Caffè verde

L'estratto di caffè verde è prodotto dai chicchi di caffè verde, ovvero dai chicchi della normale pianta del caffè, ma che non vengono tostati, operazione comune ai chicchi di caffè venduti per preparare la famosa bevanda.

 

 

Il caffè verde, proprio per non aver subito l'operazione di tostatura, ha un contenuto più elevato di acido clorogenico, un estere dell'acido caffeico con l'acido chinico. Sarebbe proprio questo composto, insieme ai suoi metaboliti (come l'acido ferulico) ad essere responsabile degli effetti benefici del caffè verde.

Il caffè verde viene venduto come integratore dimagrante. Gli studi effettuati su soggetti in sovrappeso o obesi hanno dimostrato la capacità del caffè verde di ridurre il peso corporeo, sebbene in modo molto modesto, a quanto pare per la sua proprietà di ostacolare l'assorbimento dei carboidrati da parte dell'intestino. Non sono ancora stati effettuati studi su persone non in sovrappeso. Tuttavia, va rimarcato che gli studi sull'uomo sono pochi (solo tre), e per di più piccoli, di breve durata e poco controllati. Alcuni scienziati hanno respinto queste ricerche, ritenendole di parte e troppo poco solide per trarre conclusioni sull'effetto del caffè verde sulla perdita di peso.

Altri studi hanno dimostrato la proprietà di migliorare la salute del sistema cardiovascolare, riducendo la pressione e migliorando la salute dei vasi sanguigni, anche se l'effetto benefico riscontrato si è ridotto praticamente a zero dopo due settimane di trattamento.

 

 

Controindicazioni

Le controindicazioni del caffè verde sono le stesse del caffè nero e, in generale, della caffeina.

Caffè verde

Benefici dell'integrazione di caffè verde

Effetti possibili (prove ancora insufficienti)

Può ridurre, ma a breve termine, la pressione sanguigna

Dosaggio consigliato

Gli studi sul caffè verde sono basati sul suo contentuto di acido clorogenico, che è stato somministrato nell'intervallo di 120-300 mg al giorno.

Per raggiungere queste dosi occorre un'assunzione giornaliera di 1,2-3 g di un integratore titolato al 10% di acido clorogenico; o di 600-1500 mg di un integratore titolato al 10% di acido clorogenico.

 

 

Va ricordato comunque che gli esperimenti scientifici ai quali si fa riferimento non sono particolarmente attendibili.

Conclusioni

Le ricerche sul caffè verde sono troppo poche e troppo deboli per poter affermare che questo sia un integratore efficace per il dimagrimento. Quindi allo stato attuale riteniamo che sia inutile assumerlo.

Bibliografia

The blood pressure-lowering effect and safety of chlorogenic acid from green coffee bean extract in essential hypertension

The effect of chlorogenic acid enriched coffee on glucose absorption in healthy volunteers and its effect on body mass when used long-term in overweight and obese people

The Use of Green Coffee Extract as a Weight Loss Supplement: A Systematic Review and Meta-Analysis of Randomised Clinical Trials

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Trapianto fecale: promettente utilizzo del microbiota intestinale

Il trapianto fecale è una promettente tecnica che ha diverse applicazioni promettenti, tra cui contro la colite ulcerosa e la colite pseudomembranosa.


Morbo celiaco o celiachia

Il morbo celiaco o celiachia è una malattia cronica, con caratteristiche lesioni della mucosa dell'intestino tenue e malassorbimento.


Le regole fondamentali per un'alimentazione senza glutine

Le regole fondamentali per un'alimentazione senza glutine sono state stilate da AIC e prevedono non solo alimenti da escludere ma anche comportamenti da adottare in cucina.


Yarsagumba: effetti dimostrati, ma solo sugli animali

Lo Yarsagumba, o Cordyceps sinensis, è un fungo parassita di diverse specie di larve, a cui sono attribuite proprietà non ancora dimostrate negli umani, ma solo in alcuni animali.

 


Fitoterapia: un aiuto ai farmaci di sintesi

La fitoterapia è una disciplina che usa principi attivi di origine vegetale per la cura o la prevenzione di alcune patologie.


Calvizie: che cos'è e differenza con l'alopecia

La calvizie si differenzia dall'alopecia, anche se spesso viene confusa con essa, perché è una condizione transitoria dovuta a diverse cause.


Disbiosi (alterazione del microbiota intestinale)

Con il termine disbiosi si indica un'alterazione della flora batterica intestinale, anche chiamato microbiota o microbioma intestinale.


Maca o Ginseng delle Ande: effetti, valori nutrizionali e controindicazioni

La Maca, o ginseng delle Ande, è la radice di una pianta di origine peruviana usata per diverse presunte proprietà, fra cui quella di favorire la fertilità maschile.