Polifosfati

I polifosfati sono additivi utilizzati in svariati alimenti, spesso a sproposito, e hanno una certa criticità dal punto di vista degli effetti sulla salute. Vengono utilizzati soprattutto come addensanti, in quanto in grado di trattenere l'acqua all'interno dell'alimento per tutta la durata del suo ciclo di vita.

 

 

L'acido fosforico, E 338, trova impiego quasi esclusivamente nelle bevande aromatizzate analcoliche, emblematicamente rappresentate dalle bevande a base di cola.

I fosfati (E 339, E 340, E 341) trovano applicazione nel latte a lunga conservazione (UHT) e nel latte disidratato, nella panna, nei formaggi fusi, nei prodotti a base di carne, negli integratori dietetici, nelle bevande per sportivi.

I difosfati (E 450) si possono trovare in gelati e dessert, prodotti da forno, uova in brick, nelle salse, in alcune farine.

I trifosfati (E 451) sono consentiti in zuppe e brodi, tè e tisane, sidro.

I polifosfati (E 452) sono usati nelle gomme da masticare e negli alimenti essiccati, nelle bevande al cioccolato e al malto a base di latte, nelle bevande alcoliche esclusi vino e birra e in alcuni snack.

Polifosfati

Perché sono pericolosi

La DGA per i polifosfati, secondo la JECFA, è di 70 mg/kg, compresi quelli contenuti naturalmente nei cibi.

Questa dose non è difficila da raggiungere, assumendo frequentemente i cibi addittivati, che come abbiamo visto, sono parecchi.

Eccedere con gli additivi a base di fosforo può causare diversi effetti indesiderati, tra cui i più importanti riguardano la capacità di queste sostanze di sottrarre alcuni minerali dall'organismo, e soprattutto il ferro e il calcio, fino a favorire l'insorgenza dell'osteoporosi, dimostrata da Raines e Bell (J. Nutr., 107, 42, 1977).

 

 

Nel 2012 una ricerca tedesca ha messo in correlazione un consumo eccessivo di alimenti contenenti polifosfati e le malattie cardiovascolari. L'autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) è chiamata a dare un parere in merito entro il 31 dicembre 2018.

Oggi per alcuni cibi, come i formaggi fusi, si utilizzano i citrati, molto meglio tollerabili, mentre nei prosciutti cotti di alta qualità non vengono più utilizzati i polifosfati.

In genere, comunque, è buona norma evitare i prodotti che contengono questi additivi.

Fonte: Residui, additivi e contaminanti degli alimenti, Giuseppe Cerutti, Tecniche Nuove

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Budelli per salumi: tipologie, proprietà, preparazione all'uso

I budelli per salumi sono di diverse tipologie, con pro e contro che vanno valutati a seconda del risultato desiderato.


Luganega trentina, veneta e lombarda

La luganega è un salume tipico del Nord Italia, in particolare delle regioni Trentino, Veneto e Lombardia, dove viene chiamata anche luganiga o luganica.


Cotechino

Il cotechino: il tipico salume che si consuma nel periodo natalizio con le lenticchie.


Salame

Salame: il tipico salume di carne macinata stagionato diversi mesi.

 


Uova di struzzo: valori nutrizionali, storia e curiosità

Le uova di struzzo sono le uova di uccello più grandi esistenti. Vengono usate sia a scopo decorativo che in cucina.


Uova di oca: proprietà e differenze con le altre uova

Le uova di oca sono più grandi di quelle di gallina e presentano delle differenze anche per quanto riguarda i valori nutrizionali.


Olio di crusca di riso: i reali benefici (pochi)

L'olio di crusca di riso ha diverse proprietà benefiche molte delle quali ancora da confermare.


Wet market: cosa sono e cosa provocano

I wet markets sono mercati in cui vengono venduti animali spesso ancora vivi e che vengono macellati al momento dell'acquisto.