La dieta Sugar Busters

La dieta sugar busters, come suggerisce il nome, è una delle tante diete iperproteiche presenti nell'iperaffollato mercato dei metodi per perdere peso. I quattro autori della dieta Sugar Busters sono il manager H. Leighton Steward, e tre medici della Big Easy: Morrison C. Bethea, MD, un chirurgo cardiotoracico, Samuel S. Andrews, MD, un endocrinologo, e Luis A. Balart, MD, un gastroenterologo. Essi affermano che lo zucchero è tossico, ed è il responsabile dei problemi di sovrappeso e obesità che affliggono le società occidentali, e consigliano dunque di eliminare tutti i dolci a base di zucchero raffinato e alcuni tipi di frutta e verdura ricchi di zucchero. I motivi della tossicità dello zucchero sono sempre i soliti: i cibi ad alto indice glicemico, secondo gli autori, causerebbero il malfunzionamento del sistema endocrino creando squilibri che peggiorerebbero la salute degli individui e causerebbero la perdita del controllo del peso corporeo, con la conseguente insorgenza di sovrappeso e obesità.

La dieta sugar busters promette non solo di far perdere peso, ma anche di abbassare il colesterolo, raggiungere il benessere ottimale, aumentare l'energia, e contribuire a trattare il diabete e altre malattie croniche.

La dieta sugar busters è diventata famosa nel 1998, quando un famoso editore ha pubblicato il libro dei quattro autori.

Come funziona la dieta sugar busters

Dieta sugar busters

Oltre ad eliminare gran parte dei cibi ricchi di zucchero, la dieta sugar busters prevede anche un controllo delle porzioni, anche se gli autori (e ci mancherebbe!) affermano che non è necessario contare le calorie (e che la riduzione delle calorie non necessariamente porta ad una riduzione del peso corporeo) nella loro dieta. Tuttavia, nel libro vengono proposti piani alimentari da circa 1200 kcal, una "strana" coincidenza che avevamo già riscontrato anche nella dieta di Ongaro. Chiunque può dimagrire con una dieta da 1200 kcal, anche se contiene zucchero!

 

 

Secondo gli autori anche l'esercizio fisico non è necessario per dimagrire, ed è addirittura inutile se si continuano ad assumere zuccheri nella propria alimentazione.

Analisi critica della dieta sugar busters

La dieta sugar busters contiene tutti i must che deve avere una dieta per diventare famosa: dire che le calorie non servono a nulla, demonizzare gli zuccheri semplici, e dire che l'esercizio fisico intenso non è necessario. Purtroppo, queste caratteristiche la fanno inserire di diritto nella lista delle fad diets, le diete fasulle tanto di moda in questi anni.

L'errore di base della dieta sugar busters è quello di tutte le diete basate sulla demonizzazione degli zuccheri o dei carboidrati ad alto indice glicemico: il problema di questi alimenti non è qualitativo, ma quantitativo. Gli zuccheri non fanno male, se assunti in quantità corretta, è semplicemente il loro eccesso ad essere dannoso. Ma ovviamente un'affermazione di questo genere non avrebbe presa perché "tutti lo sanno che è solo l'eccesso che fa male". Ok, ma se questo è vero, allora la dieta sugar busters è da dimenticare perché si basa su un'affermazione falsa (cioè lo zucchero non è un veleno).

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Nitriti e nitrati

Nitriti e i nitrati: conservanti potenzialmente molto nocivi, contenuti soprattutto nei salumi e nelle carni conservate. Scopriamo come difenderci.


Aglio nero fermentato

L'aglio nero, detto anche l'aglio a prova di bacio, è un prodotto ottenuto attraverso un processo di fermentazione e arriva dall'Oriente.


Alimentazione e sport

Alimentazione e sport: come può uno sportivo gestire la sua dieta in maniera ottimale?


Aglio

L'aglio, l'aglio fresco e la zolla dell'aglio: tutte le proprietà e gli usi di uno degli ingredienti principe della cucina italiana.

 


Conservanti innocui e nocivi

I conservanti sono quelle sostanze che permettono ai prodotti alimentari di mantenersi più a lungo, ma ne esistono di innocui e di nocivi.


Crescentine e gnocco fritto

Le crescentine e il gnocco fritto: il tipico antipasto bolognese.


Miele di manuka

Il miele non è una medicina, come sosteniamo da anni, tanto meno lo è il miele di manuka, l'ultima trovata commerciale venduta come panacea per tutti i mali.


Pancetta

Pancetta: il taglio di carne suina utilizzata prevalentemente per essere stagionata, oppure per la preparazione alla griglia.