Durian o durione

Il durian è il frutto esotico dell'albero da frutto durio zibethinus tipico dell'Asia tropicale, Thailandia, Malesia, India, Indonesia e anche del Portorico. In Italia il suo nome è stato tradotto con la parola durione.

 

 

L'albero del durian è imponente, raggiunge fino ai 50 metri di altezza, ha foglie lanceolate di colore verde lucido sul dorso e argenteo sulla parte interna, fiori grandi, bianchi o rosati, composti da 5 petali che fioriscono durante la notte.

Il frutto, durian o durione, è molto grande, arriva a pesare in media 2 o 3 kg, ha una forma sferica od ovoidale ed è ricoperto da una buccia dura, di colore verde o marrone, e da spine piuttosto robuste. La polpa all'interno del durian è morbida e cremosa, ed ha un colore che varia dal giallo al rosso a seconda della specie.

Il durian: frutto amato o odiato

Durian

Il durian è particolarmente noto per l'odore repellente che emana, simile a quello di carcasse in putrefazione, motivo per cui nelle zone dove viene coltivato il suo consumo è proibito nei luoghi pubblici, negli autobus, nei negozi e nelle stanze di hotel.

L'odore del durian ne blocca anche la sua esportazione dato che ne è vietato il trasporto per evitare di contaminare gli altri cibi e quindi per poterlo assaggiare bisogna visitare quei luoghi circoscritti dove viene coltivato e commercializzato.

Eppure chi lo ha assaggiato sostiene che il suo sapore sia sublime, dolce come la vaniglia e gustoso come la banana, con sentori di gorgonzola e di sherry, c'è chi lo ha definito una crema pasticcera al naturale. Normalmente il durian viene consumato fresco, ma può essere impiegato anche per produrre caramelle o gelati, salse e biscotti. Anche i suoi semi sono commestibili, lessati o fritti.

 

 

Infine, con le foglie dell'albero di durian si realizzano infusi dalle proprietà antifebbrili.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Cibi ultra-processati: fanno davvero male?

I cibi ultra-processati sono definiti dalla classificazione NOVA che ne sconsiglia il consumo, appoggiata da diversi paesi. Rimane da capire come sostituirli in modo efficace.


Caffeina

La caffeina è la sostanza psicoattiva più consumata al mondo, contenuta in diverse piante come caffè, cacao, tè, cola, guaranà e mate.


Quanta caffeina (e caffè) al giorno?

La quantità di caffeina considerata sicura dipende dalle condizioni patologiche e fisiologiche del soggetto, ma anche dalla tollerabilità individuale.


Pasta di legumi: utile solo per la celiachia

La pasta di legumi è utile solo in caso di patologie che richiedano l'eliminazione del glutine dalla dieta, per diverse ragioni che vedremo in questo articolo.

 


Prosciutto cotto senza conservanti (nitriti)

Il prosciutto cotto senza conservanti (nitriti) si sta oggi diffondendo grazie a nuove tecniche non sempre rese note dalle aziende produttrici.


Gli alimenti trasformati o processati: la classificazione NOVA

I cibi processati o trasformati sono classificati secondo la classificazione NOVA che li distingue in base al tipo di processo di produzione a cui sono sottoposti.


Arachidi

Le arachidi, una specie di leguminose tipica dei Paesi sudamericani.


Cosa mangiare durante lo sport

Troppi atleti mangiano a sproposito durante gli allenamenti. In realtà dovrebbe mangiare solo chi fa allenamenti molto lunghi.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.