Secchezza oculare

La secchezza oculare (più propriamente xerosi oculare), detta anche impropiamente occhi asciutti o secchi, è causata da una insufficiente produzione di liquido da parte delle ghiandole lacrimali. Questo problema, che può sembrare di poco conto, è in realtà piuttosto fastidioso perché impedisce all'occhio di svolgere in modo efficiente le sue funzioni.

 

 

Cenni di fisiologia delle vie lacrimali

Le ghiandole lacrimali sono due: quella principale e quelle accessorie. Queste ultime sono numerose, e molto piccole.

La ghiandola lacrimale principale è situata superiormente ed esternamente rispetto al bulbo oculare. Essa produce il liquido lacrimale bagnando direttamente la superficie dell'occhio. L'ammiccamento (il movimento continuo di chiusura e apertura delle palpebre) ha la funzione di distribuire uniformemente il liquido lacrimale sulla superficie del bulbo oculare. Dopo aver svolto la sua funzione, il liquido lacrimale viene raccolto nell'angolo interno delle palpebre, e da qui aspirato e immesso, tramite le vie lacrimali (canalino lacrimale superiore e inferiore), nelle cavità nasali. Per questo motivo quando si piange, la copiosa produzione di liquido lacrimale rende necessario soffiarsi il naso.

Secchezza oculare

Sintomi

La scarsità di lacrime comporta un fastidio continuo, la sensazione di avere la "sabbia negli occhi", un arrossamento cronico della congiuntiva e nell'aumento di probabilità di contrarre infezioni. Gli occhi, senza l'apporto continuo di lubrificante, non riescono a lavorare in modo efficiente e si stancano facilmente.

Cause

La secchezza oculare può essere provocata da cause ambientali, come la luce del sole molto intensa, permanere al lungo in ambienti ventosi (moto, bicicletta, automobili scoperte o con finestrini abbassati), permanere a lungo in ambienti deumidificati (in inverno col riscaldamento acceso, in estate con il climatizzatore), il lavoro prolungato al computer. Anche sottoporre l'occhio a sostanze irritanti non aiuta: gas di scarico, smog cittadino, piscine (con acqua ricca di cloro).

 

 

La secchezza oculare può essere provocata da alcuni farmaci che influiscono sull'equilibrio ormonale, come gli antidepressivi e i beta-bloccanti, gli antistaminici, i farmaci per la cura dell'acne, la pillola anticoncezionale. Il fumo, l'età avanzata, la menopausa favoriscono l'insorgenza della xerosi oculare.

Tra le patologie che hanno tra i sintomi la secchezza oculare, troviamo quelle autoimmuni (sindrome di Sjögren, artrite reumatoide, lupus, spondilite anchilosante), carenza di vitamina A, tiroiditi, diabete. Anche l'intervento chirurgico di correzione della vista può causare secchezza oculare, ma anche non intervenire correttamente nella correzione di un difetto visivo. Infine, l'uso prolungato di lenti a contatto può causare xerosi oculare.

Terapia

 

 

Non esistono medicinali o terapie specifiche per ristabilire la produzione di lacrime. Il rimedio più utilizzato consiste nel sostituire le lacrime con colliri (lacrime artificiali) a base di sostanze detergenti e lubrificanti, che sostituiscano la funzione delle normali lacrime. Conviene scegliere tra quelli senza conservanti, che possono essere monodose (tutti senza conservanti) o multidose (occorre verificare l'assenza di conservanti). Esistono anche gel che grazie alla loro densità consentono di mantenere il bulbo oculare lubrificato a lungo (per esempio di notte), altrimenti i normali colliri vanno somministrati spesso, mediamente ogni 30-60 minuti.

Nei casi più gravi e fastidiosi si possono occludere i canalini lacrimali grazie a tappi di materiale sintetico che si riassorbono spontaneamente nel giro di qualche settimana.

Chi soffre di secchezza oculare dovrebbe evitare i fattori predisponenti, soprattutto il fumo e gli ambienti inquinati da fumo e polvere, umidificare bene gli ambienti, evitare il trucco palpebrale, proteggere gli occhi dal sole e dal vento con adeguati occhiali, bere una quantità di acqua sufficiente ed evitare il contatto con gli occhi da parte di creme da viso, sapone e cosmetici.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Agopuntura: è solo effetto placebo?

L'agopuntura è una pratica tipica della medicina tradizionale cinese che viene proposta per diversi scopi terapeutici ma che non ha prove scientifiche solide.


Medicina alternativa

Medicina alternativa: elenco pratiche e analisi critica in base alla letteratura scientifica.


Fungo reishi: è davvero il fungo del'immortalità?

Il fungo reishi, il cui nome scientifico è Ganoderma lucidum, è un saprofita di alcune piante, usato nella medicina cinese ma dagli effetti non ancora ben confermati.


Criolipolisi: effetti e risultati

La criolipolisi è una metodica che sembra essere sicura ed efficace nella rimozione del grasso localizzato sottocutaneo. Non è efficace in caso di obesità e non ha effetti collaterali.

 


Acqua ossigenata: usi e caratteristiche

L'acqua ossigenata è un composto biodegradabile usato per diversi scopi e ambiti, come quello industriale, medico e cosmetico perché ha basso costo ed è facilmente reperibile.


NADH come integratore: cos'è, opinioni ed effetti

IL NADH è un coenzima che partecipa al metabolismo energetico. Viene spesso proposto come integratore per diversi scopi ma gli studi in merito sono deboli e con risultati incerti.


Rimedi naturali per la perdita dei capelli: funzionano?

I rimedi naturali per la caduta dei capelli non sempre funzionano. Alcuni potenziano l'effetto del farmaco, altri abbreviano la durata della caduta stagionale.


LMSM come integratore per capelli

L'MSM è una molecola usata sia in ambito industriale che per la formulazione di integratori, che favoriscono la crescita dei capelli.