La dieta di Gillian McKeith

Gillian McKeith è una scrittrice e presentatrice televisiva scozzese, nata il 28 settembre 1959.

È diventata famosa come ospite dei programmi televisivi inglesi You Are What You Eat e Dr Gillian McKeith's Feel Fab Forever. Dal 2010 presenta il programma Eat Yourself Sexy, nella TV canadese.

 

 

Ha scritto molti libri di nutrizione, tra cui You Are What You Eat (2004) (due milioni di copie vendute), e Dr Gillian McKeith's Ultimate Health Plan (2006).

Il grande successo della McKeith è stato accompagnato da forti critiche dagli specialisti del settore, a mio parere più che legittimo, come vedremo.

La McKeith non ha alcun titolo riconosciuto ufficialmente che le consenta di classificarsi come "dottore", e infatti lei stessa ha smesso di definirsi tale nel 2007, dopo le rimostranze dell'Advertising Standards Authority inglese.

Come funziona la dieta di Gillian McKeith

La dieta non prevede il calcolo delle calorie, ma è basata principalmente da consigli di tipo qualitativo.

È prevista una lista di cibi "NO", tra cui zucchero, latticini e burro, dolci, pane bianco, pasta e riso bianchi, carni rosse, prodotti confezionati, cibi in scatola; e una lista di cibi "SI", tra cui pesce, frutta secca, legumi, cereali integrali, quinoa, amaranto, grano saraceno, legumi, frutta e verdura, oli vegetali, carni bianche, uova.

 

 

La dieta prevede anche l'attenzione alla combinazione dei cibi, al fine di ottimizzare la digestione, questo è ottenuto dividendo i cibi in 4 categorie (quelli ricchi di proteine, quelli ricchi di carboidrati, i grassi e le spezie, la frutta), consigliando di non mischiare cibi di categorie diverse.

La McKeith utilizza bizzarri metodi di diagnosi, che l'hanno sottoposta a forti critiche, come l'esame visivo delle feci e della lingua, e metodi di "purificazione" come l'enteroclisma (lavaggio del colon), consiglia di assumere cibi ricchi di clorofilla perché sarebbero "ricchi di ossigeno" e altri consigli che farebbero rizzare i capelli a qualunque studente del primo anno di biologia o medicina.

Dieta di Gillian Keith

Analisi critica della dieta di Gillian McKeith

La McKeith è diventata famosa anche per i suoi modi molto rudi e per i suoi metodi drastici. Si sa, in televisione gli approcci equilibrati funzionano poco, basta guardare i reality show, o i programmi di cucina: non sono di certo i soggetti equilibrati, "normali", che hanno successo. E lo stesso vale per i nutrizionisti: basta pensare al successo che ha avuto un personaggio come Lemme, con i suoi mitici spaghetti agli e olio, rigorosamente insipidi e rigorosamente a colazione, ospitato svariate volte nei più importanti talk show italiani, senza per altro aver alcun titolo inerente alla nutrizione, essendo farmacista.

 

 

La McKeith, essendo così famosa e proponendo soluzioni così strampalate, è stata ovviamente massacrata anche dai media importanti, con articoli sul Guardian, e la stessa pagina su Wikipedia è tutt'altro che positiva, sebbene "imparziale". Ovviamente le pagine che ne tessono le lodi sono migliaia, ma questo vale per tutte le diete: quasi tutti i siti generalisti non parlano male di nessuna dieta, per definizione.

Nel merito, la McKeith non inventa nulla e quindi rimando semplicemente ad altri articoli: la dieta delle combinazioni alimentari, per esempio, per quanto riguarda il fatto di dissociare carboidrati, proteine e frutta.

Per il resto, è ovvio che in una dieta sarebbe meglio non introdurre tutti i giorni, e in quantità importante, cibi ipercalorici o fritti, ed è ovvio che in una dieta sana bisognerebbe mangiare molta frutta e verdura... Sono consigli ovvi ma che poi bisognerebbe inserire all'interno di un programma nutrizionale completo, che possibilmente non preveda consigli assurdi e metodi diagnostici ridicoli, perché in questo modo si complicano le cose rendendo la dieta molto difficilmente adottabile e perseguibile a lungo termine.

Chi riesce a seguire questa dieta molto probabilmente migliorerà il proprio stato di salute (ma potrebbe anche avere dei problemi, seguendola in modo sbagliato), ma sarà poi difficilissimo seguirla a lungo termine, perché troppo drastica e con troppe proibizioni. Ricordo per l'ennesima volta che tutti sono riusciti a dimagrire con una dieta, ma in pochissimi riescono a mantenere il risultato... Cosa che si ottiene solo quando la dieta diventa per sempre.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Cannucce commestibili: alternativa amica dell'ambiente

Le cannucce commestibili sono una valida alternativa a quelle di plastica, di cui consentono di ridurne l'uso. Sono state realizzate con diversi alimenti fra cui mais, zucchero e alghe.


Amido resistente

L'amido resistente è composto da quella parte di amido che resiste al processo di digestione (idrolisi) da parte degli enzimi digestivi dell'intestino tenue.


Carne vegetale: sembra carne ma non lo è

La carne vegetale, poco nota in Italia, è un preparato di origine vegetale che ha sapore, gusto e consistenza simili a quello della carne da allevamento.


Carne artificiale o coltivata: in laboratorio la carne etica

La carne artificiale, o coltivata, è un tipo di carne prodotta in laboratorio. La sua tecnologia di produzione è ancora da mettere a punto e i costi sono ancora elevati.

 


Dieta Carb Lovers (dieta dei carboidrati)

Dieta Carb Lovers: un claim molto furbo quello di proporre i carboidrati per dimagrire, in realtà è la solita dieta da 1200 calorie.


Zapote nero: il frutto al cioccolato

Lo zapote nero è una pianta originaria del Sud America che ha poche calorie e un gusto simile a quello del cioccolato.


Eritritolo: il dolcificante salubre e senza calorie

L'eritritolo è un dolcificante naturale quasi privo di calorie, senza apparenti effetti collaterali e senza retrogusto. Ha un potere dolcificante soddisfacente.


Nutriscore (etichetta a semaforo): utile o dannosa?

Un recente dibattito dell'Unione Europea sulle etichette a semaforo per aiutare la popolazione ad alimentarsi in modo più equilibrato: vantaggi e svantaggi.