Casizolu

Il casizolu è un formaggio sardo che fa eccezione nel panorama dei latticini dell'isola, in quanto è uno dei rarissimi formaggi prodotti con latte vaccino, quando la quasi totalità dei caci sardi è invece ottenuta con latti ovini e caprini.

 

 

Il casizolu è un formaggio a pasta filata a forma di pera, per questo chiamato anche peretta, prodotto principalmente nella Comunità Montana di Montiferru, tra le province di Oristano e Nuoro, tradizionalmente dalle donne della zona e oggi da soli tre piccoli caseifici riuniti sotto il presidio slow food. Il disciplinare slow food mira a salvaguardare la produzione del casizolu in quanto formaggio di altissima qualità, sia per la materia prima utilizzata (latte delle vacche autoctone allevate allo stato brado) sia per la tradizionalità della tecnica di produzione. Oltre al casizolu, con la stessa pasta si producono anche altri due formaggi meno pregiati: la trizza (termine dovuto alla forma di treccia) e la fresa (una formaggella che si produce solo in autunno e solo con latte di mucche gravide).

Casizolu

La produzione del casizolu sardo presidio slow food 

Secondo il disciplinare slow food, il latte idoneo alla produzione del casizolu deve provenire esclusivamente dalle mucche di razza sarda modicana o bruno-sarda, allevate tutto l'anno allo stato brado al pascolo. Il latte appena munto viene riscaldato con l'aggiunta di caglio e poi la cagliata viene impastata manualmente, filata e modellata fino a formare la tipica forma a pera. Una volta modellato, cioè quando la superficie si presenta liscia e lucente, il casizolu viene tolto dal siero e appoggiato su un canovaccio delicatamente affinchè non si rovini la forma; si lascia riposare per 2 o 3 giorni trascorsi i quali si appende a pertiche di legno in cantine idonee alla stagionatura (da uno fino a 15 mesi).

 

 

Caratteristiche del casizolu sardo presidio slow food

Il casizolu ha una crosta perfettamente liscia, di colore giallo paglierino, via via più scuro in base alla durata della stagionatura, e pesa dai 3 ai 5 kg. La pasta è di colore giallo, elastica e compatta, con occhiatura fine. All'olfatto sprigiona sentori vegetali e di sottobosco, in bocca è burroso e dolce se poco stagionato, o duro e pungente se più stagionato. Si abbina bene alla frutta secca, è utile per insaporire le pietanze, ma è perfetto anche mangiato da solo come formaggio da tavola.

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione

Dieta vegana: tutto quello che c’è da sapere

Alcune aziende producono cioccolato adatto ai vegani, quindi con bevande vegetali, margarine e altre materie prime per la cui produzione si parte esclusivamente da vegetali.

Prodotti dietetici: per dimagrire o per cosa?

I prodotti dietetici: regolamentati da un decreto legge del 1992 sono però un'illusione.

Le origini del whiskey

Il whiskey lega la propria presenza nel mondo contemporaneo non solo al proprio gusto ma anche alla mistica che gli aleggia intorno.

Polli allevati a terra o all'aperto: quali sono le differenze?

L'allevamento dei polli a terra o all'aperto presenta notevoli differenze, sia per quanto riguarda le modalità, sia per la salubrità degli alimenti prodotti.

 

Meduse in cucina

Le meduse in cucina: una novità per noi Occidentali, entrate a far parte dell'elenco dei "novel foods", ma una tradizione in Asia.

Fitoplancton come alimento

Il fitoplancton marino: l'alimento del futuro, il cibo che più sta destando curiosità tra i grandi chef.

Dieta per le gengive infiammate

La dieta per le gengive infiammate consiste in cibi e nutrienti che possono prevenire e rallentare l'infiammazione, bisogna inoltre evitare alcuni alimenti.

Caffè espresso

Caffè espresso: la preparazione del classico caffè italiano con la macchina da caffè espresso