Abbacchio a scottadito

L'abbacchio a scottadito è una ricetta molto semplice tipica della tradizione romana e laziale preparata in onore della Pasqua e delle scampagnate e grigliate tra amici del lunedì di Pasquetta, poiché le carni di abbacchio sono particolarmente tenere e saporite nel periodo che va tra marzo e giugno.

 

 

Cos'è l'abbacchio?

L'abbacchio è uno degli alimenti simbolo della cucina laziale e fa parte dell'elenco delle pochissime carni certificate in ItaliaIGP dal 2009), si tratta di un agnello da latte, ancora non svezzato, che viene macellato giovanissimo, prima di aver raggiunto i 40 giorni di vita.

Per la ricetta dell'abbacchio a scottadito si utilizzano le costolette, cioè la parte della lombata dell'animale senza il filetto, anche chiamata "carrè", che si può cucinare anche in altri modi, per esempio disossata e farcita, oppure ricavando il cosiddetto "french rack".

Nel caso delle costolette, si parte dal french rack, dal quale si ricavano le singole costolette, che vengono tagliate singolarmente, lasciando l'osso che avrà la funzione di manico durante la cottura e il consumo, fatto rigorosamente con le mani!

 

 

Storia dell'abbacchio a scottadito

L'origine del termine "abbacchio" non è chiara: alcuni pensano che derivi dal termine latino abecula o avecula, che deriverebbe da ovis (pecora). Altri credono che derivi da "ad baculum" (vicino al bastone) perché una usanza prevedeva di legare l'agello da latte a un bastone piantato nel terreno. Altri ancora, che derivi semplicemente dal termine "abbattere", legato quindi alla macellazione.

Il nome della ricetta, "scottadito", deriva da fatto che le costolette vanno mangiate calde, bollenti, con le mani e quindi bruciano i polpastrelli.

Dopo una breve marinatura delle carni con olio ed erbe aromatiche, le costolette vanno cotte sulla griglia per pochi minuti da entrambi i lati o, in mancanza, su una piastra di ghisa che ricrei l'effetto della cottura su barbecue.

Ricetta delle costolette di abbacchio a scottadito

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Abbacchio scottadito

Fuori dalla regione Lazio non è semplicissimo reperire l'abbacchio romano IGP, ma si può chiedere al proprio macellaio di fiducia oppure optare per un comune agnello da latte. O ancora, cercarlo su internet: oggi è sempre più facile riuscire a reperirlo, facendoselo spedire a casa. Un'ottima alternativa, che consiglio qualora non si riuscisse a trovare il prodotto nazionale, è l'acquisto del'agnello del galles, un prodotto IGP di grande qualità, soprattutto per gli amanti dell'agnellone, animale un po' più anziano dell'agnello, altrettanto tenero ma molto più saporito.

 

 

Anche se alcuni siti di ricette prevedono di irrorare le costolette con lo strutto, consiglio di fare la marinatura solamente con olio, aglio e qualche erba aromatica, per non alterare troppo il sapore dell'agnello. Volendo una versione più fresca della ricetta si può aggiungere la menta, che ben si sposa con la carne di abbacchio.

Ingredienti per 4 persone

  • 800 g di costolette di agnello
  • 4 cucchiai di olio
  • 2 spicchi d'aglio
  • 1 rametto di rosmarino
  • 1 rametto di timo
  • 1 limone (facoltativo)
  • sale e pepe q.b.

Procedimento

se non sono già tagliate, tagliare le costolette di abbacchio con uno spessore di circa 1,5 cm. Battere leggermente le costolette nella parte dove non c'è l'osso, così da rendere la cottura più veloce.

Metterle in una ciotola, salarle, peparle, irrorarle con l'olio e con le erbe aromatiche e lasciarle marinare per circa 30 minuti prima di cuocerle.

Riscaldare una padella di ghisa e cuocere l'abbacchio 2 minuti per lato, finché la superficie non sarà dorata.
La stessa operazione si ripete se si ha a disposizione un barbecue. 

Mangiare le costolette ancora calde con le mani, volendo con una spruzzata di limone.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

217 kcal - 907 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

24 g

Proteine

24 g - 45%

Carboidrati

0 g - 0%

Grassi

13 g - 55%

di cui

 

saturi

2.7 g

monoinsaturi

8.4 g

polinsaturi

1.1 g

Fibre

0 g

Colesterolo

90 mg

Sodio

84 mg

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina

Kaiserschmarren tirolese - Ricetta

Il kaiserschmarren è una ricetta di origine austriaca, dove viene chiamata in modo leggermente diverso, ovvero Kaiserschmarrn.

Penne al baffo - Origine e ricetta con zucchine

Penne al baffo origine e ricetta con zucchine: variante salutistica di una ricetta semplice, dalle origini incerte ma probabilmente nata negli anni '80.

Frittelle di mele - Gonfie e soffici

Le frittelle di mele sono un dolce tipico della regione Trentino Alto Adige, ma diffusa in tutta Italia. Scopri come farle gonfie e soffici!

Scapece

Scapece ovvero la marinatura in aceto ed erbe aromatiche di verdure o pesci fritti tipica del Meridione.

 

Alici marinate - Ricetta classica e veloce con aceto

Le alici marinate sono un piatto semplice, ma è importante adottare alcuni accorgimenti per essere sicuri del risultato. Scopriamo questa ricetta con aceto, vino e limone.

Pasta con pesto di pistacchi e gamberi

Pasta con pesto di pistacchi e gamberi: una raffinata e gustosa ricetta di origine siciliana, patria tanto dei gamberi, quanto dei pistacchi.

Zeppole di San Giuseppe

Zeppole di San Giuseppe: i dolci tipici campani, diffusi un po' in tutto il sud Italia, a base di pasta per bignè che però viene fritta, dopo un passaggio in forno.

Ziti alla genovese - Origini e ricetta napoletana

Ziti alla genovese: la ricetta originale napoletana di questo primo piatto a base di cipolle e carne di manzo.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.