Condrocalcinosi

La condrocalcinosi, conosciuta anche come pseudogotta, è una malattia che interessa le articolazioni, i tendini e le borse sierose. È una forma di artrite che provoca improvvisamente dolore, rigidità, gonfiore, arrossamento e calore di alcune articolazioni. Può interessare una o più articolazioni contemporaneamente.

 

 

La maggior parte delle volte la condrocalcinosi colpisce le ginocchia e i polsi. Questa patologia è chiamata anche malattia da deposizione di pirofosfato di calcio o CPP, e il termine "pseudogotta" è stato coniato per la somiglianza della condizione della gotta (malattia del metabolismo caratterizzata da artrite acuta, dolore e gonfiore alle articolazioni), ovvero la presenza di depositi di cristallo. Non è ancora chiaro il motivo per cui si formano i cristalli nelle articolazioni che causano tale patologia. Il rischio aumenta con l'età, sembra essere più frequente nelle persone di sesso femminile e i trattamenti possono aiutare ad alleviare il dolore e a ridurre l'infiammazione.

Cause

La condrocalcinosi è stata associata alla formazione anomala di cristalli di pirofosfato di calcio (CPP) a livello della cartilagine ossea, che viene poi seguita dal rilascio di cristalli nel liquido sinoviale. La causa dei depositi anomali di cristalli CPP nella cartilagine è sconosciuta. I cristalli tendono a diventare più numerosi con l'avanzare dell'età, infatti questa malattia appare in quasi metà della popolazione di età superiore a 85 anni. Non tutte le persone che hanno questi depositi di cristalli sviluppano in seguito i sintomi della pseudogotta e non è tutt'ora chiaro il motivo per cui alcune persone mostrano dei sintomi e altre no. A differenza della gotta, che è legata al consumo eccessivo di alcol e una dieta ricca di pesce e carni, gli attacchi di pseudogotta non sono collegati ad alcuna dieta o alimento particolare.

Fattori di rischio

Condrocalcinosi

I fattori che possono aumentare il rischio di condrocalcinosi includono:

  • Età avanzata: il rischio di sviluppare la pseudogotta aumenta con l'età.
  • Traumi: il trauma ad un tendine o ad un'articolazione, come ad esempio un grave infortunio o un intervento chirurgico, aumenta il rischio di sviluppare pseudogotta in quell'area.
  • Predisposizione genetica: in alcune famiglie la predisposizione allo sviluppo di pseudogotta è ereditaria. Queste persone tendono a sviluppare la condrocalcinosi già dalla giovane età.
  • Disordini minerali: il rischio di condrocalcinosi è maggiore per le persone che hanno un eccesso di calcio o ferro nel sangue, o troppo poco magnesio.
  • Altre condizioni mediche: la condrocalcinosi è stata collegata all' iperattivazione della ghiandola tiroidea e della ghiandola paratiroidea.

Sintomi

 

 

La condrocalcinosi colpisce più comunemente le ginocchia, meno spesso, può coinvolgere anche le spalle, i gomiti, le articolazioni delle dita dei piedi o le caviglie. In molti casi non si sviluppano sintomi evidenti, tuttavia, in alcun casi di pseudogotta, le articolazioni colpite possono apparire:

  • gonfie;
  • calde al tatto;
  • provocare dolore.

Gli attacchi di condrocalcinosi possono ripresentarsi di volta in volta nella stessa area o colpire diverse articolazioni. L'attacco iniziale e i sintomi possono durare, e poi scomparire da soli, tra i cinque e i dodici giorni, a meno che non venga messo in atto un trattamento. Nel corso del tempo, gli attacchi di condrocalcinosi possono aumentare, coinvolgere più articolazioni, causare sintomi più gravi, e durare più a lungo. La frequenza degli attacchi è variabile e questi possono verificarsi da una volta ogni poche settimane a meno di una volta all'anno. Frequenti e ripetuti attacchi possono danneggiare le articolazioni colpite.

Diagnosi

I segni e i sintomi di condrocalcinosi possono essere simili ad altri tipi di artrite, come quella reumatoide, oppure possono essere scambiati per quelli della gotta; per questi motivi, per confermare la diagnosi, sono necessari degli esami di laboratorio e dei test per immagini:

  • Prove di laboratorio: gli esami del sangue possono verificare la presenza di problemi alla tiroide e alle ghiandole paratiroidi, così come indicare una serie di squilibri minerali, che potrebbero essere collegati alla pseudogotta. È possibile che venga anche prelevato un campione di fluido, tramite un prelievo dall'area interessata, per verificare la presenza di cristalli.
  • Esami di imaging: i raggi X svolti sull'area interessata possono aiutare a rivelare il danno articolare e i depositi di cristalli nella cartilagine del giunto, inoltre la radiografia del giunto permette di individuare la presenza di cristalli di calcio situati all'interno della cartilagine.

Terapia

 

 

Non c'è un trattamento e una cura precisa per la pseudogotta, ma una combinazione di trattamenti può aiutare ad alleviare il dolore e a migliorare la funzione del giunto. Il tipo di trattamento prescritto per la condrocalcinosi dipenderà da diversi fattori, tra cui l'età della persona, i farmaci che la persona sta già assumendo, la sua salute generale, dalla sua storia medica e dalla gravità degli attacchi. Se gli antidolorifici non sono sufficienti, si può suggerire l'assunzione di:

  • Farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS): tra questi possono essere prescritti farmaci contenenti il naproxene e l'indometacina. Bisogna prestare attenzione alle controindicazioni dei FANS, poiché possono causare sanguinamento dello stomaco e ridotta funzionalità renale, soprattutto nei pazienti più anziani.
  • Colchicina: pillole a basso dosaggio di questo farmaco, usate solitamente per il trattamento della gotta, sono efficaci anche per la pseudogotta. Se si dispone di frequenti episodi di pseudogotta, è consigliabile prendere una pastiglia di colchicina al giorno come misura preventiva.
  • Corticosteroidi: se non è possibile assumere farmaci come i FANS o la colchicina, si possono assumere pillole di corticosteroidi, come il prednisone, per ridurre l'infiammazione e limitare gli attacchi di condrocalcinosi. L'uso a lungo termine di corticosteroidi può indebolire le ossa e causare cataratta, diabete e aumento di peso.
  • Drenaggio: per alleviare il dolore e la pressione della zona colpita, si può inserire un ago e rimuovere parte del liquido sinoviale, rimuovendo così anche alcuni dei cristalli dal giunto. Durante questa medicazione si può iniettare nell'articolazione un farmaco corticosteroide per ridurre l'infiammazione.
  • Rimedi casalinghi: durante gli attacchi e i momenti di dolore più acuto è consigliabile evitare di appoggiare l'articolazione colpita, è bene tenerla a riposo per un paio di giorni. Si può anche applicare del ghiaccio, degli impacchi freddi possono aiutare a ridurre l'infiammazione associata agli attacchi improvvisi.

I sintomi sono spesso alleviati entro 24 ore dopo che il trattamento è iniziato.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute

Integratori per la tiroide: quali sono davvero efficaci?

Gli integratori proposti contro le patologie tiroidee sono molti ma nella maggior parte dei casi sono necessarie delle prove a supporto della loro efficacia.

Lattoferrina: benefici e possibili effetti

La lattoferrina è usata come integratore per diversi scopi, molti dei quali non hanno ancora una solida conferma scientifica.

Mucosite perimplantare

La mucosite perimplantare viene definita come un processo infiammatorio reversibile nei tessuti molli che circondano la zona in cui è installato un impianto dentale.

Listeria monocytogenes: alimenti, sintomi e prevenzione

La Listeria monocytogenes è un batterio ubiquitario che si trova in diversi alimenti e sopravvive anche in frigo.

 

Bacopa monnieri - Integratori - Controindicazioni

La Bacopa monnieri è una pianta usata nella medicina ayurvedica a cui si attribuiscono diversi effetti, alcuni molto probabili altri meno.

Mucuna pruriens: l'integratore per il Parkinson

La mucuna pruriens è una pianta studiata perché ricca di L-Dopa e quindi di potenziale utilizzo, fra gli altri scopi, per alleviare i sintomi del Parkinson.

Foam roller: funziona? Utilizzo per schiena, ginocchio, cellulite...

Il foam roller è uno strumento di auto-trattamento molto di moda. Scopriamo per cosa è davvero efficace, e come utilizzarlo.

Integratori di vitamine B per la salute mentale

Gli integratori di vitamine B potrebbero essere utili per la salute mentale, ma i loro effetti a riguardo non sono ancora certi.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.