Valle d'Aosta Fromadzo

Il Valle d'Aosta Fromadzo o Vallée d'Aoste Fromadzo, le cui prime citazioni scritte risalgono a metà del XV secolo, rappresenta l'alternativa tradizionale alla Fontina, nei periodi di scarsa produzione di latte. In tali periodi risultava più conveniente trasformare in burro la panna affiorata e preparare un formaggio meno grasso, idoneo alla lunga stagionatura.

 

 

Il Valle d'Aosta Fromadzo ha acquisito la certificazione DO nel 1955 e la DOP nel 1996. Il marchio raffigura una mucca stilizzata, il cui colore identifica la tipologia: verde per il magro, naturale per il semigrasso, blu se viene aggiunto latte caprino, rosa se il latte è pastorizzato, giallo se il latte è aromatizzato con l'aggiunta di erbe o spezie.

Caratteristiche

Fromadzo

Il Fromadzo è un formaggio prodotto con latte vaccino, con eventuali piccole aggiunte di latte caprino. Esistono due tipologie di formaggio: il magro, con un tenore di grasso del 20%, prodotto con latte lasciato riposare per 24-36 ore; il semigrasso, con il 25-30% di grasso, lasciato riposare per 12-24 ore. Durante il riposo la panna si separa e affiora in superficie, per poi essere rimossa per produrre il burro.

La crosta del Fromadzo è consistente, il colore è paglierino tendente con il tempo al grigio con eventuali sfumature rossicce.

La pasta è compatta, con occhiatura sparsa di piccole e medie dimensioni.

 

 

Si presenta di colore bianco nel formaggio fresco, paglierino più o meno intenso in quello a prolungata stagionatura.

Il sapore è a tendenza dolce se fresco, leggermente salato e talvolta con una punta di piccante se stagionato.

A volte il latte viene aromatizzato con l'aggiunta di bacche di gineprol, semi di cumino o finocchio selvatico, profumi che ritornanano nel formaggio.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Qualità

Il latte: guida a una scelta di qualità

Il latte (intero, parzialmente scremato o a lunga conservazione): guida ad una scelta di qualità.

Etichette dei salumi: nel 2021 indicazione dell’origine obbligatoria

La normativa sull’etichettatura dei salumi ha subito una modifica temporanea, prevista dalla normativa italiana fino al 31 dicembre 2021 come periodo di prova.

Etichetta dei surgelati: novità e obblighi

L’etichetta dei surgelati deve avere le stesse indicazioni valide per gli altri alimenti, con alcune informazioni specifiche valide per il pesce surgelato.

Etichetta dei cibi per l’infanzia: obblighi e contenuto

L’etichetta per gli alimenti destinati all’infanzia è diversa a seconda che si tratti di prodotti per lattanti o per la prima infanzia.

 

Etichette delle uova: come leggerle e cosa devono contenere

L’etichetta delle uova si compone sia della stampigliatura impressa sull’uovo stesso, sia dell’etichetta dell’imballaggio.

Etichette dell’acqua minerale: normativa, classificazione e informazioni

L’etichetta dell’acqua minerale ha informazioni utili e obbligatorie per consentire una scelta consapevole dei propri consumi.

Etichette del pesce: come leggerle

L’etichetta del pesce deve contenere delle precise informazioni stabilite a livello comunitario e che facilitano la scelta durante l’acquisto.

Etichetta della carne: obblighi e nuova normativa

L’etichetta della carne ha di recente avuto un aggiornamento della sua normativa europea, che rende ancora più semplice la scelta del prodotto da acquistare.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.