Kawa

Il kawa (o kawa-kawa) è una pianta (Piper methysticum) originaria della Nuova Zelanda, utilizzata anticamente dalle popolazioni della zona come afrodisiaco.

 

 

La radice del kawa-kawa contiene sostanze psicoattive nella radice (almeno 15 derivati fenilpropanici, detti kavalattoni), e per questo è stato utilizzato come integratore naturale con proprietà antidepressive e ansiolitiche, indicato nei disturbi dell'umore e nell'insonnia.

Alcune segnalazioni provenienti dalla Germania e dalla Svizzera, di soggetti colpiti da gravi danni al fegato, probabilmente causati dall'ingestione di prodotti a base di kawa-kawa, ne hanno determinato la sospensione cautelativa dal mercato, fin dal Gennaio del 2002. Nel frattempo, le autorità preposte stanno studiado questo integratore per valutarne i reali rischi.

Il kawa-kawa deve il suo nome dal capitano Cook, tale nome significava "pepe inebriante". Il kava-kava è stato utilizzato per migliaia di anni dagli abitanti delle isole del Pacifico, e ancora oggi è consumato come bevanda in grado di alterare lo stato di coscienza (come l'alcol per gli occidentali), ed ha ancora un ruolo nei rituali e nelle cerimonie.

Controindicazioni

Oltre ai casi riportati in Germania e Svizzera, anche durante gli studi sull'efficacia di questo integratore si erano verificati problemi al fegato in due soggetti, disturbi rientrati con la sospensione del trattamento. I primi sintomi di danno epatico sono l'ittero (colorazione gialla della pelle), la stanchezza e le urine scure.

Il kawa-kawa è sconsigliato per chi deve guidare l'automobile o manovrare macchinari potenzialmente pericolosi.

Kawa kawa integratori

Benefici dell'integrazione di kawa kawa

Effetti possibili (prove ancora insufficienti)

Ansia. La maggior parte degli studi dimostrano che alcuni estratti di kava (standardizzati al 70% di kavalattoni) sono in grado di ridurre l'ansia, con la stessa efficacia delle benzodiazepine a basso dosaggio. I risultati positivi si potrebbero manifestare solo dopo 8 settimane di trattamento.

Dosaggio consigliato

Il dosaggio consigliato è variabile e va concordato con il medico, anche a causa degli effetti collaterali potenzialmente molto pericolosi.

Conclusioni

Il kawa-kawa è attualmente non disponibile come integratore, a causa dei potenziali effetti collaterali, soprattutto per i possibili danni al fegato. L'assunzione di kawa-kawa andrebbe quindi effettuata sotto stretto controllo medico e durante il trattamento bisognerebbe controllare periodicamente la salute del fegato con appositi esami del sangue.

Bibliografia

 

 

Consumer advisory: kava-containing dietary supplements may be associated with severe liver injury

The efficacy of Cavain in patients suffering from anxiety

Is kava alcohol?: The myths and the facts

A. Herbal medicine for depression, anxiety and insomnia: a review of psychopharmacology and clinical evidence

Medicinal plants for the treatment of generalized anxiety disorder: a review of controlled clinical studies

Kava hepatotoxicity: comparative study of two structured quantitative methods for causality assessment

Effect of a special kava extract in patients with anxiety-, tension-, and excitation states of non-psychotic genesis. Double blind study with placebos over 4 weeks

Toxic hepatitis after consumption of traditional kava preparation

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Talassoterapia: promettente terapia ancora da confermare

La talassoterapia è un'insieme di terapie che usano il mare, il suo clima e i suoi prodotti per ricavarne un effetto terapeutico. L'azione positiva resta però ancora da confermare.


Naturopatia: l'unione di tecniche dall'efficacia non dimostrata

La naturopatia è una medicina che usa tecniche di altre medicine alternative e che propone un ritorno alla connessione con la natura. La sua efficacia non è però dimostrata.


Aromaterapia: la terapia degli oli essenziali dai dubbi effetti reali

L'aromaterapia ha origini antiche e si basa sull'uso degli oli essenziali per la cura delle patologie. I suoi effetti, però, non sono ancora accertati scientificamente.


Medicina alternativa o complementare

La medicina alternativa comprende una tipologia variegata di discipline che si basano su terapie la cui efficacia non sempre viene dimostrata con metodo scientifico.

 


Chiropratica: che cos'è, controindicazioni e applicazioni

La chiropratica è una disciplina usata per la terapia del dolore ma non solo, che si basa sulle manipolazione a livello della colonna vertebrale.


Osteopatia: è efficace?

L'Osteopatia è una medicina complementare che si basa sulle manipolazioni per giungere ad una guarigione. Risulta ancora oggi difficile capire se l'efficacia sia reale o meno.


Omotossicologia: un derivato placebo dell'Omeopatia

L'Omotossicologia nasce dall'Omeopatia di cui usa gli stessi principi, ampliandone la farmacopea e usando alcuni principi della medicina convenzionale.


Medicina tradizionale cinese: una lunga tradizione senza conferme scientifiche

La medicina tradizionale cinese ha una lunga tradizione millenaria alle spalle e ha basi filosofiche con diversi tipi di cure, non ancora però confermate scientificamente.