Pardulas campidanesi di ricotta

Guarda il video >>

Le pàrdulas sono dolcetti tipici della tradizione sarda, consumate durante il periodo pasquale ma che oggi vengono vendute tutto l'anno. Sono tipiche del Campidanese (vengono anche chiamate pardulas campidanesi, non a caso) e dei territori limitrofi, mentre in altre zone della Sardegna prendono il nome di casadinas, varianti simili nella forma e negli ingredienti.

 

 

Pardulas e casadinas vengono chiamate in italiano formaggelle, perché preparate con la ricotta (le pardulas) o con il formaggio fresco (le casadinas).

La versione più diffusa è quella con ricotta, aromatizzata con limone e zafferano, ma esistono anche versioni dolci con ripieni differenti, e anche versioni salate.

Nell'impasto il grasso utilizzato è tipicamente lo strutto, ma si possono anche preparare senza strutto, utilizzando il burro, ottenendo un risultato equivalente.

Per ottenere pardulas belle gonfie in genere è sufficiente la piccola quantità di uova presente nell'impasto, non c'è bisogno di usare il lievito chimico, tuttavia se si vuole esaltare questa caratteristica se ne può aggiungere un pizzico nel ripieno.

 

 

Ricetta delle pardulas

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per 12 pardulas

Sfoglia esterna

  • 100 g di farina 00
  • 100 g di semola rimacinata di grano duro
  • 20 g di zucchero
  • 15 g di albume
  • 10 g di burro o strutto
  • 100 ml di acqua tiepida
  • un pizzico di sale

Ripieno

  • 300 g di ricotta di pecora
  • 55 g di zucchero
  • 45 g di farina 00
  • 15 g di tuorlo d'uovo
  • mezza bustina di zafferano
  • scorza di arancia/limone
  • un pizzico di sale

Per guarnire

  • miele qb
Pardulas

Preparazione

Scolare la ricotta in un colino per un'ora circa, in modo tale da rimuovere il liquido in eccesso, grattugiare la scorza di arancia.

Mettere tutti gli ingredienti dell'impasto in una ciotola, impastare fino ad ottenere un composto omogeneo. Tirarlo con il mattarello ad uno spessore di 2-3 mm, tagliarlo con un coppapasta in modo tale da ricavare dei cerchi di 10-12 cm di diametro.

Mettere tutti gli ingredienti dei ripieno in una ciotola, lavorarli con la forchetta fino ad ottenere un composto omogeneo.

Farcire le sfoglie con un cucchiaio di ripieno, quindi chiuderle nel modo tradizionale pizzicando con decisione i lembi, in modo tale da formare 6 punte.

 

 

Disporre su una teglia e cuocere in forno ventilato a 160 gradi per 30 minuti.

Servire a temperatura ambiente o tiepide, cospargendo ognuna con un cucchiaino di miele.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

145 kcal - 606 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

3 g

Proteine

5 g - 13%

Carboidrati

23 g - 61%

Grassi

4 g - 25%

di cui

 

saturi

2.3 g

monoinsaturi

1.1 g

polinsaturi

0.4 g

Fibre

1 g

Colesterolo

28 mg

Sodio

24 mg

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Il risotto alla milanese

Il risotto alla milanese: il re dei piatti della cucina lombarda affonda le sue origini nel Cinquecento.


New York Cheesecake Ricetta

La cheesecake di New York, la torta al formaggio che ha fatto il giro del mondo.


Ramen (zuppa giapponese)

Il ramen è un piatto tipico giapponese composto da tagliolini cotti nel brodo di carne e altri svariati ingredienti.


Polpo alla Luciana

Il polpo alla Luciana: una ricetta tipica campana che prende origine dalla cucina povera dei marinai.

 


Cosce di rana fritte

Rane fritte: i segreti per una delle ricette più conosciute con la carne di rana.


Tarte Tatin: origine e ricetta alle albicocche

La Tarte Tatin di albicocche è una variante delle famosa torta di mele di origine francese.


Tiramisù con crema mascarpone

Tiramisù con crema mascarpone: la versione moderna del dolce di origine veneta, quella senza zabaione che troviamo ormai nella stragrande maggioranza dei locali.


Il tiramisù

Il tiramisù: di origine veneta, è uno dei dolci più diffusi in Italia, fatto con zabaione, mascarpone e savoiardi inzuppati nel caffè.