Formadi frant

Il formadi frant più che un formaggio vero e proprio è un metodo di riutilizzo di altri formaggi difettosi o impossibilitati a completare il ciclo di stagionatura, i quali vengono sminuzzati e poi amalgamati insieme con l'aggiunta di latte, panna, sale e pepe.

 

 

La ricetta del formadi frant nasce in Carnia, la zona montana a nord-ovest del Friuli Venezia Giulia, una terra tradizionalmente povera dove da sempre vige l'esigenza di non sprecare nulla e dove non ci si poteva permettere il lusso di buttare quelle forme di cacio venute male o difettose per un qualsiasi motivo, magari per una spaccatura sulla crosta o per la presenza di bolle d'aria.

In origine, quindi, il formadi frant era un prodotto da consumare in casa, non adatto alla commercializzazione, almeno fino a quando Slow Food non ha istituito un presidio a tutela del formadi frant, mirando a farlo uscire dalla sua relegazione ad uso casalingo. Quello che rende questo formaggio così interessante è soprattutto il fatto che i formaggi assemblati in esso vengono tutti prodotti con latte di prima qualità, munto dalle vacche negli alpeggi delle Dolomiti Friulane. Inoltre, non esiste un formadi frant uguale all'altro, non è una produzione standardizzata, bensì una vera e propria arte che cambia da produttore a produttore, di volta in volta, in base ai formaggi utilizzati, alla loro stagionatura, al quantitativo di panna aggiunto, al grado di maturazione raggiunto etc...

Caratteristiche del formadi frant presidio slow food

Formadi frant

Il formadi frant si presenta con forma circolare, di 30-40 cm di diametro, scalzo di 10 cm, crosta ruvida e di colore grigiastro e pasta di colore giallo, dalla consistenza compatta e più o meno morbida a seconda della stagionatura, che normalmente dura 40 giorni. Al gusto ha un sapore molto marcato, tra il dolce e il piccante, che varia a seconda del produttore, più nello specifico a seconda del quantitativo di panna aggiunto, che conferirà più morbidezza e rotondità al palato, e del tipo di stagionatura raggiunta dai formaggi assemblati, che influirà sulla piccantezza del formadi frant.

 

 

Di solito, in Carnia viene conservato dentro barattoli di vetro e viene consumato da solo, oppure usato per arricchire risotti, polente, patate o gelatina di vino e pere. Con il vino l'abbinamento migliore è con un Verduzzo friulano.

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione

Dieta vegana: tutto quello che c’è da sapere

Alcune aziende producono cioccolato adatto ai vegani, quindi con bevande vegetali, margarine e altre materie prime per la cui produzione si parte esclusivamente da vegetali.

Prodotti dietetici: per dimagrire o per cosa?

I prodotti dietetici: regolamentati da un decreto legge del 1992 sono però un'illusione.

Le origini del whiskey

Il whiskey lega la propria presenza nel mondo contemporaneo non solo al proprio gusto ma anche alla mistica che gli aleggia intorno.

Polli allevati a terra o all'aperto: quali sono le differenze?

L'allevamento dei polli a terra o all'aperto presenta notevoli differenze, sia per quanto riguarda le modalità, sia per la salubrità degli alimenti prodotti.

 

Meduse in cucina

Le meduse in cucina: una novità per noi Occidentali, entrate a far parte dell'elenco dei "novel foods", ma una tradizione in Asia.

Fitoplancton come alimento

Il fitoplancton marino: l'alimento del futuro, il cibo che più sta destando curiosità tra i grandi chef.

Dieta per le gengive infiammate

La dieta per le gengive infiammate consiste in cibi e nutrienti che possono prevenire e rallentare l'infiammazione, bisogna inoltre evitare alcuni alimenti.

Caffè espresso

Caffè espresso: la preparazione del classico caffè italiano con la macchina da caffè espresso