Saras del fen

Il saras del fen è una ricotta stagionata prodotta con latte d'alpeggio nella Val Pellice, in provincia di Torino, Piemonte. Il nome non è altro che la combinazione tra siero (saras in dialetto) e fieno o festuca (fen) dove le forme di ricotta fresche vengono avvolte. Il saras del fen, prodotto con latte misto secondo variabili proporzioni affonda le sue origini già nel Medioevo quando era conosciuto con il termine latino "seracium" o "seratium", per indicare il fatto che questi tipi di formaggi venivano (e vengono) prodotti a partire dal siero del latte, quel liquido salinico ottenuto dopo lo spurgo e che di solito viene scartato. Dialettalmente dal termine latino seracium al termine attuale saras ci sono stati tanti passaggi linguistici: seirras, seiras, serè, influenzati anche dal francese serét, serai, seracée...tutti ad indicare una sola cosa: il siero è il protagonista di questo formaggio. Di origine valdese, tutt'oggi il saras del fen mantiene intatte le sue umili origini e può contare su un folto gruppo di caseari valdesi che, riuniti sotto il presidio slow food e aiutati dalla Provincia di Torino e dalle Comunità Montane, producono ancora questa ricotta come facevano i loro antenati secoli fa. Il disciplinare è molto rigido riguardo all'allevamento e all'alimentazione del bestiame e protegge il saras del fen prodotto esclusivamente durante gli alpeggi estivi, anche se la sua lavorazione continua anche in inverno con latte ottenuto da mucche alimentate a fieno.

 

 

Produzione e caratteristihe del saras del fen presidio slow food

 

 

Saras del fen

Il saras del fen viene ottenuto prendendo il siero di scarto dalla lavorazione del latte riscaldato in pentoloni per produrre altri formaggi. Lo strato pannoso che si forma in superficie viene prelevato e travasato in stampi circolari, poi pressato, salato e fatto stagionare per alcuni mesi, fino a 4. Solitamente viene avvolto nel fieno per facilitarne il trasporto. Il saras del fen si presenta come una piccola ricottina bianca, cremosa e morbida. Come ogni ricotta, va consumato fresco, ha sentori erbacei e lattiginosi, che si intensificano via via che aumenta la stagionatura. Può essere consumato come dolce, a fine pasto, accompagnato da marmellate o frutta di bosco, come piatto unico, oppure usato come ripieno di pasta fresca o condimento di altre pietanze.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


L'acrilammide negli alimenti: cos'è, dove si trova e come evitarla

Scopriamo cos'è l'acrilammide, una delle molecole più pericolose presenti nei cibi, e come fare per evitare di assumerne troppa.


Vitamina H (biotina)

La vitamina H o biotina è un coenzima molto importante per il metabolismo cellulare. Viene prodotta dalla flora batterica intestinale, o introdotta con l'alimentazione.


Carne di Kobe (razza Wagyu)

La carne di Kobe (razza Wagyu) è una carne molto pregiata perché particolarmente ricca di grasso di marezzatura.


Frollatura della carne

La frollatura delle carni: il processo per rendere la carne più gustosa tramite la frollatura.

 


Carne a frollatura lunga: secca o umida (sottovuoto)

La frollatura lunga delle carni nelle sue due tipologie: secca o umida (sottovuoto).


Carne di manzo o carne bovina

Carne di manzo o carne bovina: categorie, qualità, scelta.


Nutraceutica - Prodotti nutraceutici

I prodotti nutraceutici, ancora non definiti dalla legislazione europea e italiana, sono alimenti che contengono sostanza che hanno o possono avere un effetto positivo per la salute.


Vitamina E (tocoferolo)

La vitamina E o tocoferolo è un diuretico naturale e rinforza le membrane muscolari.