La dieta della frutta

La dieta della frutta, o frutta-dieta, è stata proposta dai dietologi americani Dian e Tom Griesel. Non si tratta, come si potrebbe pensare, di una dieta monocibo, ma è una dieta equilibrata, ipocalorica, dove la frutta è presente praticamente in tutti i pasti, come fonte di carboidrati. I due Griesel l'hanno proposta perché pensano che la frutta sia stata, negli ultimi anni, ingiustamente demonizzata, come cibo ricco di zuccheri e dunque pericoloso per la linea e per la salute. Come vedremo, siamo parzialmente d'accordo con questa tesi (vedi anche l'articolo sulla frutta), anche se a nostro parere i due americani hanno un po' esagerato...

 

 

Come funziona la dieta della frutta

La dieta della frutta è una dieta equilibrata ed ipocalorica che prevede l'assunzione di una notevole varietà di cibi: l'unica peculiarità è la presenza di frutta in tutti i momenti della giornata, sia nei pasti principali che negli spuntini.

Analisi critica della dieta della frutta

Dieta della frutta

La frutta è un alimento molto importante e interessante dal punto di vista nutrizionale, in quanto rappresenta la fonte di carboidrati meno calorica in assoluto dopo la verdura (perché è composta principalmente da acqua), e contiene elementi importantissimi come vitamine e minerali. L'errore che non si deve fare è quello di considerare "libero" il consumo di frutta, perché così facendo è molto facile eccedere nelle calorie giornaliere e vanificare gli sforzi per dimagrire. Come spiego nella mia dieta ideale, nessun alimento può essere libero in una dieta, nemmeno la verdura, perché anche un eccesso di verdura, a prescindere dalle calorie che contiene, può causare ripercussioni negative sul dimagrimento. Altro problema, il contenuto di acqua e zuccheri della frutta, che se assunta durante i pasti principali, può causare problemi digestivi in grado di influenzare negativamente il processo di dimagrimento.

 

 

Dunque, considero la dieta della frutta poco efficace per il dimagrimento, perché mangiare frutta in tutti i pasti comporta sicuramente più problemi che vantaggi.

Concludendo, la frutta, in una dieta dimagrante, andrebbe idealmente assunta in questi momenti della giornata:

  • a colazione, da sola o dolcificata con con miele o marmellata;
  • a pranzo o cena, come sostituto dei carboidrati complessi (pasta, pane, riso, ecc);
  • negli spuntini, da sola.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Distillazione: significato, tipologie, produzione, distillazione degli alcolici

La distillazione è il procedimento di separazione di liquidi secondo il loro punto di ebollizione. Ne esistono diversi tipi e diverse applicazioni, come la produzione di alcolici.


Cookie dough: l'impasto per biscotti goloso e crudo

Il cookie dough è un impasto per biscotti che si consuma crudo. Per questo motivo si prepara in genere senza uova. Ne esistono di diverse versioni con diversi gusti.


Acqua riciclata: come, perché e usi pratici

L'acqua riciclata può essere realizzata a partire dall'acqua piovana anche a livello casalingo attraverso impianti specifici; essi non hanno costi elevati.


Pizza con kiwi: l'erede della pizza hawaiana

La pizza con i kiwi è stata di recente proposta da uno chef svedese, che ha ricevuto per questo anche diversi insulti per aver fatto un'offesa alla tradizione culinaria italiana.

 


Pizza con ananas: gusto, ricetta e variante gourmet

La pizza all'ananas è una variante nata in Canada ma molto diffusa in America. Il gusto è soggettivo: molti la apprezzano, altri la ritengono inaccettabile.


Kombucha: benifici e come si prepara

Il kombicha è una coltura simbionte di lieviti e batteri che viene usato per la preparazione di un tè che i microrganismi fermentano. I suoi benefici sono ancora in dubbio.


Cannucce commestibili: alternativa amica dell'ambiente

Le cannucce commestibili sono una valida alternativa a quelle di plastica, di cui consentono di ridurne l'uso. Sono state realizzate con diversi alimenti fra cui mais, zucchero e alghe.


Amido resistente

L'amido resistente è composto da quella parte di amido che resiste al processo di digestione (idrolisi) da parte degli enzimi digestivi dell'intestino tenue.