Casizolu

Il casizolu è un formaggio sardo che fa eccezione nel panorama dei latticini dell'isola, in quanto è uno dei rarissimi formaggi prodotti con latte vaccino, quando la quasi totalità dei caci sardi è invece ottenuta con latti ovini e caprini.

 

 

Il casizolu è un formaggio a pasta filata a forma di pera, per questo chiamato anche peretta, prodotto principalmente nella Comunità Montana di Montiferru, tra le province di Oristano e Nuoro, tradizionalmente dalle donne della zona e oggi da soli tre piccoli caseifici riuniti sotto il presidio slow food. Il disciplinare slow food mira a salvaguardare la produzione del casizolu in quanto formaggio di altissima qualità, sia per la materia prima utilizzata (latte delle vacche autoctone allevate allo stato brado) sia per la tradizionalità della tecnica di produzione. Oltre al casizolu, con la stessa pasta si producono anche altri due formaggi meno pregiati: la trizza (termine dovuto alla forma di treccia) e la fresa (una formaggella che si produce solo in autunno e solo con latte di mucche gravide).

Casizolu

La produzione del casizolu sardo presidio slow food 

Secondo il disciplinare slow food, il latte idoneo alla produzione del casizolu deve provenire esclusivamente dalle mucche di razza sarda modicana o bruno-sarda, allevate tutto l'anno allo stato brado al pascolo. Il latte appena munto viene riscaldato con l'aggiunta di caglio e poi la cagliata viene impastata manualmente, filata e modellata fino a formare la tipica forma a pera. Una volta modellato, cioè quando la superficie si presenta liscia e lucente, il casizolu viene tolto dal siero e appoggiato su un canovaccio delicatamente affinchè non si rovini la forma; si lascia riposare per 2 o 3 giorni trascorsi i quali si appende a pertiche di legno in cantine idonee alla stagionatura (da uno fino a 15 mesi).

 

 

Caratteristiche del casizolu sardo presidio slow food

Il casizolu ha una crosta perfettamente liscia, di colore giallo paglierino, via via più scuro in base alla durata della stagionatura, e pesa dai 3 ai 5 kg. La pasta è di colore giallo, elastica e compatta, con occhiatura fine. All'olfatto sprigiona sentori vegetali e di sottobosco, in bocca è burroso e dolce se poco stagionato, o duro e pungente se più stagionato. Si abbina bene alla frutta secca, è utile per insaporire le pietanze, ma è perfetto anche mangiato da solo come formaggio da tavola.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Frutta esotica: elenco completo e come sceglierla

Colorata, dalle forme strane e con un gusto molto gradito, la frutta esotica esiste di moltissime tipologie, alcune delle quali crescono anche in Italia.


Migliori diete del 2020: la classifica americana

La classifica delle migliori diete del 2020 è stata stilata da un portale americano di informazione, servendosi del supporto di esperti del settore salute.


Glifosato nel grano: tra bufale ed accordi internazionali

Il glifosato nel grano, specie in quello canadese, è stato oggetto di diversi dossier che si sono rivelati poi delle bufale.


Glifosato negli alimenti: dove si trova e come evitarlo

Il glifosato è un erbicida usato in agricoltura che potrebbe causare il cancro nell'uomo: ecco in quali alimenti si trova e come evitarlo.

 


Clinto: storia e caratteristiche del vino proibito

Il Clinto non appartiene alla specie solitamente usata per la produzione del vino comune. La sua diffusione è ostacolata da leggi italiane ed europee.


Uva fragola: caratteristiche e proprietà dell’uva dei climi freddi

L’uva fragola ha sapore e profumo molto particolari ma la legislazione italiana ne impedisce la diffusione, specie del vino da essa derivato: il Fragolino.


Coppiette di maiale romane: storia e come si mangiano oggi

Le coppiette di maiale romane sono un’antica ricetta romana diffusasi poi oggi in tutta Italia. Nascono per l’esigenza di conservare la carne.


Dieta nordica o dei Vichinghi: la sfida alla dieta Mediterranea

La dieta nordica è molto simile a quella mediterranea e si basa sul minor consumo di alimenti animali, privilegiando quelli vegetali e locali.