Bostrengo

Il bostrengo è un dolce natalizio tipico delle Marche. Anticamente veniva chiamato anche "svuotacredenza" poiché per farlo si usava un po' tutto quello che c'era in casa, riso o altri cereali, pane raffermo, farina, frutta, zucchero e così via.

 

 

Le origini del bostrengo sono incerte, sia il Montefeltro che la zona dell'ascolano si contengono la paternità di questo dolce che però viene chiamato burlengo in provincia di Pesaro-Urbino fino alla Romagna e frustingo nel sud delle Marche.

Nel corso dei secoli il bostrengo si è arricchito via via di nuovi ingredienti sempre più sfiziosi, come il cacao, il miele, la frutta secca, il rum ecc, prima difficili da reperire o comunque molto costosi ed oggi quello che si trova già pronto e confezionato assomiglia molto al cugino famoso toscano, il panforte. In realtà così, volendo emulare una ricetta di maggior successo, si rischia di snaturare l'essenza stessa del bostrengo che è nato nelle case dei contadini come un dolce povero, quello delle grandi occasioni come il Natale.

Ne esiste una versione fatta anche con la farina di castagne.

 

 

Ricetta del bostrengo

Bostrengo

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti

  • 100 g di riso
  • 100 g di orzo perlato
  • 100 g di farro perlato
  • 180 g di pangrattato
  • 180 g di farina per dolci 00
  • 2 uova
  • 1 mela
  • 1 pera
  • la buccia di mezzo limone grattugiata
  • la buccia di mezza arancia grattugiata
  • 50 g di frutta secca (mandorle, noci, pinoli)
  • 50 g di uva sultanina
  • 1 l di latte
  • 2 cucchiai di miele d'acacia
  • 1 bicchierino di rum o di maraschino
  • 60 g di cacao amaro in polvere (facoltativo)
  • zucchero a velo q.b. per spolverare

Preparazione

 

 

Cuocere i cereali (riso, farro e orzo) nel latte per circa 40 minuti a fiamma bassa, devono risultare molto morbidi e devono assorbire il latte.
Mettere in ammollo l'uva sultanina in acqua tiepida per 10 minuti.
Sbattere le uova.
Lavare e sbucciare la mela e la pera e tagliarle a cubetti, tritare la frutta secca grossolanamente e mescolare tutta la frutta con il miele, le uova, il pangrattato, il rum, la farina, il cacao, la scorza grattugiata degli agrumi e, se necessario, aggiungere anche un po' di latte per rendere l'impasto più malleabile.
Unire il composto ai cereali cotti, mescolare bene e versare in una grande teglia rotonda di circa 24 cm di diametro, il bostrengo dovrebbe essere alto almeno 3 cm.

Cuocere in forno già caldo a 150° per circa un'ora.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

271 kcal - 1133 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

4 g

Proteine

9 g - 12%

Carboidrati

56 g - 79%

Grassi

3 g - 9%

di cui

 

saturi

1.7 g

monoinsaturi

0.7 g

polinsaturi

0.9 g

Fibre

1 g

Colesterolo

38 mg

Sodio

78 mg

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina

Baccalà mantecato cremoso (con latte)

Il baccalà mantecato: una ricetta antichissima di origini veneziane. Scopri la ricetta originale e la nostra versione cremosa, con il latte.

Zucca al forno saporita: ricetta, tempo di cottura, calorie

Zucca al forno saporita: quale varietà scegliere, come prepararla e cuocerla, il tempo di cottura, le calorie e valori nutrizionali, le versioni light.

Biscotti occhio di bue (marmellata e cioccolato)

I biscotti occhio di bue sono un grande classico presente in tutte le pasticcerie. Scopriamo la versione con marmellata e cioccolato.

French Toast Light da 250 calorie

French toast light con mele e cannella: scopri tutti i segreti per alleggerirlo senza rinunciare al gusto e senza eliminare nessun ingrediente!

 

Risotto con zucca e salsiccia cremoso - Ricetta

Il risotto con zucca e salsiccia è una delle varianti più richieste del classico risotto con la zucca. Scopriamo come realizzarlo cremoso e saporito.

Pasticciotto pugliese - Storia e ricetta originale

Pasticciotto leccese: la storia e la ricetta originale del dolce tipico pugliese a base di pasta frolla fatta con lo strutto, e crema pasticcera.

Tamago o tamagoyaki (frittata giapponese)

Il tamago o frittata giapponese: strati di omelette arrotolate su loro stesse da mangiare in tutte le occasioni.

Ottobre è il mese della birra! Ecco perché un bicchiere ogni tanto non fa male

Ottobre è il mese della birra! Scopriamo come conservare correttamente la birra una volta aperta.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.