Estratto di semi di uva o vinaccioli

Il frutto dell'uva, l'acino, è costituito dalla polpa, dalla buccia e dai semi, chiamati anche vinaccioli.

 

 

I semi dell'uva contengono sostanze importanti dal punto di vista alimentare, soprattutto polifenoli e olii. Dai semi dell'uva si produce olio (olio di semi di vinaccioli) e i polifenoli rivestono una importante funzione nella produzione del vino.

Le foglie e i frutti della vite sono stati utilizzati in medicina sin dai tempi dell'antica Grecia. Oggi, l'estratto di semi d'uva viene proposto sottoforma di capsule o tavolette, ed è utilizzato per molteplici condizioni, relative soprattutto alla salute del cuore e dei vasi sanguigni: aterosclerosi, pressione alta, colesterolo alto, problemi di circolazione, complicanze del diabete (agli occhi e al sistema nervoso), problemi della vista (come la degenerazione maculare), il gonfiore dopo un infortunio o un intervento chirurgico, la prevenzione del cancro e la guarigione delle ferite.

I semi d'uva utilizzati per la produzione di integratori provengono solitamente dai viticoltori.

Attualmente l'estratto di semi d'uva è studiato da molti ricercatori, oltre che per i disturbi indicati in seguito, anche per la prevenzione del cancro al seno nelle donne in post-menopausa, il cancro alla prostata e quello al colon; per prevenire il declino cognitivo, il morbo di Alzheimer e altri disturbi cerebrali.

 

 

Controindicazioni

L'estratto di semi d'uva è generalmente ben tollerato se assunto per via orale: negli studi clinici è stato utilizzato senza particolari problemi per 8 settimane.

Gli effetti collaterali che sono stati riportati includono prurito e secchezza del cuoio capelluto, vertigini, mal di testa, la pressione alta, orticaria, indigestione e nausea.

Al momento non sono state studiate le potenziali interazioni con i farmaci.

Estratto di semi d'uva

Benefici dell'integrazione dell'estratto di semi di uva

Effetti possibili (prove ancora insufficienti)

Alcuni composti di estratto di semi d'uva possono essere efficaci per alleviare i sintomi dell'insufficienza venosa cronica e ridurre l'edema dopo un infortunio o un intervento chirurgico.

Alcuni studi randomizzati, su gruppi di piccole dimensioni, hanno dimostrato un effetto benefico per la retinopatia diabetica e per la fragilità vascolare. Sono necessari studi più ampi per confermare questi risultati.

 

 

Studi preliminari hanno mostrato un benefico effetto antiossidante.

Dosaggio consigliato

Gli studi condotti sull'uomo hanno utilizzato 150-300 mg al giorno di estratto di semi d'uva, fino a 600 mg non sono stati riscontrati particolari effetti avversi.

Conclusioni

L'estratto di semi d'uva contiene polifenoli che, come meccanismo di azione, sembrano essere simili a quelli del tè verde. È un integratore potenzialmente interessante per alcune patologie, per le quali comunque l'utilizzo va concordato con il medico, bisogna tuttavia considerare che gli studi sono ancora in una fase preliminare.

Bibliografia

Effects of grape seed extract in Type 2 diabetic subjects at high cardiovascular risk: a double blind randomized placebo controlled trial examining metabolic markers, vascular tone, inflammation, oxidative stress and insulin sensitivity

Effect of grape seed extract on blood pressure in subjects with the metabolic syndrome

Effect of a standardized grape seed extract on low-density lipoprotein susceptibility to oxidation in heavy smokers

The effect of grape seed extract on cardiovascular risk markers: a meta-analysis of randomized controlled trials

An evaluation of the antioxidant activity of a standardized grape seed extract, Leucoselect

Effect of Grape Seed Extract and Quercetin on Cardiovascular and Endothelial Parameters in High-Risk Subjects

Effects of grape seed extract consumption on platelet function in postmenopausal women

Proanthocyanidin-rich grape seed extract reduces leg swelling in healthy women during prolonged sitting

Clouatre DL, Kandaswami C. Grape seed extract. In: Coates P, Blackman M, Cragg G, et al., eds. Encyclopedia of Dietary Supplements. New York, NY: Marcel Dekker; 2005:309–325.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Medicina alternativa o complementare

La medicina alternativa comprende una tipologia variegata di discipline che si basano su terapie la cui efficacia non sempre viene dimostrata con metodo scientifico.


Chiropratica: che cos'è, controindicazioni e applicazioni

La chiropratica è una disciplina usata per la terapia del dolore ma non solo, che si basa sulle manipolazione a livello della colonna vertebrale.


Osteopatia: è efficace?

L'Osteopatia è una medicina complementare che si basa sulle manipolazioni per giungere ad una guarigione. Risulta ancora oggi difficile capire se l'efficacia sia reale o meno.


Omotossicologia: un derivato placebo dell'Omeopatia

L'Omotossicologia nasce dall'Omeopatia di cui usa gli stessi principi, ampliandone la farmacopea e usando alcuni principi della medicina convenzionale.

 


Medicina tradizionale cinese: una lunga tradizione senza conferme scientifiche

La medicina tradizionale cinese ha una lunga tradizione millenaria alle spalle e ha basi filosofiche con diversi tipi di cure, non ancora però confermate scientificamente.


Medicina ayurvedica: un'antica pratica dalla dubbia efficacia

La medicina ayurvedica è un'antica pratica nata in India, di cui non è ancora certa l'efficacia. Nei preparati ayurvedici è stata riscontrata la presenza di metalli tossici.


Medicina antroposofica: una storica terapia che non funziona

La medicina antroposofica è una pseudoscienza creata dopo la prima guerra mondiale, ma di cui non si hanno prove scientifiche circa la sua reale efficacia.


Omeopatia o medicina omeopatica: la pseudoscienza dell'effetto placebo

L'omeopatia è una pseudoscienza che fa parte della medicina alternativa. Ad oggi non vi sono studi che dimostrino una sua efficacia se non nell'indurre un effetto placebo.