Scovolino per denti

Cos'è lo scovolino interdentale

La rimozione della placca è fondamentale per la prevenzione delle malattie dei denti e delle gengive. Nonostante questo, molti, tutt’ora non praticano regolarmente una buona igene orale o un igene orale completa. La rimozione della placca non può essere ottentua tramite l’esclusivo utilizzo dello spazzolino da denti che deve essere invece seguito dall’utilizzo di strumenti specifici per la pulizia interdentale. Questi strumenti sono il filo interdentale e lo scovolino, i quali non vengono però usati regolarmente dalla maggior parte della popolazione. Tra i due il filo interdentale è il più comunemente utilizzato nonostante anche gli scovolini possano essere un efficace alternativa.

 

 

Gli scovolini interdentali non sono noti quanto il filo interdentale per la pulizia giornaliera della placca interprossimale, ma vari studi dimostrano che se selezionati e utilizzati quotidianamente in maniera corretta possono essere molto utili nella prevenzione delle malattie dei denti e delle gengive. Inoltre la riduzione della placca può migliorare la salute complessiva in quanto la diminuizione della presenza batterica nel cavo orale, a lungo termine si traduce in una riduzione delle possibili infezioni e complicazioni sistemiche.

 

 

Filo interdentale o scovolino?

Non tutti i soggetti hanno sufficiente spazio interdentale per utilizzare uno scovolino; in questo caso il filo interdentale è l’unica soluzione, ma nel caso si possano utilizzare entrambi, quale scegliere?

Uno studio ha paragonato l’efficacia del filo interdentale e dello scovolino nella rimozione della placca. Per confrontare l’efficacia del filo interdentale e dello scovolino, dei pazienti che precedentemente non facevano utilizzo ne dell’uno ne dell’altro, vennero divisi in due gruppi: ad uno venne assegnato l’utilizzo dello scovolino, all'altro il filo interdentale. Gli fu poi dato un periodo di tempo di un mese dalla visita iniziale per utilizzare il prodotto assegnatoli e fu quindi determinata la differenza di efficacia tra i due prodotti osservando la quantità media di riduzione di placca sopragengivale. Nel caso degli scovolini diminuì del 58% mentre del 50% per il filo interdentale.

Per quanto riguarda le differenze medie nella riduzione della placca sottogengivale, fu riscontrato che gli scovolini mediamente la riducono del 57% mentre il filo interdentale del 50%.

Questo studio ha dimostrato l'efficacia dell'uso degli scovolini e l’importanza dell’utilizzo di strumenti di pulizia interdentale sia questa tramite filo interdentale o scovolino.

Importanza della rimozione quotidiana della placca

 

 

Sono state condotte molte ricerche in merito alla placca, al suo rapporto con la salute e alla necessità di ridurne la presenza. La salute orale è importante in quanto può influenzare il modo in cui mangiamo, parliamo e semplicemente ci sentiamo quotidianamente, e la mancanza di una buona giene orale può portare a disagi e trattamenti costosi e dispendiosi in termini di tempo e costi. Spazzolare e rimuovere la placca interprossimale è importante per la prevenzione di malattie orali come gengiviti, parodontiti e carie. Inoltre, man mano che aumentano gli studi sulla salute orale si stanno lentamente comprendendo come i suoi effetti non siano solamente localizzati alla bocca, ma possano anche avere un impatto sulla salute sistemica. Nei pazienti diabetici, per esempio, è necessario mantenere una buona salute orale in quanto questi pazienti hanno una maggiore suscettibilità a contrarre infezioni e una maggiore difficoltà nel recupero e nella guarigione.

Se pensiamo quindi alle riserve di placca come dei serbatoi batterici, è importante mantanerli ai livelli più bassi possibili al fine di ridurre le possibilità di sviluppo di malattie. Indipendentemente dall'età e dall'anamnesi, la prevenzione dell'infezione da batteri orali dovrebbe essere una priorità, i metodi sono semplici e i risultati sono significativi.

Come usare e selezionare lo scovolino giusto?

Gli scovolini interdentali, a seconda delle loro dimensioni, forma e spazio interdentale, possono rivelarsi strumenti efficaci per ridurre la placca interprossimale. Quando si inizia ad utilizzare uno scovolino per la pulizia interdentale, è importante (se necessario) selezionare più misure di scovolini. Diverse dimensioni consentono l'accesso a diversi siti all'interno della bocca; gli scovolini più piccoli sono più efficaci per utilizzatori con gengive sane e spazi interdetali inferiori, mentre quelli più grandi per utilizzatori con retrazioni gengivali o spazi interdentali maggiori.

Per molti individui gli scovolini sono più facili da usare rispetto al filo interdentale, il che può essere un fattore di facilitazione di utilizzazione quotidiana. Allo stesso modo, gli scovolini possono essere più facili da utilizzare del filo interdentale nei pazienti con limitazioni di destrezza manuale o con mani più grandi. Ci sono una varietà di misure di spazzolini interdentali per soddisfare la maggior parte di denti e gengive. I professionisti del settore dentale possono aiutare a istruire i pazienti su quali sono gli scovolini più adatti alla loro pulizia prossimale.

Gli scovolini più piccoli possono essere utilizzati per le feritoie più piccole, mentre gli scovolini più grandi possono aiutare ad affrontare le aree problematiche, lo spazio edentule, l'ortodonzia e la protesi dentale. Durante i primi giorni di utilizzo è normale notare dei piccoli sanguinamenti nelle gengive, questi dovrebbero diminuire rapidamente man mano che la pulizia dentale viene eseguita quotidianamente. Spesso, inizialmente, è bene consultare il dentista o l’igenista dentale soprattutto per quanto riguarda la scelta delle dimensioni corrette, la frequenza con cui cambiare gli scovolini, i limiti di flessione dei fili e la tecnica di pulizia. In breve, gli scovolini rappresentano un'ottima alternativa al filo interdentale per migliorare la salute dei denti.

Qui trovate un ottimo video che spiega come scegliere e utilizzare lo scovolino.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Tea Tree Oil o olio di Melaleuca: come usarlo, controindicazioni e proprietà

Il tea tree oil, o olio di melaleuca, è un olio essenziale a cui vengono attribuite proprietà antibatteriche, antinfiammatorie e antimicrobiche.


Integratori per dormire: quali sono, perché prenderli e loro reale efficacia

Gli integratori per dormire sono di tante tipologie, alcuni con efficacia dimostrata altri meno. L'insonnia va anche combattuta attraverso corrette strategie comportamentali.


Farmacognosia: il supporto alla formulazione dei farmaci

La Farmacognosia è la disciplina che studia i prodotti di origine vegetale, animale e minerale usati per scopi terapeutici.


Teanina: tra effetti potenziali e reali

La teanina è un amminoacido contenuto nel tè, sia verde che nero, che ha dimostrato di avere un effetto neuroprotettivo e rilassante. Viene anche usato come integratore.

 


Essiac: la tisana dal leggendario, ma finto, effetto anticancro

L'Essiac è una tisana formata da una miscela di erbe a cui vengono attribuite proprietà anticancro, che però non sono state confermate scientificamente.


Influenza intestinale: cos'è, cosa mangiare, come prevenirla

L'influenza intestinale, o più propriamente gastroenterite virale, è una patologia causata da diversi tipi di virus.


Banane mature e cura dei tumori: una bufala lunga 10 anni

L'idea che le banane mature possano curare il tumore risale ad una ricerca di 10 anni fa che è stata mal interpretata e che presentava risultati solo preliminari.


Funghi allucinogeni: effetti positivi e negativi

I funghi allucinogeni sono funghi con sostanze attive a livello psicologico, fra cui la psilocibina, che ha potenziali effetti terapeutici ancora da confermare.