Latte proteico | Cos'è? | È salutare? | È conveniente?

Il latte proteico è un nuovo prodotto nato per soddisfare la richiesta dei consumatori alla ricerca di fonti proteiche alternative rispetto a quelle tradizionali.

 

 

Negli anni 10 di questo secolo abbiamo vissuto la crescita esponenziale degli yogurt proteici, che hanno dato il via a questo trend, già da qualche anno stiamo assistendo all'arricchimento in proteine degli altri prodotti a base di latticini (come i dessert), mentre solo negli ultimi mesi si sta affermando un po' ovunque questo nuovo prodotto, il latte proteico.

In questo articolo vedremo quali sono le caratteristiche dei prodotti sul mercato, quante proteine contengono, se sono effettivamente delle fonti proteiche interessanti, e se convengono dal punto di vista economico.

Cos'è il latte proteico?

Sul mercato esistono differenti tipologie di prodotti. Uno dei modi più semplici per aumentare la concentrazione di proteine nel latte è quello di aggiungervi delle proteine del latte isolate, siano esse caseine o proteine del siero. Un esempio di questa tipologia di prodotto è la bevanda di Meggle "Active protein", che contiene tra gli ingredienti le "proteine del latte"; oppure il prodotto di Danone "HiPro", che contiene "sieroproteine del latte". Queste bevande sono quasi sempre aromatizzate (al cacao, alla banana, ecc).

 

 

Una seconda tipologia di prodotti sono quelli che utilizzano la concentrazione del latte per aumentare la percentuale di proteine. In genere si tratta di latte totalmente scremato, eventualmente privato del lattosio e concentrato per ottenere una percentuale di proteine compresa tra il 50 e l'80%. Il prodotto di Mukki, "Mukki training" contiene il 50% di proteine ed è aromatizzato al cacao. Altri prodotti come "Milk Pro", prodotto austriaco che si trova al Carrefour, o "Go for Fit" di Atlante non sono aromatizzati e dunque sono dedicati a coloro che vogliono bere una bevande che abbia a tutti gli effetti il gusto del latte.

È una buona fonte proteica?

Latte proteico

I prodotti che contengono l'80% di proteine come quello di Atlante o Milk Pro sono effettivamente delle ottime fonti proteiche, perché consentono di assumere le proteine contenute in 100 g di carne (20 g) semplicemente bevendo una tazza da 250 ml di latte. I prodotti che contengono il 50% di proteine non sono ugualmente interessanti, perché tutto sommato il quantitativo di proteine non si discosta poi molto da quello del normale latte, che ne contiene il 36%.

Dal punto di vista calorico sono tutti prodotti studiati bene, indice del fatto che i produttori hanno capito che questi alimenti sono dedicati a soggetti che leggono le etichette e sanno distinguere un prodotto interessante da uno specchietto per le allodole.

 

 

I problemi principali di questi alimenti, come vedremo, riguardano il gusto e il prezzo.

È buono da bere?

Personalmente ho bevuto solo il prodotto Milk Pro e devo dire che, sebbene non mi aspettassi nulla di eclatante, sono rimasto abbastanza deluso. L'assenza di lattosio lo rende particolarmente dolce, quel dolce fastidioso di tutti i latti senza lattosio. Capisco bene l'esigenza nutrizionale di eliminare il lattosio, ma il risultato dal punto di vista organolettico è pessimo, per quanto mi riguarda. Il prodotto è UHT e anche questo si fa sentire. Per uno come me, abituato a consumare latte intero di alta qualità, questo prodotto non ha alcun senso a meno di non utilizzarlo per preparare dolci o bevande aromatizzate, che ne mascherino il gusto che, ribadisco, lascia molto a desiderare.

Il prodotto di Atlante dovrebbe essere migliore, perché da quello che ho capito visitando il loro sito, non è delattosato e quindi potrebbe effettivamente assomigliare ad un normale latte UHT, senza il problema del gusto dolce causato dal galattosio e dal glucosio, frutto della scissione del lattosio.

Questo ovviamente non significa che questo tipo di latte non possa piacervi: come vi ho spiegato, io sono abituato a bere latte intero di alta qualità: già il normale latte UHT non mi piace, dunque questo tipo di latte proteico potrebbe tranquillamente piacervi.

Diciamo che per quanto mi riguarda, se dovessi utilizzare questi prodotti (attualmente non mi interessano, utilizzo lo yogurt greco come fonte proteica) punterei su quelli aromatizzati e utilizzerei quelli neutri solamente come base per preparare delle ricette proteiche (creme, budini, frappè, gelati...).

Quanto costa?

Il prodotto Milk Pro costa poco più di 1,5 euro per mezzo litro (in offerta a Luglio 2022), dunque il 50% in più del latte più caro in commercio (che costa poco più di 2 euro al litro). Il costo è sicuramente importante, tuttavia se lo valutiamo in base alla quantità di proteine, non si tratta in realtà di un prezzo eccessivo. Per ottenere 20 g di proteine da uno yogurt greco si devono sborsare 1-1,50 euro, mentre se puntiamo sulla carne le cifre possono anche salire, e di molto. Si tratta dunque di un prodotto caro se lo confrontiamo con il latte, ma il prezzo è "giusto" se il confronto viene fatto con altri alimenti arricchiti in proteine.

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione

Polli allevati a terra o all'aperto: quali sono le differenze?

L'allevamento dei polli a terra o all'aperto presenta notevoli differenze, sia per quanto riguarda le modalità, sia per la salubrità degli alimenti prodotti.

Meduse in cucina

Le meduse in cucina: una novità per noi Occidentali, entrate a far parte dell'elenco dei "novel foods", ma una tradizione in Asia.

Fitoplancton come alimento

Il fitoplancton marino: l'alimento del futuro, il cibo che più sta destando curiosità tra i grandi chef.

Dieta per le gengive infiammate

La dieta per le gengive infiammate consiste in cibi e nutrienti che possono prevenire e rallentare l'infiammazione, bisogna inoltre evitare alcuni alimenti.

 

Caffè espresso

Caffè espresso: la preparazione del classico caffè italiano con la macchina da caffè espresso

Storia del caffè in Italia: tra leggenda e reali innovazioni

Il caffè è diventato simbolo di un'abitudine tutta italiana ma la sua origine è in Oriente. Nel corso del tempo è diventato simbolo di socialità ma la sua diffusione ha avuto ostacoli.

Riso

Il riso è il cereale più diffuso al mondo e originario dell'Asia.

Mindful eating: alimentarsi in ottica mindfulness

Negli ultimi anni si è assistito a un crescente interesse per mindfulness, una pratica che sarebbe alquanto riduttivo definire in poche parole.