Olio di mandorle

L'olio di mandorle è l'olio vegetale ottenuto dall'estrazione dei noccioli delle mandorle e può essere di due tipi: amaro o dolce.

 

 

L'olio di mandorle amare è quello usato solo ed esclusivamente nella cosmesi, non in cucina, poiché viene ottenuto dalle mandorle amare che contengono l'amigdalina, una sostanza tossica se ingerita, ed il suo uso consigliato è sempre esterno (creme emollienti, shampoo etc...).

L'olio di mandorle dolci, invece, è quello che ha impiego anche in cucina poiché proviene esclusivamente da mandorle commestibili della pianta Prunus amygdalus var. Dulcis.

L'olio di madorle dolci viene ottenuto per raffinazione, oppure tramite spremitura meccanica a freddo delle mandorle stesse. La resa produttiva varia dal 40% al 60%. Il colore di quest'olio è un giallo tenue e l'aspetto è limpido e brillante. Attualmente il maggior produttore di olio di mandorle dolci sono gli Stati Uniti, in particolare la California.

Uno degli altri usi dell'olio di mandorle dolci è anche quello per la cute del bambino, dato che è un olio molto delicato e ipoallergenico. Viene usato anche per i massaggi.

Olio mandorle

Gli acidi grassi dell'olio di mandorle

L'olio di mandorle contiene prevalentemente grassi monoinsaturi (il 70%), e una percentuale molto bassa di grassi saturi (meno del 10%). Non rappresenta una fonte importante di omega 3, perché contiene pochi grassi polinsaturi (il 17% circa), di cui la pressoché totalità sono omega 6 (acido linoleico).

Acidi grassi Quantità (g)
Grassi saturi totali 8.20
C4:0\÷C10:0 (laurico) 0.00
C12:0 (laurico) 0.00
C14:0 (miristico) 0.00
C16:0 (palmitico) 6.50
C18:0 (stearico) 1.70
C20:0 (arachidico)  
C22:0 (beenico)  
Grassi monoinsaturi totali 69.90
C14:1 (miristoleico)  
C16:1 (palmitoleico) 0.60
C18:1 (oleico) 69.40
C20:1 (eicosaenoico) 0.00
C22:1 (erucico) 0.00
Grassi polinsaturi totali 17.40
C18:2 W6 (linoleico) 17.40
C18:3 W3 (linolenico) 0.00
C20:4 W6 (arachidonico) 0.00
C20:5 W3
(eicosapentaenoico - EPA)
0.00
C22:6 W3
(docosaesaenoico - DHA)
0.00
Rapporto Polinsaturi/Saturi 2.10

L'olio di mandorle in cucina

 

 

L'olio di mandorle è conosciuto soprattutto per gli utilizzi extra alimentari (e in particolare per la cura della pelle).

L'olio di mandorle spremuto meccanicamente costa molto (arriva vicino ai 100 euro al kg), è sicuramente un olio con interessanti caratteristiche organolettiche (conserva l'aroma di mandorle dolci, dalle quali viene ottenuto), ma non è semplice da utilizzare in cucina, perché comunque il suo aroma è abbastanza delicato (le mandorle assumono un aroma intenso solo quando sono tostate) e tende un po' a perdersi se viene utilizzato in abbinamento ad altri cibi.

Per questo motivo, l'olio di mandorle si trova raramente indicato come ingrediente di ricette. Potrebbe avere un utilizzo in alcuni dolci, al posto di altri oli vegetali, ma il costo sarebbe senz'altro proibitivo.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione

Colesterolo alto? Non eliminare il latte (anche intero)!

Il latte intero è uno degli alimenti che si consiglia di eliminare o ridurre in caso di colesterolo alto. Ma a quanto pare è un consiglio inutile.

Corbezzolo

Il Corbezzolo è considerato in Italia un frutto nazionale per via dei suoi colori.

Latte Omega 3 - Benefici - Abbassa il colesterolo?

Il latte omega 3 è un normale latte al quale vengono addizionati, solitamente tramite l'aggiunta di olio di pesce, i famigerati grassi omega 3.

Vongola

Le vongole, la pesca, l'allevamento, gli usi in cucina e le tipologie più diffuse in Italia (veraci, comuni, lupini).

 

Erogatore d’acqua in azienda o in ufficio, una soluzione comoda e vantaggiosa

Erogatore d’acqua in azienda o in ufficio, una soluzione comoda e vantaggiosa sia dal punto di vista pratico che economico.

Smen (burro fermentato)

Lo smen è il burro salato e fermentato tipico della cucina mediorientale e magrebina. È un prodotto affine al ghee indiano e al niter kibbeh della cucina etiope.

Riso venere: un riso tutto italiano, esclusiva Scotti dal 2021

Il riso venere: un particolare tipo di riso dal chicco nero di origine asiatica ma coltivato anche in Italia.

Fecola di patate: a cosa serve, sostituti e caratteristiche

La fecola di patate viene usata per ricette dolci e salate anche in campo industriale, apprezzata per le sue proprietà addensanti.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.