Chetoni di lampone

I chetoni di lampone (raspberry ketones in inglese) sono composti fenolici responsabili dell'aroma del lampone. Vengono utilizzati da decenni dall'industria alimentare e da quella dei cosmetici come aromatizzante, sono tra gli aromi naturali più costosi. Per ricavare pochi milligrammi di chetoni di lampone occorre ben un kg di lamponi freschi.

 

 

Da qualche anno i chetoni di lampone sono venduti anche come integratore alimentare dimagrante, perché alcune ricerche hanno dimostrato che sugli animali, o in vitro (cioè in provetta) sono in grado di aumentare la capacità delle cellule di metabolizzare i grassi, con effetti simili a quelli dell'efedrina e della sinefrina. Questi studi sono stati effettuati nel corso degli ultimi 10 - 15 anni; oltre che in vitro, i ricercatori hanno esaminato l'effetto dei chetoni di lampone su ratti, topi e conigli.

Purtroppo le concentrazioni dei ketoni di lamponi utilizzati negli studi non sono replicabili quando questo integratore viene assunto per bocca, e questo, allo stato attuale della ricerca, rende del tutto inefficace, e quindi inutile, l'assunzione di chetoni di lampone.

 

 

Controindicazioni

I chetoni di lamponi sono usati da decenni dall'industria alimentare, come aromatizzante. Le piccole quantità utilizzate per conferire aromi ai cibi sono considerate sicure dalle autorità per la sicurezza alimentare, ma non esistono ancora studi sufficientemente approfonditi sulla loro sicurezza quando assunti in dosi più elevate.

Chetoni di lampone

Benefici dell'integrazione di chetoni di lampone

Effetti possibili (prove ancora insufficienti)

Nessuno

Dosaggio consigliato

Gli studi sui ratti hanno usato un intervallo di dosaggio di 545 - 2180 mg/kg, che è correlato ad una dose stimata di circa 80-340 mg/kg per gli esseri umani, dosi molto elevate se comparate con altre sostanze bruciagrassi. Le quantità consigliate dagli integratori venduti in commercio variano da 100 a 200 mg al giorno, ma se si dovesse procedere in modo scientifico, utilizzando le quantità assunte dai ratti degli esperimenti, rapportate agli esseri umani, un soggetto di 70 kg dovrebbe assumere da 800 a 3500 mg al giorno di estratto, spendendo cifre folli e peraltro senza alcuna garanzia di successo, perché allo stato attuale non esistono studi seri effettuati su esseri umani.

Conclusioni

Allo stato attuale della ricerca gli integratori di chetoni di lampone sono da evitare, perché non esiste alcuna evidenza scientifica fondata che consigli il loro utilizzo come integratori dimagranti. I pochi studi disponibili sono sugli animali, o in vitro, e quindi totalmente inaffidabili. Inoltre, gli integratori in commercio, anche se funzionassero, dovrebbero essere assunti in quantità molto superiori a quelle consigliate, con costi esorbitanti.

Bibliografia

Raspberry Ketone Increases Both Lipolysis and Fatty Acid Oxidation in 3T3-L1 Adipocytes

Anti-obese action of raspberry ketone

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute

Integratori per la vista e la salute degli occhi

Alcune sostanze contenute nei cibi, ma assumibili anche sottoforma di integratori, possono ritardare l'insorgenza di alcune patologie dell'occhio legate all'età.

Come integrare la dieta quotidiana per il benessere di pelle e capelli

Come integrare la dieta quotidiana per il benessere di pelle e capelli: omega 3 e altri integratori.

Fungo Chaga: l'integratore con più rischi che benefici

Chaga è un fungo al quale vengono riconosciute proprietà terapeutiche contro alcune patologie, in realtà tutte da dimostrare. E non mancano le controindicazioni.

Cannabidiolo (CBD) - cosa sappiamo e cosa no

Il CBD (cannabidiolo) è un cannabinoide che si trova nella cannabis light: scopriamone pregi e difetti.

 

Integratori per la tiroide: quali sono davvero efficaci?

Gli integratori proposti contro le patologie tiroidee sono molti ma nella maggior parte dei casi sono necessarie delle prove a supporto della loro efficacia.

Lattoferrina: benefici e possibili effetti

La lattoferrina è usata come integratore per diversi scopi, molti dei quali non hanno ancora una solida conferma scientifica.

Mucosite perimplantare

La mucosite perimplantare viene definita come un processo infiammatorio reversibile nei tessuti molli che circondano la zona in cui è installato un impianto dentale.

Listeria monocytogenes: alimenti, sintomi e prevenzione

La Listeria monocytogenes è un batterio ubiquitario che si trova in diversi alimenti e sopravvive anche in frigo.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.