Pane casareccio di Genzano IGP

Il pane di Genzano è un prodotto tipico della panificazione laziale (Genzano è un comune a 10 km da Roma), che vanta una lunga tradizione rurale e contadina nella zona dei Castelli Romani, ma che a partire dagli anni Quaranta è diventato famoso un po' in tutta Italia, anche se la denominazione IGP è arrivata solo nel 1997 con la dicitura "Pane casereccio di Genzano IGP" (il primo pane a ricevere tale denominazione in Italia).

 

 

Questo pane si caratterizza per avere una mollica soffice e spumosa e una crosta bruna e croccante, tali da renderlo il pane ideale per preparare le bruschette, o solo con aglio e olio oppure con pomodoro e basilico.

Ma il pane di Genzano è, in effetti, molto versatile e si può abbinare a qualsiasi contorno e a qualsiasi companatico. 

Il disciplinare di produzione perevede che il pane casereccio di Genzano sia prodotto solo ed esclusivamente nel territorio del comune di Genzano, in provincia di Roma.

Caratteristiche del pane casereccio di Genzano IGP

Pane casareccio Genzano

Qui di seguito un elenco delle caratteristiche peculiari di questo pane:

  • Dimensioni: il peso varia dai 0,5 ai 2,5 kg, viene commercializzato in due versioni: il filone dalla forma ovale e allungata oppure la pagnotta appiattita (vedi foto qui a fianco);
  • Crosta: di colore molto scuro e di consistenza croccante, grazie alla cottura nel forno a legna, deve avere uno spessore minimo di 3 mm;
  • Mollica: di colore avorio, soffice e spugnosa, ha un tasso di umidità maggiore uguale a 33,7% ed un'occhiatura grande e irregolare;
  • Sapore: fragrante e molto saporito, emana un inconfondibile odore di grano;
  • Conservabilità: circa 7-8 gg.

 

 

Fasi di produzione del pane casareccio di Genzano IGP

Il pane di Genzano viene prodotto a partire dalla biga, un preimpasto ottenuto miscelando tra loro farina, acqua e lievito madre, usando farine forti come la "0" e la "00" in modo che il risultato finale sia asciutto.

La biga viene poi impastata con altra farina e sale e il composto viene fatto lievitare per circa un'ora.

I filoni o le pagnotte vengono modellati e inseriti in apposite cassette di legno affinché prendino la forma desiderata, quindi spolverati con crusca che conferisce al prodotto finale il tipico colore molto scuro.

Il pane casareccio di Genzano viene cotto solitamente nei forni a legna, anche se il disciplinare prevede una cottura anche in forni a diversa alimentazione, purchè abbiano raggiunto una temperatura compresa tra i 280 e i 320°C.

Il tempo di cottura dipende dalle dimensioni del pane e varia dai 35 minuti a un'ora.

Il bollino che lo identifica deve contenere in etichetta il logo comunitario dei prodotti IGP e la dicitura "Pane casereccio di Genzano", il codice del produttore autorizzato e il numero progressivo di produzione al fine di garantirne la rintracciabilità.

Il bollino viene posto su ogni pagnotta o filone sul dorso prima della cottura e viene realizzato con materiale e inchiostro atossici. 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Qualità

Novel food: significato, esempi e normativa

I novel food sono i cibi nuovi rispetto a quelli di uso comune prima del 1997, anno di entrata in vigore della prima legge che li regolamenta.

Guida Michelin: come nasce e come funziona

Era per agevolare tutti coloro che viaggiavano spesso in auto che, nei primi del Novecento, nasce la Guida Michelin.

I vantaggi di acquistare alimenti presso un negozio di prodotti tipici online

Acquistare alimenti di qualità su Internet, oggi, è diventata una vera e propria consuetudine affermata.

Prodotti alimentari: l'importanza della logistica per portare in tavola cibo di qualità

Affinché i prodotti alimentari arrivino fino in tavola in condizioni ottimali è necessario un complesso sistema logistico.

 

Salame Varzi

Il Salame Varzi DOP: un salume prodotto in una terra particolarmente vocata alla produzione di salami.

Salame Sant'Angelo IGP

Il salame Sant'Angelo è un insaccato a base di carne di maiale prodotto nella provincia di Messina.

Culatello di Zibello

Il culatello di Zibello: il salume italiano più pregiato e costoso, ma vediamo i suoi punti deboli.

Denominazioni DOP IGP e STG: come distinguerli

Per riconoscere gli ingredienti più autentici della nostra cucina sono stati messi a punto dei marchi: DOC, IGT, IGP e STG.