miele, le uova, il pangrattato, il rum, la farina, il cacao, la scorza grattugiata degli agrumi e, se necessario, aggiungere anche un po' di latte per rendere l'impasto più malleabile.
Unire il composto ai cereali cotti, mescolare bene e versare in una grande teglia rotonda di circa 24 cm di diametro, il bostrengo dovrebbe essere alto almeno 3 cm.

Cuocere in forno già caldo a 150° per circa un'ora.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

271 kcal - 1133 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

4 g

Proteine

9 g - 12%

Carboidrati

56 g - 79%

Grassi

3 g - 9%

di cui

 

saturi

1.7 g

monoinsaturi

0.7 g

polinsaturi

0.9 g

Fibre

1 g

Colesterolo

38 mg

Sodio

78 mg

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina

Strangozzi alla spoletina - Ricetta umbra

Gli strangozzi sono un formato di pasta di origine umbra, di preparazione molto semplice visto che, di fatto, sono una semplice pasta al pomodoro.

Cinnamon rolls - Ricetta originale svedese

Cinnamon rolls, i rotoli alla cannella originali svedesi, diffusi in tutto il Nord Europa e anche in America: scopriamo la ricetta e tutti i segreti per prepararli.

Frittata dolce di mele alla cannella (ricetta light)

In questo articolo ti proponiamo la frittata dolce di mele alla cannella, che si può preparare tutto l'anno.

Zuppa inglese - Ricetta con savoiardi o pan di Spagna

La zuppa inglese, nata probabilmente durante l'epoca elisabettiana, è un dolce al cucchiaio a base di crema pasticcera e crema al cioccolato, aromatizzata con Alchermes.

 

Pulled pork (maiale sfilacciato) al forno

Pulled pork: una tecnica di cottura al barbeque della spalla di maiale, qui proposta in versione casalinga con il capocollo, a cottura lenta in forno.

Salsa Senape al Miele - Ricetta con limone o aceto

Una delle varianti più classiche della senape è la senape al miele, una salsa molto accattivante che abbina l'acidità della senape alla dolcezza del miele.

Ziti lardiati - Ricetta

Ziti lardiati: la ricetta tradizionale campana preparata con lardo stagionato e pomodorini del Vesuvio, e la tipica pasta simile ai bucatini.

Bucatini (o meglio spaghetti) all'amatriciana

I bucatini (o meglio spaghetti) all'amatriciana, la pasta con pomodoro e guanciale (e senza cipolla nella versione tradizionale) che viene da Amatrice.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.