Vezzena

Il vezzena è un formaggio di malga altoatesino, più precisamente dell'altopiano di Vezzena, Lavarone e Folgaria, zone che fin dal 1500, all'epoca della Repubblica di Venezia, sono conosciute per la qualità degli allevamenti e per i formaggi che lì "riescono alla perfezione". Proprio la particolarità delle erbe dei pascoli di Vezzena hanno portano Slow Food ad istituire il presidio per il formaggio omonimo, puntando esclusivamente su quello di malga, prodotto con il latte delle mucche al pascolo durante gli alpeggi, tra giugno e settembre e riconoscibile per la marchiatura a fuoco della M che sta per malga.

 

 

Un po' come avviene per il puzzone di Moena, anche il vezzena viene prodotto raccogliendo tutto il latte d'alpeggio e poi trasferendolo al caseificio sociale degli Altipiani del Vezzena. Alcuni enti locali hanno dato via anche alla procedura per ottenere il riconoscimento della DOP europea, già dal 2005 e ancora in fase di trattativa.   

Produzione del vezzena presidio slow food

Vezzena

Il vezzena viene lavorato secondo la tecnica dei formaggi semigrassi alpini, quindi con latte parzialmente scremato per affioramento durante la notte aggiunto al latte intero della mungitura mattutina. Il latte viene riscaldato a 33-35°C, innestato con caglio bovino e poi fatto coagulare. La cagliata viene rotta e posta in fascere, pressata e fatta spurgare dal siero. Quindi si passa alla salatura a secco o in salamoia e alla stagionatura, durante la quale una volta al mese le forme vengono lavate e trattate con olio di lino. Secondo il disciplinare la stagionatura deve durare minimo 12 mesi. In commercio si trovano altri due tipi di vezzena più stagionati: il vezzena vecchio (18 mesi) e il vezzena stravecchio (24 mesi).

 

 

Caratteristiche del vezzena presidio slow food

Il vezzena è un formaggio non pastorizzato, a pasta semidura e semicotta e stagionato. Si presenta con la classica crosta color bruno tipica dei formaggi trattati con olio di lino. La pasta è di colore tendente al giallo, granulosa e con occhiatura finissima, quasi assente. La consistenza è burrosa, il sapore gradevole con finale amarognolo e leggermente piccante. Ha sentori erbacei che ricordano l'aglio e l'erba cipollina. Ottimo usato anche come formaggio da grattugia per primi piatti e minestroni.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Acque aromatizzate o infused water: falsi miti o anche benefici?

Le acque aromatizzate, o infused water, sono delle bevande fatte con acqua e frutta o aromi in infusione. Ad esse vengono attribuite diversi benefici, molti dei quali sono solo falsi miti.


Green smoothie e green juice: cosa sono, effetti e ricette

I green smoothies e i green juice sono frullati e centrifugati che possono essere utili per aumentare il consumo di frutta e verdura nella propria dieta.


Sciroppo di glucosio

Lo sciroppo di glucosio è uno degli ingredienti più utilizzati dall'industria alimentare, come sostituto dello zucchero.


Alimenti ricchi in calcio: quali assumere e come?

Gli alimenti ricchi di calcio non sono solo il latte e i latticini ma anche i cibi di origine vegetale.

 


Alimenti ricchi di vitamina D: come assumerla in giuste quantità?

Alcuni alimenti sono più ricchi di vitamina d, sia nel mondo vegetale che animale. In realtà con la sola dieta è difficile raggiungere il fabbisogno giornaliero.


Dieta per le gengive infiammate

La dieta per le gengive infiammate consiste in cibi e nutrienti che possono prevenire e rallentare l'infiammazione, bisogna inoltre evitare alcuni alimenti.


Vitamina D (calciferolo)

La vitamina D o calciferolo regola il metabolismo del fosforo e del calcio.


Gnocco fritto bolognese (o crescentine)

Gnocco fritto (o crescentine): il tipico antipasto bolognese, diffuso in tutta l'Emilia-Romagna.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.