Ginocchio: anatomia e infortuni

Il ginocchio è una grande articolazione dell'arto inferiore, formata da 3 ossa (femore, tibia e rotula), una capsula, quattro legamenti, due menischi e cartilagine.

 

 

All'interno del ginocchio c'è un liquido chiamato sinovia (chiaro, formato da acqua, acido ialuronico, glicoproteine e ioni).

Elenco patologie del ginocchio

Il ginocchio permette solamente i movimenti di flesso-estensione della gamba, in quanto gli altri movimenti sono impediti grazie a un robusto sistema di legamenti e tendini.

Il femore partecipa all'articolazione del ginocchio con la superficie patellare anteriore e con le superfici articolari dei condili laterale e mediale.

Ginocchio

La tibia partecipa all'articolazione con l'estremità superiore opponendo ai condili femorali le 2 cavità glenoidee che si trovano sui condili tibiali.

La patella (rotula) è un osso sesamoide inserito nel legamento patellare e fissato lateralmente ai condili femorali e partecipa all'articolazione con la sua superficie posteriore che corrisponde alla troclea femorale.

Tra i condili femorali e le superfici tibiali si interpongono i due menischi.

I menischi sono formazioni fibrocartilaginee a forma di semianelli che si fissano alla porzione intercondiloidea della tibia e anteriormente sono uniti dal legamento traverso del ginocchio.

Gli infortuni al menisco sono molto frequenti nella pratica sportiva e non.

 

 

Cartilagine e menischi del ginocchio

I legamenti sono quattro: il crociato anteriore, il crociato posteriore, il collaterale interno (o mediale) e quello esterno (o laterale).

I legamenti crociati impediscono i movimenti di scivolamento in avanti ed indietro della tibia rispetto al femore, fanno in modo che l’escursione della tibia sul femore avvenga soltanto nel piano sagittale.

I legamenti collaterali impediscono i movimenti di adduzione e abduzione del ginocchio.

I gradi di movimento del ginocchio sono da 0° (estensione massima) a 140° (flessione massima, quando il calcagno tocca il gluteo); in effetti esiste, in base alla flessibilità di ognuno di noi, anche una iperestensione di 5°-10°-15° chiamata recurvatum, che può essere fisiologico, parafisiologico o patologico.

 

 

La flessione dipende anche dalla massa corporea e dall'abitudine che uno ha ad usare il ginocchio, solitamente lavora benissimo tra i 10 ° e 90°, definito arco di movimento essenziale.

Funzione dei legamenti del ginocchio

Il legamento crociato anteriore (LCA) è lo stabilizzatore statico del ginocchio, opponendosi ai movimenti di dislocazione anteriore del ginocchio, all'iperestensione e alla rotazione interna.

Il legamento crociato posteriore (LCP) è responsabile dello scivolamento dei condili verso l’indietro durante l'estensione.

Ha un ruolo importante nella flessione del ginocchio, durante la quale l'area di contatto tra i condili e il piatto tibiale si sposta anteriormente.

Menischi e legamenti del ginocchio

Ha anche un ruolo secondario nel stabilizzare i movimenti in varo-valgo e determina un effetto meccanico positivo sul quadricipite.

I due legamenti collaterali (LCL e LCM) partecipano al controllo dei movimenti di rotazione e stabilità mediale e laterale del ginocchio, impedendo i movimenti in varo e valgo.

Elenco patologie e infortuni del ginocchio

Artrosi del ginocchio o gonartrosi

L'artrosi del ginocchio è una patologia cronica ed evolutiva che colpisce un gran numero di persone. Consiste in alterazioni della cartilagine del ginocchio che secondariamente coinvolge, modificandole, strutture come la sinovia e la capsula. Il ginocchio è la terza sede più frequente di artrosi, si stima che circa il 27% delle ...

 

Dolore al ginocchio

Il dolore al ginocchio, tecnicamente la ''gonalgia'', può essere causato da molteplici fattori, che vanno studiati sia dal punto di vista anamnestico (cioè chiedendo al paziente diverse informazioni) sia clinicamente. Per focalizzare l'attenzione sulle tante patologie che possono dare gonalgia sono di fondamentale importanza l'età ...

 

Cartilagine del ginocchio

Il tessuto cartilagineo o cartilagine è una forma specializzata di tessuto connettivo con funzione principale di sostegno. La cartilagine è un tessuto denso, compatto e consistente, costituito da cellule chiamate condrociti, circondate da sostanza intercellulare in cui si sono presenti fibre immerse in una matrice amorfa in fase gel. ...

 

Condromalacia

La condromalacia è una malattia degenerativa che colpisce la cartilagine, in particolar modo colpisce la zona patellofemorale, ovvero la zona che va dalla rotula al femore. Il sintomo tipico della malattia è il dolore alla parte anteriore del ginocchio, intorno alla patella...

 

Cisti di Baker

Le cisti di Baker sono dei noduli, contenenti liquido, che provocano un rigonfiamento e una sensazione di pressione dietro il ginocchio; la maggior parte delle volte sono visibili ad occhio nudo e sono grandi quanto una noce. Il nome della patologia deriva dal medico William Baker, che fu il primo a studiarle a fine ottocento...

 

Condropatia rotulea o condropatia del ginocchio

Vedi anche: lesioni della cartilagine del ginocchio Come abbiamo visto parlando di anatomia del ginocchio, l'articolazione femoro-patellare si forma con l'inserimento della patella (o rotula) nel tendine terminale del muscolo quadricipite femorale. La rotula svolge principalmente quattro funzioni. Guida della muscolatura femorale: la patella scivola ...

 

Fratture del ginocchio

Le fratture del ginocchio avvengono quando si rompono le strutture ossee che compongono l'articolazione del ginocchio. Esse coinvolgono soprattutto il piatto tibiale, i condili femorali e la rotula. La frattura del piatto tibiale è causata da traumi diretti, dalla caduta sui piedi o da un violento trauma distorsivo. Queste rotture del ginocchio ...

 

Ginocchio varo e ginocchio valgo

Le principali deformità del ginocchio sono il valgismo (ginocchio valgo) e il varismo (ginocchio varo) e si manifestano soprattutto nei primi anni di età o nell'adolescenza. Consiste nella deviazione del ginocchio verso la parte interna del corpo per cui l'angolo esterno che si forma tra il femore e la tibia è minore nei normali 170-175° ...

 

Legamenti del ginocchio: lesioni e traumi

Il ginocchio è una delle articolazioni più colpite da infortuni e spesso questi riguardano i legamenti. Vediamo allora cosa sono i legamenti del ginocchio e quali sono le lesioni che li colpiscono più di frequente. I legamenti sono dei cordoni fibrosi all'interno dell'articolazione del ginocchio e sono quattro, due crociati e due ...

 

Menisco: lesioni, traumi, terapia

I menischi sono degli elementi in fibrocartilagine a forma di semianello posti a livello dell'articolazione del ginocchio, tra i condili femorali e i piatti tibiali. Sono 2 per ogni ginocchio: il menisco mediale (o interno) e il menischo laterale (o esterno). Il menisco mediale ha la caratteristica forma a C, mentre quello laterale ha più la ...

 

Protesi del ginocchio

L'intervento di protesizzazione del ginocchio può aiutare ad alleviare il dolore e ripristinare la funzionalità delle articolazioni del ginocchio gravemente malate. La procedura prevede la rimozione delle porzioni di ossa e cartilagini danneggiati. Le regioni più frequentemente trattate sono quelle del femore, dalla tibia e dalla rotula seguite dalla...

 

Tendinite al ginocchio

La tendinite al ginocchio è l'infiammazione, acuta o cronica, di uno dei tendini del ginocchio. I tendini del ginocchio più comunemente colpiti da tendinite sono tre: il tendine rotuleo, il tendine del quadricipite e il tendine polipteo. In funzione di quale dei tre viene colpito, si parlerà di tendinite...

 

Trapianto di cartilagine del ginocchio

Il trapianto di cartilagine del ginocchio è una procedura indicata in pazienti che presentano un difetto a livello della cartilagine articolare del ginocchio, che si manifesta con dolore e un caratteristico rumore a “clic”...

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Talassoterapia: promettente terapia ancora da confermare

La talassoterapia è un'insieme di terapie che usano il mare, il suo clima e i suoi prodotti per ricavarne un effetto terapeutico. L'azione positiva resta però ancora da confermare.


Naturopatia: l'unione di tecniche dall'efficacia non dimostrata

La naturopatia è una medicina che usa tecniche di altre medicine alternative e che propone un ritorno alla connessione con la natura. La sua efficacia non è però dimostrata.


Aromaterapia: la terapia degli oli essenziali dai dubbi effetti reali

L'aromaterapia ha origini antiche e si basa sull'uso degli oli essenziali per la cura delle patologie. I suoi effetti, però, non sono ancora accertati scientificamente.


Medicina alternativa o complementare

La medicina alternativa comprende una tipologia variegata di discipline che si basano su terapie la cui efficacia non sempre viene dimostrata con metodo scientifico.

 


Chiropratica: che cos'è, controindicazioni e applicazioni

La chiropratica è una disciplina usata per la terapia del dolore ma non solo, che si basa sulle manipolazione a livello della colonna vertebrale.


Osteopatia: è efficace?

L'Osteopatia è una medicina complementare che si basa sulle manipolazioni per giungere ad una guarigione. Risulta ancora oggi difficile capire se l'efficacia sia reale o meno.


Omotossicologia: un derivato placebo dell'Omeopatia

L'Omotossicologia nasce dall'Omeopatia di cui usa gli stessi principi, ampliandone la farmacopea e usando alcuni principi della medicina convenzionale.


Medicina tradizionale cinese: una lunga tradizione senza conferme scientifiche

La medicina tradizionale cinese ha una lunga tradizione millenaria alle spalle e ha basi filosofiche con diversi tipi di cure, non ancora però confermate scientificamente.