La dieta per l'allergia ai pollini

L'allergia ai pollini è una delle più frequenti forme di allergia. Forse non tutti sanno che la dieta può essere un fattore scatenante di tale allergia, a causa del fenomeno noto come reazione crociata. Si tratta di una sindrome orale allergica che si verifica a seguito del contatto con alcuni alimenti vegetali in pazienti allergici ad alcune famiglie di pollini.

 

 

Esistono cibi, infatti, che contengono sostanze molto simili agli allergeni contenuti nei pollini: ingerendo tali cibi si potrebbero verificare reazioni allergiche localizzate nel cavo orale, mentre nel caso del contatto diretto con i pollini le zone interessate sono le prime vie respiratorie. Il sintomo più comune della reazione crociata è il prurito al palato, ma nei casi più gravi può verificarsi anche il gonfiore delle labbra, fino all'edema della glottide.

Possono manifestarsi anche reazioni non immediate, a seguito dell'assunzione di tali cibi, in questo caso le reazioni ritardate possono comparire anche in altre sedi, non necessariamente in bocca.

Dieta per l'allergia ai pollini

A seconda del tipo di allergia, ovvero del tipo di polline al quale si è allergici, esistono cibi che sarebbe opportuno evitare o limitare nelle quantità. Tale indicazione è rivolta soprattutto a coloro che hanno manifestato sindromi di reazione crociata, i quali dovrebbero conoscere la lista dei cibi per i quali sono a rischio di reazione allergica. Chi non ha mai manifestato tale tipo di reazione, può consumare tutti i cibi, magari limitando quelli a rischio, senza eliminarli.

Vediamo quali sono questi cibi in relazione al tipo di polline.

Allergia alle Graminacee: pesca, prugna, sedano, orzo, avena, ciliegia, mandorla, arachidi, bietole, kiwi, mais, anguria, agrumi, riso, segale, frumento, pomodoro, melone, albicocca.

 

 

Allergia ai pollini di Composite: arachide, noce, nocciola, pistacchio, cicoria, tarassaco, camomilla, lattuga, zucca, mela, melone, miele di girasole, miele di tarassaco, banana, anguria, castagne, sedano, prezzemolo, carota, finocchio, olio di girasole, margarine, dragoncello.

Allergia ai pollini di Betullacee: arachide, mandorla, kiwi, lampone, fragola, finocchio, pera, banana, nespola, pesca, pepe verde, mela, carota, sedano, ciliegia, albicocca, prugna, prezzemolo, nocciola, noce.

Allergia alla Parietaria: pistacchio, melone, kiwi, patata, pisello, arachide, soia, fagiolo, gelso, basilico, ortica, ciliegia, basilico.

Allergia all'Assenzio e all'Ambrosia: sedano, melone, anguria, banana, carote.

Allergia alle Poligonacee: grano saraceno (è anch'esso una poligonacea).

Allergia alle Salicacee: tutti i cibi che contengono i salicilati: albicocche, ananas, arachidi, arance, datteri, fragole, lamponi, mandorle, miele, ribes nero, indivia, cicoria, zucchine.

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Dieta

Guida: come fare una spesa sana

La pianificazione della spesa, l’attenzione alle etichette nutrizionali e la scelta di prodotti freschi e non trasformati sono elementi chiave per una dieta equilibrata.

5 alimenti che supportano il sistema immunitario

Per contrastare la comparsa dei malanni di stagione, è fondamentale aiutare il sistema immunitario debole attraverso uno stile di vita più sano, l'assunzione di integratori e un'alimentazione equilibrata.

Nutrizione Autunnale: Consigli per una Dieta Equilibrata

Con l’arrivo dell’autunno è normale avere voglia di cibi più calorici per contrastare l’abbassamento delle temperature, nonché rinforzare l’organismo per evitare i malanni di stagione.

I fichi fanno ingrassare?

I fichi non hanno 50 kcal/hg come riportato in molti siti: ne hanno molte di più, e per questo non possono essere consumati in grande quantità.

 

Il gelato fa ingrassare?

Il gelato è un dolce e come tale di sicuro non può essere considerato un alleato della linea... Ma fa davvero ingrassare?

Quanti albumi si possono mangiare al giorno?

Scopriamo quanti albumi (o chiare d'uovo) si possono mangiare al giorno... Il problema non è tanto negli albumi ma in cosa ci abbiniamo!

Mangiare sano al fast food: alcune idee e spunti utili

Mangiare al fast food è un’esperienza che quasi tutti amano fare: al di là dell'aspetto più pratico ed economico ce n'è un altro da tenere in considerazione e riguarda la sfera nutrizionale.

Camminare 10000 passi al giorno fa dimagrire?

La storia dei 10000 passi al giorno è una simpatica trovata per dare un obiettivo ai sedentari che fosse sufficientemente sfidante, ma non troppo difficile da raggiungere.