Crema di nocciole proteica

La crema spalmabile alle nocciole è un prodotto universalmente noto grazie al prodotto leader assoluto: la Nutella. Dal punto di vista nutrizionale la crema di nocciole è un prodotto ipercalorico, assimilabile al cioccolato in tavoletta. Infatti ha una densità calorica pari a circa 550 kcal/hg, che la posizione tra i prodotti più calorici in assoluto, se si escludono i grassi puri (strutto, olio exravergine, burro, oli vegetali...) che hanno circa 900 kcal/hg (il burro 760, perché contiene una percentuale non minimale di acqua); e la frutta secca che con 600 kcal/hg si posiziona poco sopra.

 

 

Si tratta quindi di un prodotto che non può di certo essere consumato quotidianamente, a meno di non limitarsi a quantità esigue (per esempio 15-20 g), che farebbero storcere il naso a molti fanatici della Nutella. E non è di certo rivolgendosi a prodotti affini (per esempio la crema Novi), fatti senza il "dannosissimo" olio di palma, che si risolve il problema: qualunque cibo è dannoso oltre una certa quantità, e dato che il problema più importante delle società occidentali è l'eccesso di cibo, un alimento ipercalorico rischia di diventare dannoso (superando la quantità massima ammessa) a quantità molto basse, almeno per la maggior parte delle persone, che sono sedentarie e quindi non possono di certo permettersi di mangiare quantità importanti di Nutella senza ingrassare.

 

 

Ecco che la possibilità di produrre una crema di nocciole con meno calorie, e una proporzione tra i macronutrienti più favorevole, è senz'altro un'idea da prendere in considerazione. Magari non da assumersi quotidianamente, ma solo in alcuni periodi, per esempio durante una dieta ipocalorica, quando la voglia di dolce sicuramente aumenta.

Cos'è la crema di nocciole proteica?

La crema di nocciole proteica è una crema fatta con pasta di nocciole, cacao amaro in polvere, proteine in polvere dal gusto neutro, e acqua. Si possono produrre versioni molto diverse tra loro, sia come proporzione tra i macronutrienti, che come densità calorica. Quella che propongo ha 300 kcal/hg, quindi quasi la metà di una crema tradizionale, e la seguente proporzione tra i macronutrienti: 38% di proteine, 29% di carboidrati, 33% di grassi.

Questo significa che si possono mangiare 35 grammi di questa crema (3 cucchiaini colmi), assumendo solo 100 kcal e una quantità di proteine pari a 10 g (quelle di due albumi, o 60 g di carne). Le proteine conferiscono alla crema una maggiore sazietà, e il fatto di usare proteine in polvere dal gusto neutro non influenza il gusto del prodotto, che sarà dato soprattutto dalla pasta di nocciole utilizzata, e dal cacao amaro. Utilizzando fruttosio (o miele di acacia, ricco di fruttosio) al posto dello zucchero (saccarosio) si conterrà l'indice glicemico della crema, aumentando ulteriormente la sazietà e senza problemi di tipo metabolico (vedi l'articolo sui carboidrati AIG).

Stiamo pur sempre parlando di uno spuntino di appena 30 g: una quantità piccola, ma che soddisfa sicuramente la voglia di consumare un prodotto altrimenti difficilmente inseribile (in queste quantità) in una dieta ipocalorica. Volendo, lo si può integrare con un frutto, che andrà a compensare in "quantità" il nostro spuntino, senza aumentare troppo le calorie totali.

 

 

La scelta delle proteine è importante: consiglio di puntare su proteine del siero del latte, che nella versione "neutra" hanno un retrogusto vagamente lattico, che si sposa bene col resto degli ingredienti. Un'altra possibilità è quella di usare proteine al cioccolato, in questo caso si può addirittura diminuire la quantità di zucchero (perché le proteine al cioccolato contengono un dolcificante) e di conseguenza anche la densità calorica.

Ricetta della crema di nocciole proteica

Questa crema può essere spalmata ma il suo sapore tende ad essere diluito facilmente... È più adatta da sola, nei momenti di voglia di dolce o di cioccolato.

Si possono utilizzare le nocciole tostate, come mostriamo nel video, oppure la pasta di nocciole pura, un semilavorato per gelateria che è facilmente reperibile su internet (mi raccomando, deve essere pasta di nocciole, senza alcun altro ingrediente aggiunto).

Crema di nocciole proteica

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per 330 g circa di crema

  • 100 g di proteine in polvere gusto neutro
  • 60 g di fruttosio
  • 30 g di pasta di nocciole
  • 20 g di cacao amaro in polvere
  • 120 g di acqua

Procedimento

Mettere tutti gli ingredienti in un mixer e frullare fino ad ottenere un composto omogeneo. Inizialmente usare solo 100 g di acqua poi aggiungere a poco a poco fino ad ottenere la consistenza desiderata. Conservare a temperatura ambiente, per qualche settimana.

Informazioni nutrizionali per 100 g di crema

Energia

301 kcal - 1258 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

30 g

Proteine

33 g - 43%

Carboidrati

24 g - 32%

Grassi

8 g - 25%

di cui

 

saturi

1.4 g

monoinsaturi

4.3 g

polinsaturi

0.6 g

Fibre

1 g

Colesterolo

0 mg

Sodio

1 mg

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina

Biscotti savoiardi vegan

Savoiardi vegan: un classico biscotto adattato alla variante vegana.

Crema chiboust

La crema chiboust è una base della pasticceria sconosciuta ai non addetti ai lavori, composta da crema pasticcera e meringa italiana.

Stoviglie in legno: lavaggio, vantaggi e divieti

Le stoviglie in legno hanno dei vantaggi anche in termini ecologici, ma bisogna adottare alcune strategie per evitare contaminazione microbica degli alimenti.

Stoviglie in bambù: sono davvero sicure ed ecologiche?

Sebbene siano proposte come alternative ecologiche alle classiche in plastica, le stoviglie in bambù non sono nemmeno così sicure per le salute.

 

Pizza in Teglia Tutta Biga - Alta Idratazione

La pizza in teglia tutta biga, ad alta idratazione (75%): tutti i passaggi di questa pizza un po' complicata, ma dal risultato sorprendente.

Uova alla scabin o cyber egg: storia e ricetta

L'uovo alla scabin è una ricetta ideata dallo chef Davide Scabin che ripropone la perfezione del guscio d'uovo in chiave gourmet.

Polenta cotta al microonde

La polenta cotta al microonde presenta un grande vantaggio rispetto alla polenta istantanea. Scopriamolo insieme.

Le pentole antiaderenti sono cancerogene?

Le pentole antiaderenti sono in genere sicure se utilizzate correttamente, fatte secondo le norme europee e di buona qualità.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.