Toma piemontese

Il nome toma ha origini incerte ed è probabilmente da ricondursi a una matrice francese e nella fattispecie ad analoghe produzioni casearie dell'alta Savoia. La zona tipica di produzione di questo formaggio è molto ampio, comprendente quasi tutto il settore montano piemontese, anche se quasi la metà della produzione si concentra in provincia di Torino, nel Canavese e nelle valli di Susa e Lanzo.

 

 

Il toma piemontese ha acquisito la certificazione DO nel 1993 e la DOP nel 1996. L'etichetta cartacea, posta sul piatto della forma, presenta un'immagine stilizzata di una bovina in blu e la scritta "Toma piemontese", in bianco, entro una corona circolare verde, bianca e rossa.

Il marchio è riportato al centro di un'etichetta bianca delimitante una fascia anulare che può essere personalizzata dal produttore.

Sull'etichetta del toma piemontese vengono riportati inoltre:

  • il numero di identificazione dello stabilimento;
  • il riconoscimento della denominazione di Origine del 10 maggio 1993;
  • il riconoscimento DOP del 1 luglio 1996;
  • l'eventuale scritta "latte crudo".

Caratteristiche

Toma piemontese

Il toma piemontese è un formaggio semicotto di puro latte vaccino. Si presenta di una forma cilindrica a facce piane, con scalzo di 6-12 centimetri, leggermente convesso e diametro di 15-35 centimetri. Il peso è tra i 2 e gli 8 chili. La stagionatura va dai 15 ai 60 giorni.

La DOP prevede due tipologie, una a latte intero e una a latte parzialmente scremato.

La crosta del tipo "latte intero" si presenta liscia ed elastica. Il colore è paglierino chiaro-bruno rossiccio. La pasta ha un colore bianco paglierino con occhiature diffuse e minute. Il sapore è dolce e gradevole, l'aroma è delicato.

 

 

Il Toma Piemontese a latte parzialmente scremato, detto anche semigrasso, ha una pasta semidura, ha una crosta rustica e poco elastica, il colore è paglierino carico-bruno rossiccio. La pasta è più compatta di quello a latte intero, ha colore bianco paglierino con un'occhiatura minuta. Il sapore è intenso e aromatico.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Qualità

Denominazioni DOP IGP e STG: come distinguerli

Per riconoscere gli ingredienti più autentici della nostra cucina sono stati messi a punto dei marchi: DOC, IGT, IGP e STG.

Cipolla rossa di Tropea Calabria IGP

Dolcissima, croccante e rossa, sono queste le caratteristiche che rendono tanto desiderata e appetibile la "Cipolla Rossa di Tropea Calabria IGP".

Branding, come funziona e che impatto ha nel settore alimentare

Con il termine branding si fa riferimento adattività che permettono di definire un marchio, rendendo il prodotto differente da quello dei competitor.

I consigli per un'alimentazione sana: come scegliere cibi naturali senza additivi

I consigli per un'alimentazione sana: come scegliere cibi naturali senza additivi

 

Il latte: guida a una scelta di qualità

Il latte (intero, parzialmente scremato o a lunga conservazione): guida ad una scelta di qualità.

Etichette dei salumi: nel 2021 indicazione dell’origine obbligatoria

La normativa sull’etichettatura dei salumi ha subito una modifica temporanea, prevista dalla normativa italiana fino al 31 dicembre 2021 come periodo di prova.

Etichetta dei surgelati: novità e obblighi

L’etichetta dei surgelati deve avere le stesse indicazioni valide per gli altri alimenti, con alcune informazioni specifiche valide per il pesce surgelato.

Etichetta dei cibi per l’infanzia: obblighi e contenuto

L’etichetta per gli alimenti destinati all’infanzia è diversa a seconda che si tratti di prodotti per lattanti o per la prima infanzia.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.