La dieta di mantenimento

La dieta di mantenimento è quel regime alimentare che viene spesso prescritto dai professionisti dell'alimentazione a seguito di una dieta dimagrante, al fine di stabilizzare il peso raggiunto.
Nell'immaginario collettivo questo regime alimentare dovrebbe riabituare l'organismo a una alimentazione "normale", simile a quella precedente la dieta dimagrante. Per capire quanto sia assurdo il concetto di dieta di mantenimento intesa in questo senso consideriamo cosa succede prima, durante e dopo una dieta dimagrante.

 

 

Prima della dieta il soggetto è sovrappeso e ha un consumo calorico, supponiamo, di 1800 kcal. La dieta dimagrante lo fa diminuire di peso e lo porta a un consumo calorico inferiore, poiché il grasso in eccesso, per essere mantenuto, va nutrito con una certa quantità di calorie: smaltito il grasso il consumo calorico scende e passa, supponiamo, a 1600 kcal.

Ovvio che se il soggetto ritorna a mangiare 1800 kcal tornerà ad ingrassare.

La dieta di mantenimento prescritta al nostro soggetto, in grado di non far riprendere i kg persi, sarà proprio di 1600 kcal. Quello che non viene detto è che questa dieta andrà condotta per sempre e l'organismo non si abituerà mai a 1800 kcal senza accumulare grasso: il consumo calorico è diminuito fisiologicamente e tale rimarrà per sempre, a meno di non ingrassare di nuovo.

Il problema del nostro soggetto, a questo punto, è evidente. Non capendo nulla o quasi di alimentazione, non è in grado di impostare un regime alimentare di 1600 kcal autonomamente e dunque egli è di fronte a un bivio: o continua a frequentare il professionista che gli prescriverà ogni mese una dieta di mantenimento diversa, oppure è destinato a ingrassare nuovamente e di conseguenza a ricominciare da capo.

 

 

Dieta di mantenimento

Siccome in pochi hanno una forza di volontà (e, permettetemi, un masochismo) tale da seguire un regime alimentare che nella maggior parte dei casi è monotono, privo di fantasia e che appaga ben poco il palato (la dieta di mantenimento), nel 90% dei casi avviene che il soggetto abbandona gradualmente la dieta di mantenimento, torna al regime alimentare precedente e ingrassa nuovamente.

E si convince del fatto che per rimanere magro deve "restare a dieta per tutta la vita".

Come fare per non cadere in questo tranello, che porta all'effetto yoyo o a restare a dieta per sempre?

Bisogna capire che il sovrappeso è il frutto di mille errori alimentari che non si risolvono con una dieta prescritta dall'esterno, ma modificando il nostro modo di mangiare. Una semplice prescrizione non consente di modificare le nostre abitudini, sarebbe come pretendere di smettere di fumare prendendo una pillola.

Mangiare bene si può: ma ci sono mille modi di farlo, non solo quello sbagliato che ci ha portato ad ingrassare.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione

Colesterolo alto? Non eliminare il latte (anche intero)!

Il latte intero è uno degli alimenti che si consiglia di eliminare o ridurre in caso di colesterolo alto. Ma a quanto pare è un consiglio inutile.

Corbezzolo

Il Corbezzolo è considerato in Italia un frutto nazionale per via dei suoi colori.

Latte Omega 3 - Benefici - Abbassa il colesterolo?

Il latte omega 3 è un normale latte al quale vengono addizionati, solitamente tramite l'aggiunta di olio di pesce, i famigerati grassi omega 3.

Vongola

Le vongole, la pesca, l'allevamento, gli usi in cucina e le tipologie più diffuse in Italia (veraci, comuni, lupini).

 

Erogatore d’acqua in azienda o in ufficio, una soluzione comoda e vantaggiosa

Erogatore d’acqua in azienda o in ufficio, una soluzione comoda e vantaggiosa sia dal punto di vista pratico che economico.

Smen (burro fermentato)

Lo smen è il burro salato e fermentato tipico della cucina mediorientale e magrebina. È un prodotto affine al ghee indiano e al niter kibbeh della cucina etiope.

Riso venere: un riso tutto italiano, esclusiva Scotti dal 2021

Il riso venere: un particolare tipo di riso dal chicco nero di origine asiatica ma coltivato anche in Italia.

Fecola di patate: a cosa serve, sostituti e caratteristiche

La fecola di patate viene usata per ricette dolci e salate anche in campo industriale, apprezzata per le sue proprietà addensanti.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.