Riso di Baraggia DOP

Il riso di Baraggia è uno dei tre risi italiani che hanno ottenuto una certificazione. La denominazione riso di Baraggia Biellese e Vercellese DOP è stata ufficializzata nel 2007.

 

 

All'interno della DOP ricadono 3 diverse tipologie merceologiche di riso: dal riso grezzo (o risone) si possono ottenere sia il riso raffinato (quello bianco per intenderci), sia il riso integrale che il riso parboiled (ammollato e precotto).

Inoltre, il riso di Baraggia DOP comprende 7 varietà diverse: Carnaroli, Baldo, Arborio, Balilla, Loto, Sant'Andrea e Gladio, ognuna con i propri parametri di riferimento, le caratteristiche fisico-chimiche e le indicazioni di ordine biometrico specifiche per ogni varietà (colore, consistenza, collosità, cristallinità, peso etc...). Il disciplinare, molto rigido, definisce quali sono i valori previsti per ogni categoria di riferimento e la percentuale di tolleranza per ogni difetto, una percentuale in media molto bassa, che va dallo 0,05% al 5%.

Storia e legame con il territorio

 

 

Riso Baraggia

Il legame con il territorio del riso di Baraggia è uno degli elementi cardine di questa DOP. La zona delimitata dal disciplinare comprende 28 comuni delle provincie di Vercelli e Biella, in Piemonte, per un totale di circa 20 mila ettari di risaie e 12 mila proprietari appartenenti al Consorzio di Bonifica del Baraggia Vercellese.

La Baraggia, o Baragge, è una riserva naturale che è stata creata su iniziativa dell'ex Presidente della Repubblica Italiana Luigi Einaudi negli anni Cinquanta e si estende in tutto il nord-est piemontese fino al Ticino. Il termine "baraggia" in dialetto indica un terreno poco fertile.

 

 

Il Consorzio di Bonifica e il Consorzio di Tutela della DOP collaborano strettamente al fine di produrre un riso di qualità, garantendo la tracciabilità di ogni confezione. Tutte le fasi della filiera, dalla coltivazione al confezionamento, vengono svolte all'interno della zona delimitata da disciplinare. Le riserie sono attualmente 8 (dati aggiornati a giugno 2015).

Produzione del riso di Baraggia DOP

Durante la coltivazione del riso di Baraggia è vietato l'uso di concimi nitrici e di composto o fertilizzanti che contengano metalli pesanti. I trattamenti fungicidi e insetticidi devono comunque essere eseguiti almeno 40 giorni prima della raccolta.

L'essicazione avviene in essiccatoi a fuoco indiretto, possibilmente alimentati a metano, G.P.L. o simili, al fine di ridurre al minimo la contaminazione degli involucri esterni del riso.

Durante lo stoccaggio del risone, ogni produttore è obbligato ad evitare l'insorgere di qualsiasi attacco fungino o parassitario e l'inizio di fermentazioni anomale. 

Il riso deve arrivare alla lavorazione con un indice di umidità interna non superiore al 14%.

Una volta confezionato, il riso di Baraggia DOP deve riportare in etichetta il nome della varietà agraria contenuta e non quella di un'altra seppure simile, anche quando fosse concesso dalle norme vigenti. Sulla confezione deve essere riportato, inoltre, il contrassegno e il logo della DOP (vedi foto qui sopra).

Una curiosità: il riso di Baraggia DOP è spesso consumato dai piemontesi nella ricetta tipica del vercellese, la panissa, un risotto con fagioli e salamini sott'olio.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Qualità

Il latte: guida a una scelta di qualità

Il latte (intero, parzialmente scremato o a lunga conservazione): guida ad una scelta di qualità.

Etichette dei salumi: nel 2021 indicazione dell’origine obbligatoria

La normativa sull’etichettatura dei salumi ha subito una modifica temporanea, prevista dalla normativa italiana fino al 31 dicembre 2021 come periodo di prova.

Etichetta dei surgelati: novità e obblighi

L’etichetta dei surgelati deve avere le stesse indicazioni valide per gli altri alimenti, con alcune informazioni specifiche valide per il pesce surgelato.

Etichetta dei cibi per l’infanzia: obblighi e contenuto

L’etichetta per gli alimenti destinati all’infanzia è diversa a seconda che si tratti di prodotti per lattanti o per la prima infanzia.

 

Etichette delle uova: come leggerle e cosa devono contenere

L’etichetta delle uova si compone sia della stampigliatura impressa sull’uovo stesso, sia dell’etichetta dell’imballaggio.

Etichette dell’acqua minerale: normativa, classificazione e informazioni

L’etichetta dell’acqua minerale ha informazioni utili e obbligatorie per consentire una scelta consapevole dei propri consumi.

Etichette del pesce: come leggerle

L’etichetta del pesce deve contenere delle precise informazioni stabilite a livello comunitario e che facilitano la scelta durante l’acquisto.

Etichetta della carne: obblighi e nuova normativa

L’etichetta della carne ha di recente avuto un aggiornamento della sua normativa europea, che rende ancora più semplice la scelta del prodotto da acquistare.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.