Berberina

La berberina è un alcaloide del gruppo degli alcaloidi benzilisochinolinici, che in natura si trova nelle radici, nei rizomi, nei fusti o nelle cortecce di alcune piante del genere Berberis, Hydrastis canadensis e Coptis chinensis.

 

 

La berberina agisce attivando l'enzima proteina adenosina monofosfato-chinasi attivata (AMPK), e inibisce l'enzima proteina-tirosina fosfatasi 1B (PTP1B).

La berberina è utilizzata da secoli nella medicina tradizionale cinese, oggi è studiata come integratore per i suoi potenziali effetti anti-infiammatori e anti-diabetici. Può anche migliorare la salute intestinale e ridurre il colesterolo, e diminuire la produzione di glucosio nel fegato.

Studi preliminari hanno suggerito che la berberina può agire in sinergia con i farmaci antidepressivi, favorendo la perdita di grasso corporeo.

Controindicazioni

L'uso di berberina è sconsigliato nei neonati e, per precauzione, anche in gravidanza. A dosaggi molto elevati è stato osservato un effetto cancerogeno nei roditori. 

Gli effetti indesiderati più comuni sono i problemi intestinali, evitabili dividendo la dose giornaliera in più assunzioni.

Berberina

Benefici dell'integrazione di acido alfa-lipoico

Effetti possibili (prove ancora insufficienti)

Riduce il colesterolo.

Utile per il controllo della glicemia nel diabete.

Dosaggio consigliato

La dose standard di berberina varia da 900 mg a 2 g al giorno, divisa in 3 o 4 assunzioni, da assumere ai pasti.

Conclusioni

La berberina è un integratore molto promettente per quanto riguarda la prevenzione delle malattie cardiovascolari, e per la cura del diabete. Per queste due condizioni gli studi, sebbene non definitivi, sono piuttosto promettenti. L'assunzione di berberina per queste condizioni va effettuata sotto controllo medico.

 

 

Per molte altre condizioni come il cancro, la salute mentale, del fegato, dello stomaco e dell'intestino, e altre sono in corso studi preliminari, alcuni dei quali hanno riscontrato una certa efficacia.

Bibliografia

Efficacy and safety of alpha-lipoic acid supplementation in the treatment of symptomatic diabetic neuropathy

Efficacy and safety of antioxidant treatment with α-lipoic acid over 4 years in diabetic polyneuropathy: the NATHAN 1 trial

Assessment of the antioxidant effectiveness of alpha-lipoic acid in healthy men exposed to muscle-damaging exercise

Alpha-lipoic acid modifies oxidative stress parameters in sickle cell trait subjects and sickle cell patients

Glycemic and oxidative status of patients with type 2 diabetes mellitus following oral administration of alpha-lipoic acid: a randomized double-blinded placebo-controlled study

A randomized, double-blind, placebo-controlled study on the clinical efficacy of oral treatment with DermaVite on ageing symptoms of the skin

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute

Integratori sessuali contro l’impotenza: quali efficaci e quali no

Gli integratori sessuali contro l’impotenza non sempre sono a base di prodotti la cui efficacia è stata testata e le loro pubblicità possono essere ingannevoli.

Policitemia vera

La policitemia vera (o policitemia rubra vera, policitemia primaria) è un disordine mieloproliferativo cronico caratterizzato da una produzione abnorme di globuli rossi.

Fibrosi polmonare

La fibrosi polmonare è una malattia a carico dell’apparato respiratorio, causata dalla formazione di tessuto cicatriziale all’interno del polmone.

Sindrome dell'ovaio policistico

La sindrome dell'ovaio policistico è un disordine molto diffuso nelle donne e caratterizzato da disturbi del ciclo mestruale, aumento del tasso di ormoni androgeni e resistenza all'azione dell'insulina.

 

Obesità negli USA: quali le cause e quali le soluzioni?

L'obesità negli USA è una vera e propria emergenza sanitaria in continuo aumento, nonostante vi siano alcune iniziative volte a ridurre questo fenomeno.

Vitamina D

La vitamina D è uno degli integratori più utilizzati dagli anziani, anche se non è certo che prevenga l'osteoporosi.

Vacanze: come evitare i problemi del rientro in ufficio

Il rientro a lavoro può risultare problematico: stress, fatica, mancanza di tempo, alimentazione trascurata e conseguente bruciore di stomaco persistente.

Intolleranza al lattosio: come riconoscerla e curarla

Il lattosio è spesso responsabile di intolleranze, ai danni di chi non possiede il corretto apporto di lattasi, l’enzima responsabile della scissione del lattosio in glucosio e galattosio.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.