La dieta di mantenimento

La dieta di mantenimento è quel regime alimentare che viene spesso prescritto dai professionisti dell'alimentazione a seguito di una dieta dimagrante, al fine di stabilizzare il peso raggiunto.
Nell'immaginario collettivo questo regime alimentare dovrebbe riabituare l'organismo a una alimentazione "normale", simile a quella precedente la dieta dimagrante. Per capire quanto sia assurdo il concetto di dieta di mantenimento intesa in questo senso consideriamo cosa succede prima, durante e dopo una dieta dimagrante.

Prima della dieta il soggetto è sovrappeso e ha un consumo calorico, supponiamo, di 1800 kcal. La dieta dimagrante lo fa diminuire di peso e lo porta a un consumo calorico inferiore, poiché il grasso in eccesso, per essere mantenuto, va nutrito con una certa quantità di calorie: smaltito il grasso il consumo calorico scende e passa, supponiamo, a 1600 kcal.

Ovvio che se il soggetto ritorna a mangiare 1800 kcal tornerà ad ingrassare.

La dieta di mantenimento prescritta al nostro soggetto, in grado di non far riprendere i kg persi, sarà proprio di 1600 kcal. Quello che non viene detto è che questa dieta andrà condotta per sempre e l'organismo non si abituerà mai a 1800 kcal senza accumulare grasso: il consumo calorico è diminuito fisiologicamente e tale rimarrà per sempre, a meno di non ingrassare di nuovo.

Il problema del nostro soggetto, a questo punto, è evidente. Non capendo nulla o quasi di alimentazione, non è in grado di impostare un regime alimentare di 1600 kcal autonomamente e dunque egli è di fronte a un bivio: o continua a frequentare il professionista che gli prescriverà ogni mese una dieta di mantenimento diversa, oppure è destinato a ingrassare nuovamente e di conseguenza a ricominciare da capo.

 

 

Dieta di mantenimento

Siccome in pochi hanno una forza di volontà (e, permettetemi, un masochismo) tale da seguire un regime alimentare che nella maggior parte dei casi è monotono, privo di fantasia e che appaga ben poco il palato (la dieta di mantenimento), nel 90% dei casi avviene che il soggetto abbandona gradualmente la dieta di mantenimento, torna al regime alimentare precedente e ingrassa nuovamente.

E si convince del fatto che per rimanere magro deve "restare a dieta per tutta la vita".

Come fare per non cadere in questo tranello, che porta all'effetto yoyo o a restare a dieta per sempre?

Bisogna capire che il sovrappeso è il frutto di mille errori alimentari che non si risolvono con una dieta prescritta dall'esterno, ma modificando il nostro modo di mangiare. Una semplice prescrizione non consente di modificare le nostre abitudini, sarebbe come pretendere di smettere di fumare prendendo una pillola.

Mangiare bene si può: ma ci sono mille modi di farlo, non solo quello sbagliato che ci ha portato ad ingrassare.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Calcolare le calorie della frutta

Il calcolo pratico delle calorie della frutta e la distinzione tra frutta normocalorica e ipercalorica.


Non c'è più la frutta di una volta?

La frutta di una volta era diversa dall'attuale? Sì... Ma era peggio!


Calorie della frutta

Qual è la variabilità media delle calorie della frutta e come regolarsi quando vi è la necessità di capire quante calorie ha la frutta che stiamo mangiando?


Mangiare in bianco: cosa significa? Ha ancora un senso?

Mangiare in bianco: cosa significa e da dove deriva questa abitudine alimentare? Ha senso dal punto di vista medico?

 


Formaggio di alpeggio o di malga

Il formaggio di alpeggio (o di malga) viene prodotto in estate nei pascoli in alta montagna, è la massima espressione del formaggio di qualità.


Latte microfiltrato

Il latte microfiltrato è fresco ma ha una durata doppia rispetto a quello tradizionale: un caso legale.


Mele - Mela

La mela, uno dei frutti più diffusi in tutto il mondo, citato anche nella bibbia, e presente in più di 2000 varietà in tutto il mondo.


I mieli uniflorali e millefiori

I mieli uniflorali derivano da un'unica specie botanica. Scopriamone le caratteristiche e la differenza con i millefiori.