Glutammina

La glutammina è uno degli aminoacidi ordinari, non essenziali, che il nostro organismo può sintetizzare, e che quindi non va necessariamenta assunta tramite gli alimenti. In natura, si trova soprattutto nella carne e nelle uova, oltre che nel siero del latte e nella caseina.

 

 

Nell'organismo, la glutammina svolge una importante azione nel sistema immunitario intestinale e nei neuroni, nei quali viene trasformata in acido glutammico, una molecola con attività eccitatoria che in quantità eccessiva diventa tossica per i neuroni.

Nei malati di alcune patologie neuronali, come la sclerosi laterale amniotrofica, la malattia di Alzheimer e la corea di Huntington si verificano accumuli anomali di glutammina nei neuroni.

La glutammina è uno degli integratori più conosciuti e commercializzati nell'ambiente del body building, anche se le ricerche scientifiche hanno dimostrato una sostanziale inefficacia di questo integratore, che si è rivelato piuttosto utile solo nel contrastare gli effetti del catabolismo muscolare indotto da malattie o farmaci.

Controindicazioni

Uno studio recente ha messo in evidenza diversi effetti collaterali legati all'utilizzo a lungo termine di glutammina, come alterazioni nel metabolismo degli aminoacidi e del sistema immunitario. Può causare lievi problemi intestinali, ed è controindicata per chi ha problemi renali.

 

 

Benefici dell'integrazione di glutammina

Effetti accertati (forte evidenza)

Riduzione del catabolismo muscolare indotto da farmaci: i corticosteroidi possono portare ad uno stato di debilitazione con catabolismo muscolare eccessivo, e la glutammina ha dimostrato di essere efficace nel contrastare questo effetto collaterale.

Glutammina

Riduzione del catabolismo muscolare indotto da patologie: l'AIDS, la sepsi, infortuni traumatici, sono tutte condizioni in cui il catabolismo muscolare può essere ridotto con la supplementazione di glutammina.

Effetti possibili (prove ancora insufficienti)

Riduzione della probabilità di infezione negli atleti di endurance (maratona)

Effetto anticatabolico se assunta dopo l'esercizio fisico

Aumento del GH se assunto insieme a zuccheri in persone di mezza età

Aumento della velocità di resintesi del glicogeno se assunto insieme a zuccheri

Dosaggio consigliato

 

 

Il dosaggio varia da 5 a 10 grammi al giorno, l'assorbimento è migliore se avviene insieme a carboidrati.

Conclusioni

Gli studi sulla glutammina non hanno evidenziato vantaggi tangibili per i soggetti sani. Alcuni studi hanno dimostrato qualche efficacia nel diminuire le infezioni negli atleti di endurance, ma vanno confermati. La glutammina resta dunque un integratore utile in ambito medico, per limitare il catabolismo muscolare in alcune patologie specifiche.

Consigliamo per approfondire l'ottimo articolo di wikipedia sulla glutammina.

Bibliografia

Side Effects of Long-term Glutamine Supplementation

Resistance exercise-induced increases in putative anabolic hormones do not enhance muscle protein synthesis or intracellular signalling in young men

No effect of glutamine ingestion on indices of oxidative metabolism in stable COPD

Is glutamine beneficial in ischemic heart disease

Effect of glutamine supplementation combined with resistance training in young adults

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Trapianto fecale: promettente utilizzo del microbiota intestinale

Il trapianto fecale è una promettente tecnica che ha diverse applicazioni promettenti, tra cui contro la colite ulcerosa e la colite pseudomembranosa.


Morbo celiaco o celiachia

Il morbo celiaco o celiachia è una malattia cronica, con caratteristiche lesioni della mucosa dell'intestino tenue e malassorbimento.


Le regole fondamentali per un'alimentazione senza glutine

Le regole fondamentali per un'alimentazione senza glutine sono state stilate da AIC e prevedono non solo alimenti da escludere ma anche comportamenti da adottare in cucina.


Yarsagumba: effetti dimostrati, ma solo sugli animali

Lo Yarsagumba, o Cordyceps sinensis, è un fungo parassita di diverse specie di larve, a cui sono attribuite proprietà non ancora dimostrate negli umani, ma solo in alcuni animali.

 


Fitoterapia: un aiuto ai farmaci di sintesi

La fitoterapia è una disciplina che usa principi attivi di origine vegetale per la cura o la prevenzione di alcune patologie.


Calvizie: che cos'è e differenza con l'alopecia

La calvizie si differenzia dall'alopecia, anche se spesso viene confusa con essa, perché è una condizione transitoria dovuta a diverse cause.


Disbiosi (alterazione del microbiota intestinale)

Con il termine disbiosi si indica un'alterazione della flora batterica intestinale, anche chiamato microbiota o microbioma intestinale.


Maca o Ginseng delle Ande: effetti, valori nutrizionali e controindicazioni

La Maca, o ginseng delle Ande, è la radice di una pianta di origine peruviana usata per diverse presunte proprietà, fra cui quella di favorire la fertilità maschile.