La dieta per i diverticoli

I diverticoli sono delle piccole sacche estroflesse che si formano nel tratto digestivo, soprattutto nell'ultimo tratto del colon (sigma).

 

 

La loro presenza è chiamata diverticolosi e interessa più del 50% della popolazione oltre i 60 anni di età, quando i diverticoli si infiammano si parla di diverticolite.

Quando si parla di dieta per i diverticoli, bisogna differenziare la dieta per la diverticolosi, cioè la dieta in presenza di diverticoli, dalla dieta per la diverticolite, cioè la dieta in presenza di diverticoli infiammati.

Dieta per la diverticolosi

Come abbiamo visto in modo approfondito nell'articolo sulla diverticolosi, i diverticoli sono presenti nella maggior parte delle persone dopo una certa età, questo già ci dovrebbe far intuire che la dieta per la diverticolosi non è una dieta particolare ma è una semplice dieta equilibrata che ci consente di mantenere il peso forma. La presenza di diverticoli asintomatici può essere rilevata durante la colonscopia di routine che è bene fare dopo i 50 anni, per prevenire la comparsa di tumore al colon.

Dieta per i diverticoli

Una dieta ricca di fibre è consigliabile, anche se una dieta che consenta di mantenere il peso forma in genere è ricca di verdura e frutta che consentono agevolmente di raggiungere i 15-20 g di fibra per ogni 1000 kcal consigliati dall'OMS.

Dieta per la diverticolite

In presenza di diverticolite, cioè quando i diverticoli si infiammano generando fastidiosi sintomi, occorre prendere dei provvedimenti modificando la dieta e utilizzando all'occorrenza anche i farmaci.

Stranamente la dieta per la diverticolosi è l'opposto di quella per la diverticolite: infatti durante la comparsa dei sintomi è bene diminuire l'apporto di fibre per "calmare" il colon finché l'infiammazione non è cessata. Una volta che i sintomi della diverticolite sono scomparsi, la dieta deve essere leggermente più specifica rispetto ai casi asintomatici di diverticolosi: bisognerà aumentare l'apporto di fibre consumando regolarmente cereali integrali e seguire una dieta più controllata evitando le abbuffate e limitando il consumo di carne e di cibi elaborati che tendono a transitare lentamente nell'intestino.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Dieta


La dieta antizanzare: esiste?

In realtà non esiste una vera e propria dieta efficace contro le zanzare. Ci sono alcuni alimenti e bevande, come gli alcolici, che le attirano mentre non ci sono cibi che le respingono.


Cibi ultra-processati: fanno davvero male?

I cibi ultra-processati sono definiti dalla classificazione NOVA che ne sconsiglia il consumo, appoggiata da diversi paesi. Rimane da capire come sostituirli in modo efficace.


Quanta caffeina (e caffè) al giorno?

La quantità di caffeina considerata sicura dipende dalle condizioni patologiche e fisiologiche del soggetto, ma anche dalla tollerabilità individuale.


Gli alimenti trasformati o processati: la classificazione NOVA

I cibi processati o trasformati sono classificati secondo la classificazione NOVA che li distingue in base al tipo di processo di produzione a cui sono sottoposti.

 


Cosa mangiare durante lo sport

Troppi atleti mangiano a sproposito durante gli allenamenti. In realtà dovrebbe mangiare solo chi fa allenamenti molto lunghi.


La carne rossa è più grassa?

La carne rossa non è più grassa della carne bianca, ma il suo contenuto in grassi e acidi grassi saturi dipende dal taglio di carne preso in considerazione.


Dieta per la salute della prostata

La dieta per la salute della prostata può aiutare a prevenire e coadiuvare le terapie per le principali patologie connesse con la prostata.


Dieta per la salute del pancreas

La dieta corretta può essere importante nella prevenzione ma anche nella cura delle principali patologie connesse con il pancreas, in particolare nelle pancreatiti.