Conservazione del pesce

Conservazione con il freddo

Il pesce fresco che acquistiamo al mercato o al supermercato è dato soprattutto da pesce conservato per refrigerazione. Il pesce freschissimo, appena pescato, si trova solo nelle città di mare.

 

 

Il pesce mantenuto ad una temperatura di 0 gradi si mantiene bene per 4-5 giorni, fino a un massimo di 10-15. A queste temperature la moltiplicazione dei microorganismi è molto rallentata, ma l'ossidazione dei lipidi continua, quindi il pesce grasso si conserva molto meno rispetto a quello magro.

La congelazione viene spesso effettuata direttamente sulle imbarcazioni, poiché deve avvenire entro 3 e 6 giorni rispettivamente per il pesce grasso e quello magro: il pesce congelato ha una durata limitata, di 4-6 mesi e di 10-12 mesi rispettivamente se grasso o magro.

La vendita del pesce decongelato è consentita, ma deve essere ben distinto da quello fresco e il consumatore deve essere informato chiaramente che si tratta di pesce decongelato.

Essicamento, salagione e affumicamento

Conservazione del pesce

Vengono essiccati solo i pesci magri, in quanto i grassi vanno incontro ad ossidazione. Il più diffuso pesce essiccato è lo stoccafisso, che proviene quasi tutto dalla Norvegia. I merluzzi, subito dopo la cattura, vengono decapitati, eviscerati e lavati. Poi vengono legati a coppie ed appesi a dei tralicci ad asciugare per tre mesi circa, fino a raggiungere una umidità residua del 15%. Prima del consumo vanno reidratati in acqua ed eventualmente battuti per snervare la carne e favorire la penetrazione dell'acqua nei tessuti.

La salagione viene utilizzata per conservare merluzzi, aringhe e acciughe. Il pesce viene eviscerato e lavato, poi viene posto in barili a strati alternati di pesce e sale, pressando infine il tutto con un peso. Segue un periodo di maturazione ad opera di microorganismi, selezionati dalla presenza del sale, che conferiscono al prodotto un sapore e un arome tipici.

 

 

Le aringhe salate arrivano quasi tutte dal nord europa, e possono anche essere affumicate.

Il baccalà (merluzzo salinato) è probabilmente il prodotto sotto sale più famoso. Contiene il 30-35% di umidità e anch'esso, come lo stoccafisso, va ammollato in acqua per 1-3 giorni prima del consumo. Va conservato a temperatura di frigorifero. La legge ammette l'aggiunta di anidride solforosa e di solfiti a scopo conservativo e sbiancante nella dose massima di 200 mg/kg. Questi conservanti sono dannosi se assunti in dosi non minime, quindi è bene non eccedere nel consumo di baccalà a meno di non essere certi della assenza di questo additivo.

Conserve e semiconserve

 

 

La conserva ittica più diffusa è il tonno sott'olio, ma si producono anche salmoni, sgombri, sardine preparati in vario modo. I prodotti, che spesso vengono congelati sulle imbarcazioni, arrivano agli stabilimenti di lavorazione e qui vengono (dopo un eventuale decongelamento) tagliati, cotti, asciugati, inscatolati, sterilizzati in autoclave a 121 gradi e quindi commercializzati.

I prodotti sott'olio necessitano di un periodo di maturazione durante il quale l'olio e il sale penetrano in modo uniforme nei tessuti.

Le semiconserve sono i prodotti a base di pesce confezionati sotto vuoto in contenitori di plastica o vetro, che subiscono un breve trattamento di pastorizzazione a 80-90 gradi. Tra questi prodotti troviamo le alici marinate, le aringhe e i salmoni affumicati a freddo, la polpa di granchio precotta. Questi prodotti, che devono essere conservati in frigorifero, possono essere addittivati con derivati dell'acido sorbico e dell'acido benzoico, prodotti che possono causare fenomeni di tossicità se assunti in forti dosi. Questi composti vanno dichiarati in etichetta: basta controllare la loro assenza dal prodotto che desideriamo acquistare.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Pollo da allevamento biologico

L'allevamento biologico del pollo, sia per la produzione di carne che per quella delle uova, richiede costi maggiori ma permette un prodotto di maggior qualità.


Polli allevati a terra o all'aperto: quali sono le differenze?

L'allevamento dei polli a terra o all'aperto presenta notevoli differenze, sia per quanto riguarda le modalità, sia per la salubrità degli alimenti prodotti.


Allevamento intensivo dei polli

L'allevamento intensivo dei polli è un metodo di produzione di carne e uova che nasconde diversi problemi, non solo per la salute degli animali, ma anche per quella umana.


Tenerezza della carne bovina

I tagli di carne più tenera: la tenerezza delle carni bovine secondo uno studio scientifico che valuta la qualità dei vari muscoli dei bovini.

 


Dieta volumetrica: dimagrire con la densità calorica

La dieta volumetrica si basa sul concetto promosso e utilizzato fin dall'inizio della mia attività nel campo dell'alimentazione, quello della densità calorica.


Il modello a calorie o sistema Atwater

Il modello a calorie è stato ideato da Atwater e colleghi che hanno studiato la quantità di energia fornita da carboidrati, proteine e grassi.


La dieta di Filippo Ongaro

La dieta di Filippo Ongaro promette di far dimagrire mangiando i cibi giusti, con l'aiuto della nutrigenomica.


Transglutaminasi (additivo alimentare)

La transglutaminasi è un'enzima usato come additivo alimentare che ha diversi vantaggi nella produzione di alimenti, ma della cui sicurezza non si è ancora certi.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.