Casolet

Il casolet è un formaggio prodotto con latte crudo o pastorizzato nelle valli di Sole, Rabbi e Pejo in provincia di Trento, fino ad estendersi alla Val Camonica e al Sebino in Lombardia. Il termine "casolet" deriva dal latino "caseulus", piccolo formaggio, ed ha origini antichissime, basti pensare che è talmente radicato nel territorio che gli abitanti stessi delle vallate dove viene prodotto vengono chiamati "casoletti".

 

 

Il casolet nasce tradizionalmente come formaggio casalingo, veniva prodotto con le mungiture autunnali, più scarse di quelle estive, senza precisi standard di lavorazione, in base alla quantità di latte che si aveva a disposizione, e veniva poi consumato durante l'inverno in svariate maniere, da solo, con la polenta, con le verdure etc... Grazie alla sua pasta morbida e molto versatile. Recentemente è stato istituito il presidio slow food per il casolet delle valli di Sole, Rabbi e Pejo (escludendo quindi quello lombardo) che si propone di riunire gli otto produttori oggi rimasti in una efficace forma di cooperazione in grado di sfruttare al massimo le scarse mungiture di fine estate e di usare razionalmente gli strumenti e le attrezzature per la lavorazione del casolet.    

Casolet

Il casolet della Val di Sole, Rabbi e Pejo presidio slow food 

Uno degli obiettivi di Slow Food è quello di incentivare la produzione di formaggi con latte crudo, quindi anche il casolet, come molti altri formaggi d'alpeggio ottenuti da latte appena munto, è un prodotto che si presta bene a diventare presidio e prodotto di alta qualità, pur non avendo una nobile origine o una particolare tecnica di lavorazione. Nel caso del casolet, infatti, non è necessario dilungarsi sulla sua produzione, in quanto non differisce da quella di un formaggio standard (latte crudo riscaldato, aggiunta di caglio, rottura della cagliata, estrazione del siero, travaso negli stampi, salatura e opzionale stagionatura), basti sapere che normalmente viene consumato fresco o al massimo semistagionato se ha almeno 20 giorni di maturazione. In casi rarissimi si possono trovare forme che hanno subito fino a 4 mesi di stagionatura. La cosa più interessante è che sia espressione di una tradizione popolare e che sia prodotto con latte di prima qualità.

Caratteristiche del casolet della Val di Sole, Rabbi e Pejo presidio slow food

 

 

Il casolet ha forma cilindrica, con 10-20 cm di diametro, 7-10 cm di scalzo e peso di 1 kg circa, molto dipende dalla quantità di latte munto in giornata. La crosta è liscia e regolare, di colore giallo-grigio, la pasta è cruda, morbida e di colore bianco o giallo paglierino chiaro. L'occhiatura è rada e piccola. Al naso e in bocca è decisamente erbaceo, con sentori di erbe alpine, e latteo, con tendenza dolce e consistenza morbida. Nei casi di forme più stagionate permangono le note erbacee e la consistenza si fa via via più dura. In cucina il casolet è molto versatile, proprio perchè molto delicato, può fungere da ripieno per torte salate o strudel oppure può insaporire frittate e risotti.

Molto interessante visitare il caseificio turnario di Peio, in val di Peio, l'ultimo caseificio turnario rimasto in trentino, nonché produttore di un ottimo casolet oltre che di altri formaggio di vacca e capra.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Cookie dough: l'impasto per biscotti goloso e crudo

Il cookie dough è un impasto per biscotti che si consuma crudo. Per questo motivo si prepara in genere senza uova. Ne esistono di diverse versioni con diversi gusti.


Acqua riciclata: come, perché e usi pratici

L'acqua riciclata può essere realizzata a partire dall'acqua piovana anche a livello casalingo attraverso impianti specifici; essi non hanno costi elevati.


Pizza con kiwi: l'erede della pizza hawaiana

La pizza con i kiwi è stata di recente proposta da uno chef svedese, che ha ricevuto per questo anche diversi insulti per aver fatto un'offesa alla tradizione culinaria italiana.


Pizza con ananas: gusto, ricetta e variante gourmet

La pizza all'ananas è una variante nata in Canada ma molto diffusa in America. Il gusto è soggettivo: molti la apprezzano, altri la ritengono inaccettabile.

 


Kombucha: benifici e come si prepara

Il kombicha è una coltura simbionte di lieviti e batteri che viene usato per la preparazione di un tè che i microrganismi fermentano. I suoi benefici sono ancora in dubbio.


Cannucce commestibili: alternativa amica dell'ambiente

Le cannucce commestibili sono una valida alternativa a quelle di plastica, di cui consentono di ridurne l'uso. Sono state realizzate con diversi alimenti fra cui mais, zucchero e alghe.


Amido resistente

L'amido resistente è composto da quella parte di amido che resiste al processo di digestione (idrolisi) da parte degli enzimi digestivi dell'intestino tenue.


Carne vegetale: sembra carne ma non lo è

La carne vegetale, poco nota in Italia, è un preparato di origine vegetale che ha sapore, gusto e consistenza simili a quello della carne da allevamento.