Puzzone di Moena

Il puzzone di Moena è un formaggio prodotto nel comune omonimo, Moena, e in tutte le zone limitrofe della Val di Fassa e della Val di Fiemme, in Trentino Alto Adige. Il puzzone di Moena è riconoscibile per il suo odore acuto, per la sua puzza intensa di erba e di pascolo, alla quale deve il nome, che si è guadagnato negli anni Settanta. Infatti prima veniva chiamato localmente in lingua ladina "spretz tzaorì", formaggio saporito.

 

 

Il puzzone di Moena ha guadagnato recentemente il presidio slow food, per essere uno dei pochi formaggi rimasti ad essere prodotto esclusivamente con latte crudo e intero proveniente da mucche allevate al pascolo durante gli alpeggi, quindi solo nel periodo estivo che va da giugno a settembre. Tutto il latte ottenuto dalle mungiture di alpeggio viene trasferito due volte al giorno al Caseificio Sociale di Predazzo e Moena dove viene trasformato nel puzzone di Moena. Le uniche razze ammesse dal disciplinare per la sua produzione sono la Bruna e la Grigia Alpina alimentate al pascolo o con fieno di prato stabile.

Produzione del puzzone di Moena presidio slow food

Puzzone di Moena

Il puzzone di Moena viene ottenuto da latte crudo appena munto delle mucche in alpeggio sulle Dolomiti, riscaldato in caldaie di rame e aggiunto di caglio di vitello. La cagliata viene rotta e poi cotta al vapore a 47°C, si aspetta che si depositi sul fondo e la si raccoglie con dei teli e una pala di legno. La massa viene deposta nelle fascere e lasciata sgrondare, poi pressata per favorire la totale fuoriuscita del siero, infine sottoposta a salatura in salamoia per 4 giorni. Si procede quindi con la stagionatura, la fase più importante per far diventare il puzzone davvero un "puzzone", durante la quale ogni forma deve essere lavata con uno straccio umido ogni giorno da entrambi i lati. La stagionatura dura da un minimo di 60 giorni fino a 6 mesi, alcuni lo lasciano maturare fino a 8 mesi. Grazie a questo trattamento la crosta del puzzone di Moena rimane sempre unta e favorisce il riprodursi di una flora batterica che gli conferisce quel sapore inconfondibile e quel colore rossiccio caratteristico.

Caratteristiche del puzzone di Moena presidio slow food

 

 

Il puzzone di Moena è un formaggio a crosta lavata, dalla superficie untuosa e liscia e di colore rosso mattonato, la pasta è di colore giallo paglierino, morbida, con occhiatura medio-piccola e sparsa. La forma è cilindrica, con diametro di 32-36 cm, scalzo di 9-11 cm e peso dai 9 ai 12 kg. L'odore è molto intenso, come il sapore, tendente al piccante e con retrogusto amarognolo. Localmente il puzzone viene abbinato alla polenta, alle cipolle e alle patate. Può essere usato anche grattugiato, quando la stagionatura lo permette, per insaporire svariati piatti, quali gli gnocchi, gli arrosti, lo strudel salato.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione

Colesterolo alto? Non eliminare il latte (anche intero)!

Il latte intero è uno degli alimenti che si consiglia di eliminare o ridurre in caso di colesterolo alto. Ma a quanto pare è un consiglio inutile.

Corbezzolo

Il Corbezzolo è considerato in Italia un frutto nazionale per via dei suoi colori.

Latte Omega 3 - Benefici - Abbassa il colesterolo?

Il latte omega 3 è un normale latte al quale vengono addizionati, solitamente tramite l'aggiunta di olio di pesce, i famigerati grassi omega 3.

Vongola

Le vongole, la pesca, l'allevamento, gli usi in cucina e le tipologie più diffuse in Italia (veraci, comuni, lupini).

 

Erogatore d’acqua in azienda o in ufficio, una soluzione comoda e vantaggiosa

Erogatore d’acqua in azienda o in ufficio, una soluzione comoda e vantaggiosa sia dal punto di vista pratico che economico.

Smen (burro fermentato)

Lo smen è il burro salato e fermentato tipico della cucina mediorientale e magrebina. È un prodotto affine al ghee indiano e al niter kibbeh della cucina etiope.

Riso venere: un riso tutto italiano, esclusiva Scotti dal 2021

Il riso venere: un particolare tipo di riso dal chicco nero di origine asiatica ma coltivato anche in Italia.

Fecola di patate: a cosa serve, sostituti e caratteristiche

La fecola di patate viene usata per ricette dolci e salate anche in campo industriale, apprezzata per le sue proprietà addensanti.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.