Toma piemontese

Il nome toma ha origini incerte ed è probabilmente da ricondursi a una matrice francese e nella fattispecie ad analoghe produzioni casearie dell'alta Savoia. La zona tipica di produzione di questo formaggio è molto ampio, comprendente quasi tutto il settore montano piemontese, anche se quasi la metà della produzione si concentra in provincia di Torino, nel Canavese e nelle valli di Susa e Lanzo.

 

 

Il toma piemontese ha acquisito la certificazione DO nel 1993 e la DOP nel 1996. L'etichetta cartacea, posta sul piatto della forma, presenta un'immagine stilizzata di una bovina in blu e la scritta "Toma piemontese", in bianco, entro una corona circolare verde, bianca e rossa.

Il marchio è riportato al centro di un'etichetta bianca delimitante una fascia anulare che può essere personalizzata dal produttore.

Sull'etichetta del toma piemontese vengono riportati inoltre:

  • il numero di identificazione dello stabilimento;
  • il riconoscimento della denominazione di Origine del 10 maggio 1993;
  • il riconoscimento DOP del 1 luglio 1996;
  • l'eventuale scritta "latte crudo".

Caratteristiche

Toma piemontese

Il toma piemontese è un formaggio semicotto di puro latte vaccino. Si presenta di una forma cilindrica a facce piane, con scalzo di 6-12 centimetri, leggermente convesso e diametro di 15-35 centimetri. Il peso è tra i 2 e gli 8 chili. La stagionatura va dai 15 ai 60 giorni.

La DOP prevede due tipologie, una a latte intero e una a latte parzialmente scremato.

La crosta del tipo "latte intero" si presenta liscia ed elastica. Il colore è paglierino chiaro-bruno rossiccio. La pasta ha un colore bianco paglierino con occhiature diffuse e minute. Il sapore è dolce e gradevole, l'aroma è delicato.

 

 

Il Toma Piemontese a latte parzialmente scremato, detto anche semigrasso, ha una pasta semidura, ha una crosta rustica e poco elastica, il colore è paglierino carico-bruno rossiccio. La pasta è più compatta di quello a latte intero, ha colore bianco paglierino con un'occhiatura minuta. Il sapore è intenso e aromatico.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Qualità


Salame Sant'Angelo IGP

Il salame Sant'Angelo è un insaccato a base di carne di maiale prodotto nella provincia di Messina.


Salame Varzi

Il Salame Varzi DOP: un salume prodotto in una terra particolarmente vocata alla produzione di salami.


Culatello di Zibello

Il culatello di Zibello: il salume italiano più pregiato e costoso, ma vediamo i suoi punti deboli.


I presidi Slow Food - Arca del gusto

L'arca del gusto di slow food: come l'associazione tutela i presidi territoriali.

 


Hamburger confezionati: no grazie!

Gli hamburger confezionati non sono in realtà così convenienti e hanno un sapore che si allontana molto da quello della carne fresca.


Salumi: guida a una scelta di qualità

Salumi: guida ad una scelta di qualità di questo vastissimo settore.


Jamon patanegra - Il prosciutto spagnolo

Jamon patanegra: il prosciutto spagnolo il cui vero nome, in realtà, è prosciutto iberico, dalla razza dei maiali.


Prodotti DOP - Denominazione di origine protetta

La DOP - Denominazione di Origine Protetta - è la certificazione europea alimentare più alta.