La dieta per l'ernia iatale

L'ernia iatale è una patologia molto diffusa che colpisce almeno il 15% degli italiani. Essa è una condizione per cui si ha la dislocazione dello stomaco, o di una parte di questo, nella cavità toracica, attraverso lo iato esofageo del diaframma.

 

 

Per informazioni dettagliate sulla patologia rimandiamo all'articolo sull'ernia iatale, in questo articolo tratteremo nello specifico l'importanza della dieta nel trattamento di questa patologia.

La dieta per l'ernia iatale

Un corretto approccio dietetico è importante nella gestione dell'ernia iatale.

Sicuramente un primo consiglio è quello di evitare le abbuffate prediligendo l'assunzione di piccoli pasti pur prestando attenzione al corretto introito calorico quotidiano.

È consigliabile eliminare dalla dieta tutti quei cibi che peggiorano il bruciore allo stomaco come gli alcolici, il caffè, il cioccolato, gli agrumi, le cipolle, alimenti piccanti o speziati, fritti, cibi molto conditi e salse in genere.

Dieta per l'ernia iatale

È preferibile assumere carni bianche e pesce, diminuendo il consumo di carni rosse, (soprattutto i salumi) e di formaggi molto grassi.

In sostanza, per tamponare l'acidità gastrica provocata dall'ernia iatale, è bene adottare un'alimentazione che tenda a non favorire l'acidità.

È preferibile dunque orientarsi verso una dieta a base di pane, pasta, riso, carne magra, formaggi magri, yogurt, frutta e verdura. È consigliabile inoltre non coricarsi immediatamente dopo i pasti perché la posizione orizzontale facilita la risalita dei succhi gastrici.

 

 

Per convivere con l'ernia iatale, bisognerebbe impostare uno stile di vita tale per cui si evita il soprappeso, si rinuncia al fumo, si limitano gli stati ansiosi.

Queste sono semplici regole che dovrebbero far parte della dieta e dello stile di vita di ogni individuo, ma che diventano necessarie nella persona con ernia iatale.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Dieta

Colesterolo alto? Non eliminare il latte (anche intero)!

Il latte intero è uno degli alimenti che si consiglia di eliminare o ridurre in caso di colesterolo alto. Ma a quanto pare è un consiglio inutile.

Bere acqua fredda fa male?

L’acqua fredda può avere alcune conseguenze nel nostro organismo, ma gli effetti non sono ancora ben noti e non si sviluppano in tutte le persone.

Il gelato fa ingrassare?

Il gelato è un dolce e come tale di sicuro non può essere considerato un alleato della linea... Ma fa davvero ingrassare?

Cibi ultra-processati: fanno davvero male?

I cibi ultra-processati sono definiti dalla classificazione NOVA che ne sconsiglia il consumo, appoggiata da diversi paesi. Rimane da capire come sostituirli in modo efficace.

 

Gli alimenti trasformati o processati: la classificazione NOVA

I cibi processati o trasformati sono classificati secondo la classificazione NOVA che li distingue in base al tipo di processo di produzione a cui sono sottoposti.

Coronavirus e alimentazione: è davvero utile una dieta?

La diffusione del coronavirus non può essere bloccata con una dieta. L'alimentazione può contribuire alla prevenzione e facilitare la guarigione, solo nel lungo periodo.

Quante calorie per dimagrire un kg? - Più di quelle che pensi!

Quante calorie bisogna tagliare per dimagrire un kg? Molti pensano siano 7000, alcuni dicono 9000, in realtà potrebbero essere molte di più!

Calorie della pizza in teglia: perché fa ingrassare?

La pizza in teglia è un prodotto molto consumato, sia fuori casa che in casa. Purtroppo però è spesso un vero e proprio attentato alla nostra linea.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.