Cernia

La cernia è un pesce di acqua salata appartenente alla famiglia delle Serranidee, sottofamiglia Epinephelinae. La cernia è un pesce che vive ad elevate profondità (dai 10 ai 400 metri), preferisce le scogliere, ha grandi dimensioni (può arrivare a più di un metro di lunghezza e a 50-60 kg di peso) ed è considerato uno dei più pregiati del Mediterraneo assieme al tonno.

 

 

Esistono 12 sottospecie di cernia, tra le quali la più diffusa in Italia è la cernia comune (vedi foto in basso) con manto grigio e maculato, ma ce ne sono anche di altri colori (bruna, nera, rossa o bianca). 

Caratteristiche della cernia

La cernia è un pesce robusto e possente, possiede il tipico corpo compatto e l'imponente testa dei pesci teleostei. La mascella inferiore è prominente rispetto a quella superiore, le labbra carnose e i denti sono lunghi e aguzzi e sono disposti su entrambe le mascelle. La pinna dorsale è lunga e divisa in due parti: la parte anteriore è dotata di robuste ed acuminate spine, la posteriore ha raggi molli. Le pinne pettorali sono larghe e la pinna caudale è arrotondata. La pinna anale è poco evidente.

Il dorso è bruno, i fianchi sono leggermente chiari e il ventre è giallastro, come la parte esterna delle labbra. Capo, dorso e fianchi sono marezzati di giallo, di bianco o di arancione, a seconda degli esemplari. Le pinne sono scure e hanno il margine più chiaro. In realtà la colorazione di questi pesci varia moltissimo in funzione dell’habitat in cui vivono. La Cernia è infatti dotata di un mimetismo accezionale ed il suo colore può assumere tonalità verdi se il fondale dove abita ha molte alghe, oppure quasi nero se frequenta grandi antri, o addirittura bianco se si trova sulla sabbia.

 

 

Cernia

Si riproduce in estate ed è carnivora, si nutre di piccoli pesci, di crostacei e di molluschi che cattura inspirando l'acqua come un'idrovora.

La cernia in cucina

La cernia è un pesce molto importante sotto il punto di vista della gastronomia, tanto che negli ultimi tempi si è iniziato ad allevare per soddisfare la richiesta del mercato. 
Nelle pescherie si trovano solitamente cernie di piccole dimensioni (3-10 kg), sufficienti per una cena di 2-4 persone.

Il miglior modo per gustarla è al forno, oppure in umido o scottata in padella e usata come condimento per la pasta. Le sue lische sono indicate per fare un brodetto o un fumetto di pesce. 

Dal momento dell'acquisto la cernia si conserva un paio di giorni in frigorifero e massimo 2 mesi in congelatore.

La pesca della cernia

La cernia viene pescata sia dalla barca con traina, soprattutto in Sicilia e in Calabria, che con tecniche di pesca subacquea, è uno dei pesci più ambiti dagli sportivi poiché vive rintanata a stretto contatto con il fondo e riesce a mimettizarsi bene. La pesca alla cernia viene solitamente effettuata in tana, la difficoltà sta nel raggiungere le grandi profondità alle quali trovare gli esemplari di grandi dimensioni (in genere oltre i 20 metri).

Come esche vengono di solito usati seppie o calamarri morti, prede molto gradite alla cernia.
Le ore migliori per la pesca alla cernia sono l'alba e il tramonto.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Pollo da allevamento biologico

L'allevamento biologico del pollo, sia per la produzione di carne che per quella delle uova, richiede costi maggiori ma permette un prodotto di maggior qualità.


Polli allevati a terra o all'aperto: quali sono le differenze?

L'allevamento dei polli a terra o all'aperto presenta notevoli differenze, sia per quanto riguarda le modalità, sia per la salubrità degli alimenti prodotti.


Allevamento intensivo dei polli

L'allevamento intensivo dei polli è un metodo di produzione di carne e uova che nasconde diversi problemi, non solo per la salute degli animali, ma anche per quella umana.


Tenerezza della carne bovina

I tagli di carne più tenera: la tenerezza delle carni bovine secondo uno studio scientifico che valuta la qualità dei vari muscoli dei bovini.

 


Dieta volumetrica: dimagrire con la densità calorica

La dieta volumetrica si basa sul concetto promosso e utilizzato fin dall'inizio della mia attività nel campo dell'alimentazione, quello della densità calorica.


Il modello a calorie o sistema Atwater

Il modello a calorie è stato ideato da Atwater e colleghi che hanno studiato la quantità di energia fornita da carboidrati, proteine e grassi.


La dieta di Filippo Ongaro

La dieta di Filippo Ongaro promette di far dimagrire mangiando i cibi giusti, con l'aiuto della nutrigenomica.


Transglutaminasi (additivo alimentare)

La transglutaminasi è un'enzima usato come additivo alimentare che ha diversi vantaggi nella produzione di alimenti, ma della cui sicurezza non si è ancora certi.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.