La dieta personalizzata

Uno degli aspetti più importanti di una dieta è la fattibilità, intesa come la tollerabilità a lungo termine della dieta stessa. Un piano alimentare non personalizzato contiene cibi, piatti e combinazioni alimentari poco gradite, che rendono la dieta molto difficile da seguire.

Spesso capita di trovare tra gli alimenti cibi indesiderati, oppure che si gradiscono ma non nelle quantità desiderate. Altrettanto spesso capita che le quantità non siano sufficienti: la dieta, cioè, non riesce a soddisfare il senso di sazietà di chi la segue.

Questi concetti si esprimono secondo i principi della sazietà e dell'appetibilità, e sono importanti quanto le calorie giornaliere in un approccio veramente su misura, in una dieta veramente personalizzata.

Sazietà e appetibilità nella dieta personalizzata

Ogni alimento sazia in modo diverso, a parità di calorie: che programma una dieta personalizzata deve scegliere cibi su misura del soggetto, che massimizzano il senso di sazietà in modo tale da non fargli avvertire un eccessivo senso di fame, bestia nera di ogni dieta.

L'appetibilità, invece, riguarda la fattibilità di una dieta personalizzata dal punto di vista psicologico, del gradimento. Questo concetto nasce dal fatto che ognuno di noi ha una fame "psicologica" dovuta alla necessità di soddisfare il bisogno di provare piacere dall'atto del mangiare. Questo piacere è proporzionale alla densità calorica dei cibi, dunque durante una dieta viene naturalmente abbassato. Una dieta personalizzata ben fatta, dovrebbe evitare di far scadere l'appetibilità sotto un limite di guardia, che comporta l'accumulo a livello psicologico (e spesso inconscio) della voglia di gratificarsi, che quando presenta il conto, è spesso devastante.

Una dieta su misura dovrebbe essere avvertita dal soggetto come una alimentazione abbastanza normale, in modo tale che egli non debba mettere in campo una forza di volontà eccessiva per seguirla. Anche la durezza della dieta dovrebbe essere personalizzata in base alle capacità del soggetto di tollerare la restrizione calorica.

Dieta personalizzata

Come impostare una dieta personalizzata

Da quanto detto è chiaro che un approccio personalizzato all'alimentazione difficilmente può essere proposto senza un acculturamento del soggetto e senza una collaborazione continuativa e quantitativamente (in termini di tempo) importante con il consulente (dietologo, dietista, food coach, wellness coach, ecc) che propone la dieta. Molti dietologi forniscono diete su misura con una certa possibilità di scelta, ma raramente il soggetto è libero di scegliere tra una gamma molto varia di cibi, e soprattutto, il soggetto non viene acculturato, cioè non viene informato riguardo i criteri di scelta dei vari cibi.

 

 

Dunque, chi vuole proporre una dieta personalizzata, che si sposi perfettamente con le esigenze del cliente, e abbia quindi caratteristiche nutrizionali (calorie e ripartizione tra i macronutrienti), di sazietà e di appetibilità ideali, deve necessariamente prevedere una fase di acculturamento del cliente, durante la quale egli deve comprendere i criteri di scelta dei vari cibi, in modo tale da impostare, a step successivi, una dieta personalizzata che possa essere seguita a lungo termine.

Successivamente, il cliente deve continuare l'approccio educativo in modo tale da capire come può modificare questa dieta personalizzata, che inizialmente può essere anche piuttosto rigida, così da ampliare la scelta dei cibi in base ai propri gusti, rendendo la dieta sempre meno difficile da seguire e sempre più disegnata su misura del soggetto. Alla fine del percorso, il cliente dovrebbe essere in grado di impostare da solo una dieta di mantenimento, che lo accompagnerà per tutta la vita, senza avere più vincoli, se non saltuari, con il consulente, che parteciperà sempre meno alla composizione della dieta, ma interverrà solo per chiarire i dubbi e correggere gli errori.

In definitiva, possiamo dire che la migliore dieta personalizzata è quella che costruiamo noi stessi!

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Ricotta di vacca, pecora e capra - Calorie della ricotta

Ricotta di vacca, pecora e capra: non è propriamente un formaggio, poiché viene ricavata dal siero, un prodotto di scarto.


Vitamina B9 (acido folico)

La vitamina B9 o acido folico è fondamentale nella sintesi di aminoacidi, una sua carenza è particolarmente rischiosa in gravidanza.


Vitamina B6 (piridossina)

La vitamina B6 o piridossina è coinvolta nel metabolismo di proteine e grassi, la sua integrazione può essere utile per alcune patologie.


Castagne - Castagna e Marroni

Le castagne e i marroni, un frutto atipico molto ricco di carboidrati.

 


Vitamina B5 (acido pantotenico)

La vitamina B5 o acido pantotenico è importante per il metabolismo dei macronutrienti e svolge anche altre importanti funzioni.


Vitamina B3 (niacina)

La vitamina B3 o niacina è importante per la produzione di energia, per il sistema nervoso, lo stomaco e l'intestino.


Vitamina B2 (riboflavina)

La vitamina B2 o riboflavina è coinvolta nel metabolismo energetico, non è dimostrata la sua efficacia per migliorare la salute di unghie, capelli e pelle.


Bacon e pancetta: quali differenze?

Molti utilizzano il termine bacon come sinonimo di pancetta, ma in realtà sono due prodotti diversi. Scopriamone le differenze.