Polifosfati

I polifosfati sono additivi utilizzati in svariati alimenti, spesso a sproposito, e hanno una certa criticità dal punto di vista degli effetti sulla salute. Vengono utilizzati soprattutto come addensanti, in quanto in grado di trattenere l'acqua all'interno dell'alimento per tutta la durata del suo ciclo di vita.

 

 

L'acido fosforico, E 338, trova impiego quasi esclusivamente nelle bevande aromatizzate analcoliche, emblematicamente rappresentate dalle bevande a base di cola.

I fosfati (E 339, E 340, E 341) trovano applicazione nel latte a lunga conservazione (UHT) e nel latte disidratato, nella panna, nei formaggi fusi, nei prodotti a base di carne, negli integratori dietetici, nelle bevande per sportivi.

I difosfati (E 450) si possono trovare in gelati e dessert, prodotti da forno, uova in brick, nelle salse, in alcune farine.

I trifosfati (E 451) sono consentiti in zuppe e brodi, tè e tisane, sidro.

I polifosfati (E 452) sono usati nelle gomme da masticare e negli alimenti essiccati, nelle bevande al cioccolato e al malto a base di latte, nelle bevande alcoliche esclusi vino e birra e in alcuni snack.

Polifosfati

Perché sono pericolosi

La DGA per i polifosfati, secondo la JECFA, è di 70 mg/kg, compresi quelli contenuti naturalmente nei cibi.

Questa dose non è difficila da raggiungere, assumendo frequentemente i cibi addittivati, che come abbiamo visto, sono parecchi.

Eccedere con gli additivi a base di fosforo può causare diversi effetti indesiderati, tra cui i più importanti riguardano la capacità di queste sostanze di sottrarre alcuni minerali dall'organismo, e soprattutto il ferro e il calcio, fino a favorire l'insorgenza dell'osteoporosi, dimostrata da Raines e Bell (J. Nutr., 107, 42, 1977).

 

 

Nel 2012 una ricerca tedesca ha messo in correlazione un consumo eccessivo di alimenti contenenti polifosfati e le malattie cardiovascolari. L'autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) è chiamata a dare un parere in merito entro il 31 dicembre 2018.

Oggi per alcuni cibi, come i formaggi fusi, si utilizzano i citrati, molto meglio tollerabili, mentre nei prosciutti cotti di alta qualità non vengono più utilizzati i polifosfati.

In genere, comunque, è buona norma evitare i prodotti che contengono questi additivi.

Fonte: Residui, additivi e contaminanti degli alimenti, Giuseppe Cerutti, Tecniche Nuove

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione

Smen (burro fermentato)

Lo smen è il burro salato e fermentato tipico della cucina mediorientale e magrebina. È un prodotto affine al ghee indiano e al niter kibbeh della cucina etiope.

Riso venere: un riso tutto italiano, esclusiva Scotti dal 2021

Il riso venere: un particolare tipo di riso dal chicco nero di origine asiatica ma coltivato anche in Italia.

Fecola di patate: a cosa serve, sostituti e caratteristiche

La fecola di patate viene usata per ricette dolci e salate anche in campo industriale, apprezzata per le sue proprietà addensanti.

Amido di mais o maizena: ricette e proprietà

L'amido di mais, o maizena, viene usato come addensante in diversi prodotti alimentari, ma anche come ingrediente di altri prodotti non alimentari.

 

Amido - Cos'è - Struttura - Tipologie

L'amido si estrae da mais, patate, riso, tapioca e frumento ed è un polisaccaride.

Alimenti ricchi di grassi "buoni"

i grassi buoni sono quelli vegetali e quelli del pesce. Ma è davvero così? In realtà a volte anche i grassi buoni possono diventare cattivi.

Grassi saturi e grassi vegetali

I grassi saturi: dove sono contenuti e perché non vanno demonizzati.

Pesca sostenibile - MSC, Friend of the Sea - Davvero sostenibili?

La pesca sostenibile: il moderno concetto di pesca, per tutelare la salute del mare e delle risorse ittiche.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.